Agosto 2020
01020304050607
08091011121314
15161718192021
22232425262728
293031
Vedi tutti gli eventi >>
HOMEPAGE
PRESENTAZIONE SITO
STORIA
ICONA
AKATHISTOS
ORTODOSSIA
LUOGHI
EVENTI
LINK
COMMUNITY
PASSAPAROLA
SPONSOR
CONTATTI

19/05/2020
Russia - Putin al Consiglio economico eurasiatico


Novo Ogaryovo, 19 maggio 2020 – Il presidente Vladimir Putin ha preso parte a una riunione del Consiglio economico eurasiatico supremo in modalità di videoconferenza.
All'incontro hanno partecipato anche il presidente della Bielorussia Aleksandr Lukashenko, il primo ministro dell'Armenia Nikol Pashinyan, il presidente del Kazakistan Kasym-Zhomart Tokayev, il presidente del Kirghizistan Sooronbai Jeenbekov, capo dello Stato osservatore presso l'Unione economica eurasiatica, il presidente della Moldavia Igor Dodon e il presidente del consiglio di amministrazione della Commissione economica eurasiatica Mikhail Mjasnikovich.

***

Vladimir Putin: Cari colleghi, di nuovo buon pomeriggio!

Voi avete già notato che viviamo in tempi non facili, si potrebbe dire difficili, associati a una pandemia. Tutto ciò si riflette direttamente nella nostra interazione, si riflette nell'economia, nei contatti diretti tra le persone e questo crea alcune difficoltà nell'attuazione della nostra agenda comune. Tuttavia, la Bielorussia, che attualmente presiede la nostra organizzazione, sta trovando attivamente opportunità, voglio sottolineare questo, continuando attivamente il nostro lavoro congiunto. Voglio ringraziare il Presidente della Bielorussia, questo è il secondo evento che si tiene. Il 14 aprile c’è già stato un evento simile, c'è stata una videoconferenza dei membri del Consiglio economico eurasiatico supremo, la Commissione sta lavorando attivamente anche con un rappresentante della Bielorussia, penso che questo sia un buon esempio da seguire.





Naturalmente, siamo tutti interessati a garantire lo sviluppo dinamico della nostra associazione. Funziona da più di cinque anni, porta benefici tangibili a tutti i nostri Stati, contribuisce a risolvere i compiti più importanti dello sviluppo delle economie nazionali, migliorando gli standard di vita dei nostri cittadini.

Il progetto di strategia per lo sviluppo dell'integrazione economica eurasiatica fino al 2025, che è stato preparato per l'incontro di oggi, è orientato all'ulteriore approfondimento della cooperazione poliedrica nel quadro dei Cinque. Presenta compiti complessi per completare la formazione di un mercato comune di beni, servizi, capitali e lavoro, migliorare la regolamentazione doganale e amministrativa e creare uno spazio digitale. Anche i colleghi hanno parlato di questo, mi associo, questa è un'area molto importante. Ciò include anche la costruzione di un sistema per la gestione di progetti di cooperazione congiunti in settori ad alte prestazioni dell'economia.

La strategia pone le basi per intensificare i processi di sostituzione delle importazioni, la localizzazione industriale e la promozione di iniziative comuni di integrazione. Nei nostri Paesi devono essere create nuove capacità produttive che garantiscano la sicurezza alimentare, la produzione di beni essenziali e altri prodotti di fondamentale importanza.

Le direzioni strategiche prevedono l'espansione della cooperazione tra gli Stati membri dell’Unione economica eurasiatica nei settori della ricerca scientifica, della tecnologia e della sfera umanitaria. Si prevede di attuare grandi progetti congiunti nel campo dell'istruzione professionale e universitaria, della formazione, dell'aumento della mobilità accademica e dell'attuazione di programmi educativi multilaterali. Naturalmente, tali ambiziosi piani per lo sviluppo dell'Unione economica eurasiatica per il periodo fino al 2025 richiedono un'interazione ancora più attiva e uno stretto coordinamento da parte di tutti gli Stati membri. Ma nel complesso, riteniamo che questo sia un documento veramente completo che delinei il corso dell’Unione economica eurasiatica per il futuro immediato e il medio termine. La sua adozione creerà una base affidabile per approfondire l'integrazione, continuando il riavvicinamento delle nostre economie e ampliando le sfere della nostra cooperazione.

Quasi l’intero progetto è stato concordato, ad eccezione di una clausola relativa alle tariffe di trasporto del gas. Lo ha detto anche il precedente oratore, il Presidente del Kirghizistan. Questo si riferisce alla formula supportata da tre Paesi: Russia, Kazakistan e Kirghizistan. In base a questo approccio, l'accordo sui prezzi del gas potrebbe essere raggiunto in seguito nell'ambito dei colloqui sulla costruzione di un mercato comune del gas all'interno dell’Unione economica eurasiatica. I nostri colleghi armeni e bielorussi non hanno ancora accettato questa formula. Hanno il loro punto di vista su questo argomento. Se avessero accettato questo approccio, non sarebbero rimasti altri ostacoli per l'approvazione della Strategia.

Per quanto riguarda la tariffa comune proposta dai nostri amici armeni e bielorussi per i servizi di trasporto e transito del gas, riteniamo che una tariffa unica possa essere attuata solo su un mercato unico con un bilancio unico, un sistema fiscale unificato. Un livello così profondo di integrazione nell’Unione economica eurasiatica non è stato ancora raggiunto, ne siamo consapevoli, ma per ora i prezzi del gas dovrebbero essere formati sulla base delle condizioni di mercato, tenere conto dei costi e degli investimenti dei fornitori e garantire anche un ragionevole tasso di rendimento del capitale investito nella produzione. Questa, cari colleghi, è una pratica comune in tutto il mondo.

Se le posizioni dei nostri amici armeni e bielorussi rimangono invariate, sarebbe probabilmente logico escludere l'articolo sul gas dal progetto di strategia al fine di approvarlo oggi. La discussione sugli approcci alla tariffazione del gas può essere proseguita attraverso esperti degli Stati membri della Commissione economica eurasiatica. A proposito, essa ha una responsabilità speciale per il raggiungimento degli obiettivi strategici che stiamo per delineare A tal fine, è necessario rafforzare il ruolo organizzativo della commissione, rafforzare la sua responsabilità, anche per l'attuazione delle decisioni adottate dal Consiglio economico eurasiatico supremo.

Riteniamo inoltre opportuno collegare più attivamente la Banca eurasiatica di sviluppo e il Fondo di stabilizzazione eurasiatico alle attività della Commissione economica eurasiatica. Questi meccanismi finanziari regionali possono e dovrebbero facilitare l'attuazione di grandi progetti di integrazione congiunta.

Naturalmente, è importante continuare a svolgere attività volte a rafforzare la cooperazione economica reciprocamente vantaggiosa dell’Unione economica eurasiatica con i partner stranieri interessati.

Molti Stati e strutture di integrazione hanno già stabilito stretti contatti diretti con l’Unione economica eurasiatica e la loro cerchia è in costante crescita. Le attività dell’Unione comprendono accordi internazionali con Cina, Vietnam, Iran, Serbia, Singapore, i negoziati con Israele ed Egitto sono in fase avanzata e sono state avviate consultazioni commerciali con l'India.

Ovviamente, vale la pena prestare attenzione prioritaria al mantenimento di vari formati di dialogo con altri partner, specialmente con la Comunità degli Stati indipendenti, e all'ampliamento dei legami con l'Associazione delle nazioni del Sud-Est asiatico e l'Organizzazione per la cooperazione di Shanghai. Sono convinto che il lavoro congiunto con queste importanti associazioni regionali, nonché continuando gli sforzi per coordinare l'attività della Comunità economica eurasiatica con l'iniziativa cinese «Una cintura, una strada» consentiranno in futuro di realizzare il progetto di creazione di un grande partenariato eurasiatico.

La nostra associazione affronta compiti davvero grandi e su larga scala. Molto resta ancora da fare per sconfiggere finalmente l'epidemia da coronavirus, ripristinare la crescita economica e risolvere i problemi sociali. Naturalmente, la Russia sarà in costante contatto con tutti i nostri colleghi e amici. Troveremo un modo di lavorare attivamente, come ha fatto la Bielorussia. Ancora una volta voglio sottolineare: la Russia è interessata allo sviluppo della nostra associazione.

Voglio ringraziare tutti i miei colleghi per il lavoro congiunto odierno ed esprimere la mia gratitudine al presidente della Bielorussia Alexander Grigoryevich Lukashenko.

Grazie mille.


(Fonte: kremlin.ru)


<<Torna Indietro

Novo Ogaryovo – Il presidente Putin partecipa alla riunione del Consiglio economico eurasiatico supremo tramite videoconferenza.
Novo Ogaryovo – Il presidente Putin partecipa alla riunione del Consiglio economico eurasiatico supremo tramite videoconferenza.
Novo Ogaryovo – Putin durante la riunione del Consiglio economico eurasiatico supremo tramite videoconferenza.
Novo Ogaryovo – Il Capo di Stato russo durante la riunione del Consiglio economico eurasiatico supremo tramite videoconferenza.
Novo Ogaryovo – Il Presidente durante la riunione del Consiglio economico eurasiatico supremo tramite videoconferenza.
Agosto '17