Dicembre 2019
01020304050607
08091011121314
15161718192021
22232425262728
293031
Vedi tutti gli eventi >>
HOMEPAGE
PRESENTAZIONE SITO
STORIA
ICONA
AKATHISTOS
ORTODOSSIA
LUOGHI
EVENTI
LINK
COMMUNITY
PASSAPAROLA
SPONSOR
CONTATTI

ELEOUSA magazine
Agosto '17

Nel 634° anniversario della battaglia di Kulikovo. Inaugurato il monumento al principe Dmitrij Donskoj


Il Campo di Kulikovo è situato vicino al fiume Don, a 140 km dalla città di Tula. È il sito della famosa battaglia di Kulikovo, combattuta il 21 settembre 1380 tra il Khanato dell'Orda d'Oro, guidato da Mamai, e i russi guidati dal principe Dmitrij Donskoj, che prima della battaglia fu benedetto da San Sergio di Radonež. La battaglia si concluse con la vittoria della Russia.
Oggi il Campo di Kulikovo ospita un complesso museale, che comprende una colonna di 28 metri sulla Collina Rossa ed una chiesa memoriale.
Il 21 settembre 2014, presso il complesso memoriale è stato inaugurato il monumento «Benedizione di San Sergio di Radonež al principe Dmitrij Donskoj prima della battaglia», alla presenza di Sua Santità il Patriarca Kirill e del primo ministro della Federazione Russa Dmitrij Medvedev.
Il Primate della Chiesa ortodossa russa ha eseguito il rito di benedizione del monumento. L'opera è stata realizzata nell’ambito del programma delle celebrazioni per il 700° anniversario della nascita di San Sergio di Radonež dall'artista-scultore russo Fedor Parshin. Il monumento, alto 2,5 metri, è costituito da due figure in bronzo: San Sergio di Radonež e in ginocchio il granduca Dmitrij Donskoj. Il piedistallo del monumento è alto 2,2 metri e decorato con granito. La scultura è stata donata alla regione di Tula dal Fondo di beneficenza per la conservazione del patrimonio spirituale di San Sergio di Radonež. A Tula visse Lev Tolstoj nella sua tenuta di Jàsnaja Poljàna, dove scrisse il celebre romanzo «Guerra e pace» (1863-1869), ambientato tra il 1805 e il 1812, anno della vittoria russa sulle truppe di Napoleone.


Nel giorno della festa della Natività della Santissima Madre di Dio e del 634° anniversario della battaglia di Kulikovo, Giorno di gloria militare della Russia, nell’ambito del programma Chiesa-Stato per la celebrazione del 700° anniversario della nascita di San Sergio di Radonež (1314-1380), il 21 settembre 2014 Sua Santità il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’ Kirill e il primo ministro della Federazione Russa Dmitrij Medvedev hanno preso parte ai festeggiamenti presso il Museo-riserva storico-militare e naturale «Campo di Kulikovo».
Il Primate della Chiesa ortodossa russa ha celebrato la Divina Liturgia nella chiesa di San Sergio di Radonež sul campo di Kulikovo - compound della Laura della Trinità di San Sergio.
Hanno concelebrato con Sua Santità: il metropolita Aleksej di Tula ed Efremov, l’arcivescovo Feognost di Sergiev Posad , vicario della Laura della Trinità di San Sergio e presidente del Dipartimento sinodale per i monasteri e il monachesimo, i vescovi Maksim di Elec e Lebedjan', Roman di Serpukhov, Sergij di Solnechnogorsk, capo della Segreteria amministrativa del Patriarcato di Mosca, e Serafim di Belëv e Aleksin, l’arciprete Lev Makhno, abate della chiesa dei Dodici Apostoli a Tula, rettore del Liceo classico ortodosso di Tula, direttore del Dipartimento di Teologia dell’Università statale di Tula, l’archimandrita Pavel (Krivonogov), decano della Laura della Trinità di San Sergio, l’igumeno Khristofer (Boychuk), rettore della chiesa di San Sergio di Radonež al campo di Kulikovo, il clero della metropolita di Tula e della Laura della Trinità di San Sergio.
Durante il culto patriarcale i canti sono stati eseguiti dal coro dell'Accademia Teologica di Mosca, diretto dallo ieromonaco Nestor (Volkov).
Al servizio divino erano presenti il primo ministro della Federazione Russa, Dmitrij Medvedev, il rappresentante plenipotenziario del Presidente della Federazione Russa nel Distretto Federale Centrale, Aleksàndr Beglov, il ministro della Cultura della Federazione Russa Vladimir Medinskij, il governatore della regione di Tula Vladimir Gruzdev, il primo vicegovernatore della regione di Tula, Yurij Andrianov.
Tra gli ospiti d'onore c’erano i membri del gruppo di lavoro sotto il Presidente della Federazione Russa per la preparazione delle celebrazioni in onore del 700° anniversario della nascita di san Sergio di Radonež e del Comitato organizzatore della Chiesa ortodossa russa per le celebrazioni dell'anniversario, così come filantropi e molti pellegrini.
Il culto Patriarcale è stato trasmesso in diretta sul primo canale televisivo di Tula, attraverso il quale i fedeli hanno potuto seguire il servizio divino all’esterno del tempio.
Dopo le litanie, Sua Santità il Patriarca Kirill ha pregato per la pace in Ucraina. Sono state elevate anche preghiere per il riposo delle anime dei defunti servi di Dio «capi e guerrieri caduti sul campo Kulikovo per la fede e per la Patria».
Durante la Liturgia Sua Santità il Patriarca Kirill ha ordinato sacerdote il diacono Ilija Ermakov, chierico della chiesa dell’icona della Madre di Dio di Vladimir a Sud di Butovo, a Mosca.
Il discorso prima della Comunione è stato pronunciato dall’archimandrita Zakharija (Shkurihin), facente funzioni di confessore della Laura della Trinità di San Sergio.
Al termine della Liturgia, Sua Santità il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’ Kirill si è rivolto ai fedeli con un breve discorso, in cui si è congratulato con il primo ministro della Federazione Russa, con il governatore dell'oblast di Tula, con i vescovi e con tutti i fedeli per la celebrazione del 700° anniversario della nascita di San Sergio di Radonež.
«Tutti ricordano la celebrazione nel mese di luglio presso la Laura della Trinità di San Sergio e oggi siamo qui sul campo di Kulikovo per nostro Paese e hanno gettato le basi per la sua liberazione dal giogo straniero, sia il nome di San Sergio, che è stato direttamente coinvolto in questa battaglia», - ha detto Sua Santità.
Il Primate della Chiesa russa ha ringraziato il clero della chiesa di San Sergio di Radonež al campo di Kulikovo per il suo impegno nella cura pastorale dei residenti locali e dei numerosi pellegrini. Come dono al tempio, Sua Santità Vladyka ha presentato i veli per la Liturgia di Pasqua, che servono per coprire il diskos e il calice. Ai fedeli sono state distribuite piccole icone di San Sergio di Radonež con la benedizione patriarcale.
L'idea di costruire la chiesa memoriale di San Sergio di Radonež sul Campo di Kulikovo, presso il complesso museale, che comprende anche una colonna alta 28 metri sulla Collina Rossa, fu proposta negli anni '20 del XIX secolo dal governatore generale Aleksandr Balashov (1770-1837), confidente dell’imperatore Alessandro I, che accompagnò lo zar durante la guerra del 1812 contro Napoleone Bonaparte.
Il progetto originale del tempio fu realizzato dall'architetto Aleksandr Bryullov (1799-1877); nel 1836, il progetto fu approvato dall'imperatore Nicola I di Russia (1796-1855). Tuttavia, nel riesame (1845), l'imperatore ordinò di semplificare la progettazione, limitandola solo ad un monumento al principe Dmitrij Donskoj (1350-1389).
Sulla questione della costruzione del tempio intervennero il clero e la nobiltà di Tula agli inizi del XX secolo. Nel 1902, il conte Andrej Olsufiev (1872-1924) donò circa quaranta ettari di terreno per la costruzione del tempio. Due anni più tardi, il vescovo Pitirim, che aveva la cura pastorale della diocesi di Tula, chiese al Sinodo e allo zar Nicola II l'approvazione per la costruzione del tempio e l’ottenne.
Il progetto fu affidato al famoso architetto della Russia Aleksej Ščusev (1873-1949). La commissione edilizia fu presieduta dal conte Yurij Olsufiev (1869-1938), tutore altruista e coraggioso dei valori culturali e storici della Laura della Trinità di San Sergio e del Cremlino di Mosca durante l’epoca sovietica. Fu ucciso al poligono di Butovo.
L’architetto Schusev lavorò a lungo sul tempio. La versione iniziale (1906) venne parzialmente rielaborata giungendo a conclusione solo nel 1911. La composizione in tre parti dell'edificio metaforicamente si rifà al dipinto di Viktor Vasnetsov (1848-1926) «Gli eroi» (1898). L'edificio si compone di tre volumi - due torri laterali e l'attuale chiesa con cupole torreggianti.
La costruzione iniziò il 16 (29) giugno 1913. Verso la fine del 1914 i lavori erano in gran parte ltimati. Durante la prima guerra mondiale subirono
un rallentamento, ma nel 1917 i lavori furono ultimati, rimanendo da eseguire solo le decorazioni interne. Nel 1918, la chiesa passò di proprietà allo Stato.
I servizi liturgici nella chiesa furono celebrati fino al 1940, quando il tempio fu chiuso e al suo interno fu allestita una mostra dedicata al 560° anniversario della grande battaglia di Kulikovo, che vide insorgere tutto il popolo russo in difesa del proprio territorio e della propria patria. L'ultimo abate del tempio fu il sacerdote Aleksej Otradinskij della Chiesa ortodossa russa.
Con il 600° anniversario della battaglia sono stati effettuati ampi restauri e in aggiunta sono stati eseguiti nuovi lavori di costruzione.
La prima Liturgia dopo la restituzione del tempio alla Chiesa ortodossa russa è stata celebrata nel 1992. Il 1 giugno 2010 è stato eseguito il rito della grande consacrazione del tempio. La Divina Liturgia nella chiesa appena consacrata è stata celebrata da Sua Santità il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’ Kirill.
Ecco l'eredità della millenaria storia russa.



<< Torna Indietro

Colonna memoriale al Campo di Kulikovo , nell'oblast di Tula
«Benedizione di San Sergio di Radonež al principe Dmitrij Donskoj prima della battaglia»
Agosto '17