ELEOUSA magazine
Agosto '17

Per l'unità della Santa Russia


Nel giorno della festa della Madre di Dio di Iviron e memoria di sant’Alessio, metropolita di Mosca, Taumaturgo di tutta la Russia, il 25 febbraio 2012 Sua Santità il Patriarca di Mosca e di tutta la Russia Kirill ha celebrato la Divina Liturgia nella Cattedrale dell’Epifania a Mosca, dove sono custodite le reliquie di Sant’Alessio e dove riposano i Santi Patriarchi Alessio I e Alessio II.
Nel suo discorso ai fedeli, il Patriarca Kirill ha detto in particolare: "In questo giorno in onore della Madre di Dio di Iviron, abbiamo letto un passo della Lettera ai Filippesi dell'apostolo Paolo, dove si legge: "Egli (il Salvatore) umiliò se stesso facendosi obbediente fino alla morte e alla morte di croce. Per questo Dio l'ha esaltato e gli ha dato il nome che è al di sopra di ogni altro nome …" (Fil 2, 7-11).
Queste parole meravigliose non sono lette per caso in questo giorno di festa della Beata Vergine Maria, perché Ella ha seguito Cristo, umiliò se stessa e senza passare attraverso la morte fisica sulla croce, ha toccato la sua morte, empatizzando spiritualmente con il Figlio suo.
E quanto altro dolore e sofferenza per tutta la vita ha preso insieme a suo Figlio?
È interessante notare che il passo è stato letto oggi, giorno della festa di Sant’Alessio. Non è un santo umiliato? Non è forse passato attraverso la sofferenza, la diffamazione, la lotta solo perché come Primate della terra russa era responsabile del mantenimento dell’unità della nostra Chiesa? Il tempo in cui visse il santo era un momento molto difficile. I tartari avevano distrutto la capitale della Rus’ Kiev, la madre di tutte le città russe, e né il granduca, né il metropolita potevano essere in questa città che veniva costantemente sottoposta a incursioni. Per preservare l'unità della Chiesa e l'unità dell’antico Stato russo hanno dovuto trovare un altro posto in cui vivere sia il principe che il metropolita, e questo posto fu dapprima Vladimir sul fiume Klyazma, e poi con la provvidenza di Dio Mosca. Così, come metropolita di Kiev, il santo era al tempo stesso metropolita di Mosca.
In questo periodo, a causa della forte influenza politica dell'Occidente si cercò di mandare in frantumi l'unità della Santa Russia. In questo processo di distruzione vennero coinvolti alcuni governanti poco saggi e religiosi miopi. Quando Sant’Alessio aveva capito il pericolo tremendo che incombeva su tutta la Chiesa russa, si recò a Costantinopoli, dove il Patriarca confermò lui arcivescovo della città di Kiev e primo Gerarca della grande Rus’.
Con difficoltà il santo tornò in Russia. Attraversando il Mar Nero, si trovò coinvolto in una tempesta. Allora fece voto che se fosse tornato sul suolo russo, avrebbe onorato il santo del giorno con la costruzione di un tempio. E sappiamo che costruì il meraviglioso monastero del Salvatore di sant’Andronico.
Il santo, compiendo la missione di primo Gerarca della terra russa, ha cercato di recuperare la parte meridionale della Santa Rus’, visitare le diocesi e pregare con i suoi vescovi e il popolo dei credenti. Ma la volontà politica dei nemici malvagi ogni volta gli impedì di visitare quella parte del territorio vicina al suo cuore, la parte meridionale della Santa Rus’. Il santo fu vittima di calunnie, sporche menzogne, parole cattive, solo perché era fedele al suo giuramento, ristabilire l'unità della Chiesa russa, preservare l'unità della Santa Rus’!
Oggi abbiamo ordinato il vescovo Jacob, per la diocesi di nuova formazione del centro nord in Naryan-Mar. Si trova a nord della regione di Arkhangelsk, sulle isole artiche, come la Novaja Zemlja e la Franz Josef Land, dove è inverno per la maggior parte dell’anno, ma dove la popolazione non è inferiore a Mosca, e, forse, più bisognosa di sostegno spirituale. Ancora una volta, al neo vescovo, così come a tutto l'episcopato della nostra Chiesa ricordo le parole dell'apostolo Paolo e l'esempio di Sant’Alessio".



<< Torna Indietro

Mosca - Il vescovo di Naryan Mar
Agosto '17