Aprile 2020
01020304050607
08091011121314
15161718192021
22232425262728
2930
Vedi tutti gli eventi >>
HOMEPAGE
PRESENTAZIONE SITO
STORIA
ICONA
AKATHISTOS
ORTODOSSIA
LUOGHI
EVENTI
LINK
COMMUNITY
PASSAPAROLA
SPONSOR
CONTATTI

19/08/2019
Russia - MiG 31 ai limiti della stratosfera


Mosca, 19 agosto 2019 - Il Ministero della Difesa russo pubblica un video dei nuovi MiG-31BM, intercettori da combattimento ad altissima quota della flotta del Pacifico in addestramento.
Il canale Zvezda ha pubblicato il video del volo di addestramento di un intercettore MiG-31BM da combattimento ad alta quota dell'aviazione navale della flotta del Pacifico. Dalle riprese fatte dalle telecamere poste nella cabina di pilotaggio sono visibili decollo, salita e il volo nella stratosfera. L’esercitazione consisteva nell’intercettare un velivolo ‘intruso’ nello spazio aereo russo.
«Per la prima volta i nuovi intercettori da combattimento modernizzati ad alta quota MiG-31BM hanno preso parte agli addestramenti», ha comunicato il servizio stampa del Distretto militare orientale.
Il volo è stato effettuato ad un'altitudine di oltre 20mila metri e ad una velocità di 2500 chilometri all'ora. L'equipaggio ha dovuto cercare un nemico fittizio senza la possibilità di coinvolgere i sistemi di difesa aerea a terra.
Il MiG-31 è un intercettore supersonico da combattimento multifunzionale a due posti a lunga percorrenza. Progettato per intercettare e distruggere bersagli aerei a tutte le quote, anche altissime, in qualsiasi condizione di visibilità e anche quando il nemico utilizza interferenze radar attive e passive.
Il MiG-31BM è una versione aggiornata del MiG-31 dotata di un nuovo sistema di controllo degli armamenti e un radar più potente.
Sui velivoli E-166 e MiG-25 sono stati stabiliti 18 record mondiali di aviazione (di cui tre assoluti), velocità, massimale dinamico, capacità di carico e velocità di salita. In particolare, detiene ancora il record di altitudine di volo (37.650 metri) per velivoli a reazione con equipaggio, stabilito il 31 agosto 1977 dal pilota Alexander Fedotov su di un caccia sperimentale MiG-25M.
Perché un aereo non può andare oltre la stratosfera ed arrivare nello spazio?
Gli aerei decollano e si mantengono in quota sfruttando la differenza di pressione tra il flusso d’aria sopra le ali e quello sotto le ali (effetto Venturi/portanza).
All’aumentare dell’altitudine l’aria diventa sempre più rarefatta quindi diminuisce la differenza di pressione tra l’aria che sta sopra e quella che sta sotto le ali. Ne consegue che l’aereo smette di salire per mancanza di portanza. Potrebbe continuare a salire solo se invece di sfruttare la portanza fosse dotato di un propulsore tale da poter superare l’attrazione gravitazionale. Questi propulsori hanno bisogno di una quantità enorme di carburante e non possono essere montati serbatoi così grandi sui caccia. Motivo per cui gli shuttle sono sì aerei ma vengono lanciati in orbita dai razzi e possono sfruttare l’aerodinamica aerea solo per i rientri.

(Fonte: it.sputniknews.com)


<<Torna Indietro

Il Mikoyan MiG 31 è un jet intercettore supersonico a lungo raggio per tutte le stagioni. @ Sputnik. Vitalij Ankov.
Agosto '17