ELEOUSA magazine
Agosto '17

Serbia - L'Ordine di San Sava all'Ambasciatore Konuzin


Il 6 febbraio 2012, il Primate della Chiesa ortodossa serba Irenej ha conferito all’ambasciatore russo in Serbia AV Konuzin l’Ordine di San Sava (I grado).
Secondo la decisione del Santo Sinodo, all’ambasciatore russo Konuzin è stato assegnato il più alto riconoscimento della Chiesa ortodossa serba per "l'amore verso la Chiesa ortodossa serba, mostrato, in particolar modo, nel suo valoroso e concreto impegno per il popolo serbo in Kosovo e Metohija".
Alla cerimonia presso il Patriarcato serbo erano presenti il metropolita del Montenegro e del Mare Amfilohij, il vescovo di Sremski Vasilij, il vescovo Irenej Backsky, il vescovo
di Shumadiy Ioann, il vescovo Atanasij Hvostansky, il vescovo Ioann Liplyansky, così come l’abate della chiesa della Rappresentanza della Chiesa ortodossa russa a Belgrado, arciprete Vitaly Tarasov, i funzionari governativi,
le autorità politiche e civili, i rappresentanti della Società di amicizia russo-serba, i dipendenti dell’Ambasciata russa a Belgrado.
L’ambasciatore Konuzin ha espresso la sua gratitudine per l'alto apprezzamento del suo lavoro, sottolineando di essere felice di poter lavorare al meglio delle sue capacità per mantenere e sviluppare la tradizione spirituale e la comunione ecclesiale tra la Russia e la Serbia.
Egli ha dichiarato che per molti secoli, anche nei periodi più bui della storia,
la comunione spirituale tra i popoli russo
e serbo non è mai stata interrotta.
"Nel periodo della dominazione straniera, dalla terra russa costantemente è intercorso un fiume di simpatia, compassione, misericordia, solidarietà, una particolare disposizione verso gli ortodossi serbi, che erano sotto la dipendenza straniera” - ha detto Konuzin.
“Questo flusso di umanità era mantenuto dalla fede cristiana ortodossa, dalla lingua affine, dalla cultura slava, dall'alfabeto cirillico, che hanno unito lo Stato russo, la Chiesa
ortodossa russa, la Chiesa ortodossa serba
e i suoi monasteri, e in tanti anni di difficoltà hanno costituito la roccaforte nella difesa della società serba.
E oggi, i monaci serbi, i sacerdoti, la forza d’animo della gerarchia, la preghiera, hanno protetto i santuari del Kosovo, la dignità nazionale, la memoria storica, i propri antenati, e la vita di coloro che sono rimasti nelle proprie case”, - ha ricordato ancora l'ambasciatore russo esprimendo fiducia che "dov'è la Chiesa, lì ci sono i serbi".
Nel concludere il suo discorso, l’ambasciatore Konuzin ha citato le parole di Sua Santità il Patriarca di Mosca e di tutta la Russia Kirill al popolo serbo, pubblicate sul giornale di Belgrado “Večernje Novosti”: "I fratelli della Chiesa ortodossa russa, il popolo ortodosso russo non si allontaneranno mai da voi. Nessun beneficio terreno, nessun cambiamento della situazione politica non ci faranno dimenticare la nostra secolare parentela spirituale”.



<< Torna Indietro

L'ordine di San Sava all'Ambasciatore Konuzin
Agosto '17