Luglio 2022
01020304050607
08091011121314
15161718192021
22232425262728
293031
Vedi tutti gli eventi >>
HOMEPAGE
PRESENTAZIONE SITO
STORIA
ICONA
AKATHISTOS
ORTODOSSIA
LUOGHI
EVENTI
CONTATTI

Privacy

Informativa sull'uso dei Cookies

 


ELEOUSA magazine
Agosto '17

Riaperta la Cattedrale di san Nicola a Kronstadt. La bandiera del Varyag torna in Russia


Nel giorno del suo compleanno, il 20 novembre 2010 Sua Santità il Patriarca di Mosca e di tutta la Russia Kyrill ha celebrato la prima Divina Liturgia nella restaurata cattedrale di San Nicola a Kronstadt. Il servizio è stato trasmesso dalla televisione di San Pietroburgo. Sua Santità è stato raggiunto dal metropolita di San Pietroburgo e Ladoga Vladimir, dai vescovi Serafino del Baltico, Ambrogio di Gatchina, Marcello Peterhof, Sergio Solnechnogorsk, Nazario Vyborg, dagli arcipreti Paolo Krasnotsvetov, rettore della Cattedrale di Kazan a San Pietroburgo, Jay Bohdan, rettore della Cattedrale di San Nicola a San Pietroburgo, Svetoslav Miller, decano della cattedrale di San Nicola di Kronstadt, nonché da padre Antonio (Sevryuk), capo della segreteria personale di Sua Santità, dal clero di San Pietroburgo e di Kronstadt.
Alla funzione religiosa hanno partecipato il presidente del consiglio di fondazione per lo sviluppo spirituale e morale delle nuove generazioni Svetlana Medvedev, il vice capo dell'amministrazione presidenziale russa AD Beglov, il plenipotenziario presidenziale nel II Distretto Federale Nord-Ovest Klebanov, il Ministro della Cultura della Federazione Russa AA Avdeev, il governatore di San Pietroburgo Matvienko, il Vice Ministro della Difesa GM Naginsky, il comandante della Marina ammiraglio VS Vysotsky, il vice-sindaco di Mosca, il vice presidente della Commissione per gli affari esteri della Duma di Stato, il presidente della Fondazione "Cattedrale di San Nicola di Kronstadt” LE Slutsky, il presidente del Consiglio di fondazione S. Andrea Vladimir Yakunin, il vice-governatore di San Pietroburgo AI Vakhmistrov, il presidente dell'Assemblea legislativa di San Pietroburgo, il sindaco di Kronstadt AM Goroshko, l’ambasciatore straordinario e plenipotenziario della Repubblica di Corea in Russia Yunho Lee, il primo segretario dell'Ambasciata della Repubblica di Corea Mun Insok, il console generale della Repubblica di Corea a San Pietroburgo Lee Sok-Bae, una delegazione della Corea del Sud, nonché il presidente del Dipartimento sinodale per le Comunicazioni VR Legoyda.
Al termine della Liturgia, Sua Santità e gli illustri ospiti hanno raggiunto la piazza antistante la cattedrale per partecipare alla cerimonia di recupero della bandiera del "Varyag".
L’incrociatore partecipò ad una delle prime battaglie della guerra russo-giapponese del 1904-1905 nel porto coreano di Chemulpo (ora Inchon), riportando gravi perdite. Per decisione del comandante l’incrociatore fu affondato. Nel 1905, venne riportato in superficie e successivamente collocato nel museo in Corea. L’11 novembre 2010 presso l'ambasciata russa a Seul, alla presenza del presidente russo Medvedev, la bandiera di prua del Varyag è stata trasferita definitivamente in Russia. Dopo la cerimonia di consegna, la bandiera è stata issata a bordo di un incrociatore lanciamissili russo moderno "Varangian". In attesa dei lavori di ristrutturazione del Duomo di Kronstadt, la reliquia è stata conservata nel Museo di San Pietroburgo.
“Noi partecipiamo ad un evento che sarà scritto a lettere d'oro nella storia della nostra Marina e della Patria, - ha detto il Patriarca Kyrill. Attraverso gli sforzi del presidente russo Dmitry Medvedev e la buona volontà della Repubblica di Corea, è stata restituita alla terra di Kronstadt, alla Marina militare russa, il simbolo del coraggio dei nostri soldati, il simbolo del coraggio morale, dell'amore per la Patria, della capacità di sacrificarsi per il bene della madrepatria. L’incrociatore Varyag è un grande simbolo di eroismo dei nostri marinai e un appello per le generazioni più giovani, che nonostante tutte le tentazioni di questo mondo, devono tenere bene a mente e nel proprio cuore i sacri valori delle nostre tradizioni spirituali, tra i quali l’amore per la propria patria, per la propria gente, la capacità di sacrificarsi per gli altri.
Collocheremo ora, sotto le arcate del tempio principale della Marina della Russia – la restaurata Cattedrale di San Nicola di Kronstadt - la sacra reliquia. La Chiesa sarà sempre il luogo di preghiera e di memoria degli eroi del Varyag, e con essa la memoria di tutti i marinai russi che sono morti difendendo la Patria, affinché la gente riconoscente conservi nel cuore la loro memoria. Dio benedica la nostra patria, la Marina, questa città e tutti voi, miei cari fratelli e sorelle”.
All'interno del tempio, il Primate della Chiesa Ortodossa Russa ha accolto il metropolita di San Pietroburgo e Ladoga, che a nome del Santo Sinodo si è congratulato con Sua Santità per il suo compleanno. Quindi, il Patriarca si è rivolto ai fedeli con la parola primaziale e ha letto la lettera che poi è stata incapsulata nella croce, sulla cupola della cattedrale.
Nel suo discorso, Sua Santità si è congratulato con tutti i presenti per “questo grande evento nella vita della Patria, nella vita della Marina e, naturalmente, nella vita della città di Kronstadt. Questo è il primo ufficio patriarcale sotto le arcate del tempio non ancora del tutto restaurato, ma completamente liberato da tutte le distorsioni che sono state fatte a su questa bella costruzione dal male dell'uomo. La sola rimozione di queste distorsioni terribili ha richiesto molto tempo e lo sforzo delle persone, e oggi possiamo vedere la bellezza di questa meravigliosa cattedrale. Eppure c'è tanto da fare, ma oggi è un giorno molto speciale. Il tempio ha ricominciato a vivere come centro spirituale della Marina della Russia, come uno dei centri spirituali della Chiesa e della Patria”.
Poi il Patriarca ha ricordato che “pochi giorni fa la Duma di Stato ha adottato una legge storica sulla restituzione del patrimonio religioso alla Chiesa ortodossa russa. “L'adozione di questa legge è stata molto difficile. Enormi forze hanno cercato di impedire che ciò avvenisse. Questo significa che il nemico del genere umano non lascia speranza di cancellare la memoria del popolo e i simboli sacri di grande valore. A tal proposito, vorrei ringraziare sinceramente il presidente Medvedev, il primo ministro russo Vladimir Putin, la Duma, molti politici e personaggi pubblici per la loro posizione coraggiosa e di principio che ha portato all'adozione di questa legge storica”.
Come dono per la Cattedrale, Sua Santità ha lasciato l’Icona del profeta Elia. Il Primate della Chiesa ortodossa russa ha espresso particolare gratitudine a Svetlana Medvedev per il suo contributo alla rinascita della Cattedrale di San Nicola di Kronstadt, e le ha fatto dono dell’Icona di San Nicola con scene della sua vita. A tutti i fedeli sono state distribuite Icone del Santo con la benedizione patriarcale.
Quindi Sua Santità, il Vice capo dell'amministrazione presidenziale, AD Beglov e il capo della Marina, ammiraglio VS Vysotsky, sono saliti su un ascensore speciale fino al balcone sotto la cupola del Duomo, da dove hanno raggiunto il tetto della chiesa. Il Patriarca ha inserito la capsula con la lettera nella croce e l’ha consacrata. Al termine del servizio, il Patriarca Kyrill, la signora Medvedev e Beglov hanno esaminato i progressi del restauro dei dipinti del tempio.



<< Torna Indietro

Kronstadt - L'arrivo della bandiera del Varyag
Kronstadt - La sacra reliquia nella Cattedrale di San Nicola
Kronstadt - Il Patriarca Kyrill e la signora Medvedev
Agosto '17


Costi abbonamento

Abb. annuale € 30,00
Abb. benemerito € 50,00



Da versare su c/c postale n° 91231985
IBAN IT 11 E 07601 15500 0000912385
intestato a Eleousa di Fernanda Santobuono