Dicembre 2019
01020304050607
08091011121314
15161718192021
22232425262728
293031
Vedi tutti gli eventi >>
HOMEPAGE
PRESENTAZIONE SITO
STORIA
ICONA
AKATHISTOS
ORTODOSSIA
LUOGHI
EVENTI
LINK
COMMUNITY
PASSAPAROLA
SPONSOR
CONTATTI

ELEOUSA magazine
Agosto '17

Festa di San Sergio di Radonež. Liturgia patriarcale nella Laura della Trinità a Sergiev Posad


«Nella persona di San Sergio di Radonež il popolo russo ha preso coscienza di sé, del proprio posto storico-culturale, della propria missione nella cultura, e solo allora, una volta consapevole, ha ottenuto il diritto storico dell’indipendenza». Così affermò Pavel Florenskij nella sua principale opera «La mistica e l’anima russa». San Sergio rappresenta l’unità dell’anima russa, colui che ha dato al popolo russo la coscienza della propria dignità. Egli fu punto di riferimento per il monachesimo della Russia settentrionale e oggi il monastero della Santa Trinità da Lui fondato è meta di continui pellegrinaggi. «Questo monastero non ha eguali né in terra di Mosca né nel mondo intero», disse l’arcidiacono Paolo di Aleppo quando visitò per la prima volta il monastero. Ne sono stati fondati altri venti nella Russia centrale e nord-orientale durante la vita del santo.
Altri trenta ne sono stati fondati dopo la sua morte. Questi centri sono diventati punti di riferimento della religione ortodossa e della vita spirituale.
San Sergio morì l’8 ottobre del 1392 all’età di 78 anni, lasciando un’impronta profonda nei suoi discepoli e nei suoi contemporanei, sia per la sua esperienza mistica che per la sua grande carica umana, arricchita da mitezza e accogliente umiltà. La Chiesa ortodossa russa lo ha glorificato tra i santi nel 1448, anno dell’autocefalia del Patriarcato di Mosca dopo il Concilio di Firenze (1445), a seguito del quale prese inizio il controverso fenomeno dell’uniatismo, una vera e propria ferita sanguinante sul corpo del cristianesimo in seno alle Chiese ortodosse di Russia, Ucraina, Slovacchia e Romania.
San Sergio Viene ricordato l’11 maggio, giorno della sua nascita, il 18 luglio, festa del ritrovamento delle sue reliquie, e l’8 ottobre, giorno del suo riposo.


Alla vigilia della memoria del riposo di San Sergio di Radonež, Taumaturgo di tutta la Rus’ (1392), e nell’anno del 700° anniversario della nascita del santo, martedì 7 ottobre Sua Santità il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’ Kirill ha celebrato i Piccoli Vespri e la Veglia di Tutta la Notte nella Cattedrale della Santa Trinità della Laura della Trinità Divina di San Sergio a Sergiev Posad, nella regione di Mosca.
Lo stesso giorno il Primate della Chiesa russa ha inviato un messaggio di auguri al Presidente della Federazione Russa Vladimir Putin, che in questo giorno compie gli anni.
Al suo arrivo al monastero, Sua Santità Vladyka ha incontrato presso la porta santa della Laura il rettore dell’Accademia Teologica di Mosca, arcivescovo Evgenij di Vereja, il vicario del monastero, arcivescovo Feognost di Sergiev Posad, presidente del Dipartimento sinodale per i monasteri e la vita monastica, il capo della Segreteria amministrativa del Patriarcato di Mosca, vescovo Sergej di Solnechnogorsk, i monaci del monastero.
Il Primate della Chiesa ortodossa russa si è diretto nell'antica Cattedrale della Santa Trinità, dove ha venerato le preziose reliquie di San Sergio di Radonež, e poi ha tenuto i Piccoli Vespri con la lettura dell’Akathistos al santo.
Hanno concelebrato con Sua Santità: il metropolita di Krutitsij e Kolomna Juvenalij, il metropolita di Tashkent e Uzbekistan Vikentij, capo del Distretto metropolitano dell'Asia centrale, il metropolita di San Pietroburgo e Ladoga Varsonofij, cancelliere del Patriarcato di Mosca, il metropolita Pavel di Minsk e Slutsk, Esarca Patriarcale di tutta la Bielorussia, il metropolita Hilarion di Volokolamsk, presidente del Dipartimento per le relazioni ecclesiastiche esterne del Patriarcato di Mosca, il metropolita Arsenij di Istra, primo vicario di Sua Santità il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’, l’arcivescovo Evgenij di Vereja, l’arcivescovo Feognost di Sergiev Posad, il decano della Laura della Trinità di San Sergio, archimandrita Pavel (Krivonogov), il vescovo Sava di Voskresenskij, il rappresentante del Patriarca della Bulgaria presso il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’, archimandrita Theoktistos (Dimitrov), il vicario del monastero della Trasfigurazione delle Solovki, archimandrita Porfirij (Shutov), il vicario del monastero stavropigiale di San Nicola di Ugresha, igumeno Varfolomej (Petrov), e il clero.
I canti sono stati eseguiti dal coro dell'Accademia Teologica di Mosca, diretto dallo ieromonaco Nestor (Volkov). Tra i fedeli hanno pregato i partecipanti alla riunione degli igumeni e delle igumene dei monasteri della Chiesa ortodossa russa, che si è svolta l’8 ottobre presso la Laura della Trinità di San Sergio.
Al termine del servizio, Sua Santità il Patriarca Kirill si è rivolto a tutti i partecipanti al servizio: «Mi congratulo di cuore con tutti voi, miei cari vescovi, padri, fratelli, madri igumene, sorelle, per questa grande festa per tutti noi, la memoria del nostro santo padre Sergio, igumeno di Radonež e taumaturgo di tutta la Rus’. Le sue preghiere al Signore non mancheranno di mantenere questa santa Laura, la nostra Chiesa e la nostra nazione nella pace e nella pietà. Dio vi benedica».
Come da tradizione i servizi episcopali sono stati tenuti anche nelle altre chiese della Laura della Trinità Divina di San Sergio, in particolare nella Cattedrale della Dormizione, nella chiesa di San Sergio presso il refettorio, nel tempio del Santo Spirito, nella chiesa dell’Intercessione della Madre di Dio dell'Accademia Teologica, nella chiesa di San Giovanni Climaco e nello skit di Chernigov.

Festa di San Sergio di Radonež
Nel giorno della memoria di San Sergio di Radonež, Sua Santità il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’ Kirill ha celebrato la Divina Liturgia nella Cattedrale della Dormizione della Laura della Trinità Divina di San Sergio.
Hanno concelebrato con Sua Santità il metropolita di Kiev e di tutta l'Ucraina Onufrij, Primate della Chiesa ortodossa ucraina, il metropolita Pavel di Minsk e Slutsk, Esarca Patriarcale di tutta la Bielorussia, il metropolita Barnaba di Cheboksary e Chuvashia, il metropolita Sergej di Voronezh e Liski, il metropolita Aleksej di Tula e Yefremov, il metropolita Arsenij di Istra, primo vicario del Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’ a Mosca, il metropolita Evlogij di Vladimir e Suzdal, il metropolita Feodosij di Tambov e Rasskazovo, il metropolita Serafim di Penza e Nižnij Lomov, il metropolita di Porfirij di Zagabria e Lubiana (Chiesa ortodossa serba ), l’arcivescovo Feognost di Sergiev Posad, presidente del Dipartimento sinodale per i monasteri e il monachesimo, vicario di Laura della Trinità di San Sergio, l’arcivescovo Mark di Egoryevsk, presidente del Dipartimento economico e finanziario del Patriarcato di Mosca, responsabile del segretariato del Patriarcato di Mosca per le istituzioni estere, il vescovo Feofilakt di Dmitrov, vicario del monastero stavropigiale di Sant'Andrea, il vescovo Anthony di Moravich, rappresentante della Chiesa ortodossa serba presso il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’, il vescovo Sergij di Solnechnogorsk, capo della Segreteria amministrativa del Patriarcato di Mosca, il vescovo Panteleimon di Orekhovo-Zuevo, presidente del Dipartimento sinodale per la carità della Chiesa e il servizio sociale, il vescovo Pavel di Khanty-Mansijsk e Surgut, il vescovo Sava di Voskresenskij, primo vicecapo del personale del Patriarcato di Mosca, il vescovo Ignatij di Vologda e Velikij Ustyug, il vescovo Isidor di Smolensk e Vjazm, il vescovo Paisij di Shchigry e Manturovo; il segretario del Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’ a Mosca, arciprete Vladimir Divakov, il vicario del monastero stavropigiale maschile di San Daniele nella città di Mosca, archimandrita Aleksej (Polikarpov), l’igumeno del monastero di Simonopetra sul Monte Athos, archimandrita Elisej, il rappresentante del Patriarca di Bulgaria presso il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’, archimandrita Theoktistos (Dimitrov), il vicario del monastero della Santa Trasfigurazione delle Solovki, archimandrita Porfirij (Shutov), il decano della Laura della Trinità di San Sergio, archimandrita Pavel (Krivonogov), il vicario del monastero stavropigiale di San Nicola di Ugresha, igumeno Varfolomej (Petrov), l’arciprete Mikhail Dudich (Chiesa ortodossa polacca), il clero della diocesi di Mosca.
Tra i fedeli erano presenti il metropolita Athanasios di Limassol (Chiesa ortodossa di Cipro) e i partecipanti alla riunione degli igumeni e delle igumene dei monasteri della Chiesa ortodossa russa per il 700° anniversario della nascita di San Sergio di Radonež.
Al servizio di culto hanno partecipato l’inviato plenipotenziario del Presidente della Federazione Russa nel Distretto Federale Centrale Aleksàndr Beglov, il ministro per le Risorse Naturali e l’Ecologia Sergej Donskoy, l’amministrare delegato della società statale per l’energia nucleare «Rosatom» Sergey Kiriyenko, il presidente del Comitato della Duma di Stato per la Comunità degli Stati Indipendenti, l’integrazione euroasiatica e le relazioni con i connazionali Leonid Slutsky, il governatore della regione di Tula Vladimir Gruzdev, il presidente della Duma della regione di Mosca Igor Bryntsalov, il ministro della Cultura della regione di Mosca Oleg Rozhnov, il capo del distretto di Sergiev Posad Sergej Pakhomov, il sindaco di Sergiev Posad Viktor Bukin, il capo dell’area metropolitana di Odintsovo Andrej Ivanov.
I canti liturgici sono stati eseguiti dal coro della Laura della Trinità di San Sergio (diretto dall’archimandrita Gleb (Kozhevnikov).
Dopo le litanie il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus' Kirill ha pregato per la pace in Ucraina.
Poi il Primate della Chiesa russa ha ordinato al sacerdozio il diacono Valerij Dukhanin, vicerettore per gli affari accademici del Seminario Teologico di San Nicola di Ugresha.
Il discorso prima della Comunione è stato tenuto dall’archimandrita Ilija (Reyzmir), monaco della Laura della Trinità di San Sergio.
In questo giorno, i servizi episcopali sono stati tenuti anche nelle altre chiese della Laura. La Divina Liturgia nella Cattedrale della Santa Trinità è stata celebrata dal cancelliere del Patriarcato di Mosca, metropolita Varsonofij di San Pietroburgo e Ladoga, nella chiesa di San Sergio del refettorio - dal metropolita Juvenalij di Krutitskij e Kolomna, nel tempio dello Spirito Santo - dal presidente del Dipartimento per le relazioni ecclesiastiche esterne del Patriarcato di Mosca, metropolita Hilarion di Volokolamsk , nel tempio dell’Intercessione della Madre di Dio presso l’Accademia Teologica - dal capo del Distretto metropolitano dell'Asia centrale, metropolita Vikentij di Tashkent e Uzbekistan, nella chiesa di San Giovanni della Scala - dal metropolita Sergej di Ternopil e Kremenets, nello skit di Chernigov della Laura - dal presidente del Dipartimento missionario, metropolita Ioann di Belgorod e Stary Oskol.
Al termine della Divina Liturgia, Sua Santità il Patriarca Kirill e i gerarchi che hanno concelebrato si sono diretti in processione verso la Piazza delle Cattedrali del monastero, dove è stata tenuta una preghiera di lode dinanzi alla venerata icona di San Sergio di Radonež. Al termine del servizio, Sua Santità il Patriarca Kirill dal balcone delle camere patriarcali si è rivolto ai fedeli con la parola primaziale.
Il Primate della Chiesa ortodossa russa ha benedetto i giovani che hanno prestato la loro opera durante lo svolgimento delle celebrazioni per il 700° anniversario della nascita di San Sergio di Radonež.
In ricordo della celebrazione per il 622° anniversario del riposo di San Sergio di Radonež, ai fedeli sono state distribuite piccole icone del santo con la benedizione patriarcale.


Gli auguri al Presidente Vladimir Putin

Sua Eccellenza Vladimir Vladimirovič Putin, Presidente della Federazione Russa

Vostra Eccellenza,
caro Vladimir Vladimirovich!

Nel giorno del Vostro compleanno Vi prego di accettare le mie congratulazioni insieme ad auguri sinceri di forza, aiuto di Dio e benedizione per il successo nel servizio alla Russia e al nostro popolo.
Da molti decenni Voi con dedizione e proficuo lavoro ricoprite posizioni di rilievo, tra cui la carica di Capo dello Stato, e il Vostro lavoro è diventato una parte integrante della storia nazionale.
Un ringraziamento speciale vorrei rivolgere a Voi in questo giorno per la Vostra premura verso la condizione spirituale del popolo e per la Vostra
costante attenzione alle attività della Chiesa ortodossa russa. Con il sostegno della leadership del Paese continuate ancora oggi a rafforzare le fondamenta morali della società, demolite negli anni passati, a ricostruire i luoghi sacri, a costruire nuovi templi. Tutto questo suscita una risposta riconoscente nei cuori dei credenti.
Ora stiamo attraversando un momento difficile, in cui si cerca di fare pressione sulla Russia. Sono convinto che in queste situazioni è particolarmente importante rimanere fedeli a quegli ideali spirituali e morali che hanno plasmato la nostra Patria, la sua grande storia e cultura.
Che Dio vi mantenga in buona salute
per molti anni,

+ Kirill
Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’




<< Torna Indietro

Cupole della Cattedrale della Dormizione della Laura della Trinità di San Sergio a Sergiev Posad
Sergiev Posad - Servizio patriarcale nella Laura della Trinità di San Sergio
Agosto '17