Luglio 2020
01020304050607
08091011121314
15161718192021
22232425262728
293031
Vedi tutti gli eventi >>
HOMEPAGE
PRESENTAZIONE SITO
STORIA
ICONA
AKATHISTOS
ORTODOSSIA
LUOGHI
EVENTI
LINK
COMMUNITY
PASSAPAROLA
SPONSOR
CONTATTI

ELEOUSA magazine
Agosto '17

La Russia nel cuore del Libano. Insieme per proteggere il cristianesimo


Durante il suo soggiorno in Libano dal 14 al 16 settembre, il presidente del Dipartimento per le relazioni ecclesiastiche esterne (Decr) del Patriarcato di Mosca, metropolita Hilarion di Volokolamsk, ha partecipato alla conferenza internazionale «La Russia nel cuore del Libano», tenutasi nella città di Deir Shuzyr, nel Libano settentrionale. Tra i partecipanti e gli ospiti del forum c’erano il metropolita Antonij di Zakhla, l’abate del podvorje della Chiesa ortodossa antiochena a Mosca, metropolita Nifon di Filippopoli, il ministro del Libano per la lotta alla corruzione Nikolaj Tuzjni, l’ambasciatore straordinario e plenipotenziario della Federazione Russa nella Repubblica del Libano Aleksandr Zasypkin, il rappresentante del Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’ presso il Patriarca di Antiochia, igumeno Arsenij (Sokolov), il capo del Centro russo di scienza e cultura a Beirut Vadim Zajchikov, il vice presidente della Società imperiale ortodossa di Palestina Elena Agapova, il presidente della Casa libanese-russa Nikolaj Badaui, i segretari del Decr per le relazioni intercristiane e interortodosse, ieromonaco Stefan (Igumnov) e arciprete Igor Yakymchuk, i rappresentanti delle autorità locali, delle confessioni cristiane, dei corpi diplomatici, delle organizzazioni ortodosse e non governative, e i compatrioti russi. L'evento è stato organizzato dal Consiglio ortodosso, un'organizzazione che unisce i missionari ortodossi e le personalità pubbliche del Libano. Prima degli interventi il Coro sinodale di Mosca e il Coro di musica bizantina della metropolia del Monte Libano (Patriarcato di Antiochia) hanno eseguito inni ecclesiastici delle tradizioni spirituali russe e antiochene.

«Vorrei salutare cordialmente tutti voi qui presenti a nome del Primate della Chiesa ortodossa russa, Sua Santità Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’ Kirill.
Sua Santità il Patriarca Kirill ha visitato il Libano nel 2011, e con la Sua benedizione sono arrivato in questa terra benedetta per prendere parte alle celebrazioni del 40° anniversario del servizio di Sua Eminenza il metropolita Nifon di Filippopoli come rappresentante del Patriarca di Antiochia presso il Patriarca di Mosca.
Le relazioni russo-libanesi hanno una lunga storia. Si basano sulla solidarietà reciproca dei nostri popoli, sull'aiuto e sul sostegno reciproci, sul rispetto per il ricco patrimonio spirituale e culturale dei due Paesi. La Russia ha contribuito a diffondere l'illuminazione cristiana in Libano: alla fine del XIX secolo e all'inizio del XX secolo con l’assistenza attiva della Società imperiale ortodossa di Palestina sono state fondate circa venti scuole ortodosse entro i confini libanesi, sono stati costruiti ospedali, sono stati ripristinati chiese e monasteri cristiani.
Il Libano per il popolo russo era associato al pellegrinaggio in Terra Santa. I credenti facevano viaggi a piedi verso Gerusalemme, attraversavano le città costiere libanesi e visitavano anche i luoghi associati alla vita terrena del Signore Gesù Cristo. Dopotutto, ricordiamo dal Vangelo che Cristo visitò i confini di Tiro e Sidone, e che per un cristiano ortodosso ogni terra su cui camminava il Signore Salvatore era santa. E per i pellegrini russi il Libano è sempre stato e rimane una terra santa. Venendo qui a piedi e ritornando poi in Patria, i nostri pellegrini hanno conservato per sempre nei loro cuori il ricordo dell'ospitalità della gente del luogo, dell'amore e della gentilezza con cui sono stati accolti qui. Alcuni pellegrini, soggiornando sia a Beirut che in altre città e villaggi della terra libanese, hanno portato con loro la cultura e le tradizioni spirituali russe.
Nel XX secolo, ondate di emigrazione dalla Russia al Libano servirono anche da sviluppo della scienza e della tecnologia, di vari aspetti della vita sociale. Ingegneri russi, geometri, figure educative e culturali nel corso degli anni hanno contribuito alla formazione dell'aspetto moderno del Paese. Le relazioni con il Patriarcato di Antiochia, con cui siamo legati da sincero amore fraterno e provata amicizia, sono di particolare importanza per la Chiesa russa.
A Damasco e a Beirut ci sono gli uffici di rappresentanza della Chiesa ortodossa russa. Il podvorje patriarcale di Mosca in Libano è stato fondato nel maggio 1946 dopo la visita di Sua Santità Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’ Alessio I in Medio Oriente, decisione presa in considerazione del desiderio dei residenti di lingua russa della capitale libanese di avere una parrocchia ortodossa. Ad oggi, questa parrocchia è il centro spirituale e culturale per la comunità ortodossa russa, qui non si festeggiano solo i giorni santi, ma altre date memorabili per i residenti ortodossi di Beirut.
A Mosca c'è una rappresentanza della Chiesa ortodossa di Antiochia presso il trono patriarcale di Mosca. Rappresenta i cristiani sia in Libano che in Siria. Negli ultimi quarant'anni questa rappresentanza è stata guidata da un eminente figlio del popolo libanese, il metropolita Nifon di Filippopoli.
Vladyka Nifon è un uomo di talento unico. Negli anni difficili per la Chiesa ortodossa russa, quando fu perseguitata, Vladyka predicava senza paura Cristo e battezzava nella sua parrocchia di Mosca. Lo ha fatto nonostante il fatto che questo tipo di attività rappresentasse una minaccia per la sicurezza e persino per la vita della persona che lo ha fatto. Non ha avuto alcuna immunità diplomatica, ma allo stesso tempo non ha mai rifiutato a nessuno di quelli che sono andati da lui e gli hanno chiesto di celebrare il sacramento del Battesimo. E non ha mai informato le autorità sovietiche dei nomi di coloro che hanno accettato il battesimo, come poi hanno richiesto.
Vladyka ha vissuto con la Chiesa russa anche il periodo del suo risveglio. E questo risveglio era e continua ad essere senza precedenti nella sua portata e nella sua velocità. Darò solo alcuni esempi. Trent'anni fa, la nostra Chiesa contava solo seimila parrocchie: oggi abbiamo trentaseimila parrocchie. Pensate a questi numeri. Significano che negli ultimi tre decenni abbiamo aperto migliaia di templi all'anno o tre templi al giorno. Dove e quando nella storia della Chiesa è avvenuta la rinascita a una tale velocità? In tutta la Chiesa ortodossa russa c’erano 21 monasteri - ora ci sono oltre 950 chiostri monastici. Dove e quando nella storia della Chiesa ha avuto luogo una rinascita monastica di questa portata? Avevamo tre scuole religiose, e ora ce ne sono più di cinquanta. Non ci sono dati su quanti credenti ortodossi c’erano in epoca sovietica, ma ora sono decine di milioni.
Tra la fine degli anni '80 e l'inizio degli anni '90, in molte parrocchie di Mosca il sacerdote ha battezzato 300-400 adulti e bambini ogni giorno. E ora le persone continuano a venire in Chiesa, continuiamo ad aprire nuove parrocchie. Quando vado nei Paesi occidentali, alcune persone mi dicono che il cristianesimo non ha futuro e parlano di come le chiese cristiane sono chiuse in Europa, di come vengono trasformate in ristoranti o moschee. Parlano di come i giovani non vogliono diventare sacerdoti, non vogliono diventare monaci. Dico loro: "Se vuoi essere sicuro che il cristianesimo abbia sia il presente che il futuro, vieni in Russia, vedi come viviamo".
Vorrei parlare del cristianesimo in questo meraviglioso Paese. Ha una storia molto speciale e per secoli i cristiani hanno vissuto fianco a fianco con rappresentanti di altre religioni.
Così, fino a non molto tempo fa erano in un certo numero di altri Paesi del Medio Oriente, ma ora, letteralmente sotto i nostri occhi, l'immagine confessionale del Medio Oriente, purtroppo, cambia molto rapidamente e drammaticamente non a favore dei cristiani. Da dodici a quindici anni fa vivevano in Iraq 1,5 milioni di cristiani. Oggi ci sono meno di un decimo di questo numero. In Libia c'era una forte comunità cristiana - ora non ci sono praticamente più cristiani. In Siria, nei luoghi in cui i terroristi salivano al potere, la presenza cristiana stava rapidamente scomparendo. Ad Aleppo, dove fino a poco tempo fa viveva mezzo milione di cristiani, come mi è stato detto, ora nel migliore dei casi ce ne sono 35mila. Tutto questo lo sapete meglio di me. E voi sapete che la cosiddetta Primavera araba non è stata ispirata dagli Stati mediorientali, ma dall'esterno.
È stata ispirata da quei politici e Stati che dicono: “Verremo e ti insegneremo come vivere. Costruiremo una democrazia per te qui". Guardate che tipo di democrazia hanno messo in scena tutti questi signori in Iraq, in Libia. Guardate il tipo di democrazia che hanno cercato di impiantare in Siria. Se la Russia non fosse intervenuta, ora sarebbe un nuovo Iraq, e per i cristiani non ci sarebbe affatto posto.
La Russia è sempre stata e sempre sarà con i popoli del Medio Oriente. E la Russia è sempre stata e sempre sarà con il popolo del Libano.
Il vostro Paese occupa un posto molto speciale in Medio Oriente. Oggi vorrei rivolgere una parola speciale ai cristiani del Libano: non andatevene, restate su questa terra, questa è la vostra terra. Avete il diritto legale di dimorare sulla terra dei vostri antenati, vi è garantito dalla Costituzione e dall'intera storia del Paese. Ma prima di tutto dipende da voi se i vostri figli, i vostri nipoti e pronipoti vivranno nella terra libanese. Pertanto, fate tutto il possibile per proteggere il cristianesimo in questo Paese. Fate affidamento sull'aiuto della Russia, che non metterà mai in difficoltà i cristiani del Libano. Create famiglie grandi e forti con molti bambini, in modo che i vostri discendenti vivano su questa terra.
Voi sapete quali prove ha attraversato la nostra Chiesa ortodossa russa nel XX secolo. Tutte le forze dell'inferno erano dirette a distruggere la Chiesa. Gli atei che arrivarono al potere nel nostro Paese esattamente cento anni fa, volevano distruggere completamente la religione, cercarono di cambiare il nostro codice spirituale, la nostra identità spirituale e culturale di civiltà. Ma, come dice la Sacra Scrittura, Dio non viene deriso (Gal 6, 7). Per settant’anni il nostro popolo ha atteso il momento in cui era possibile praticare liberamente la propria fede. E ha aspettato.
Pertanto, sia per il nostro popolo che per la Chiesa ortodossa russa, il dolore che i cristiani libanesi stanno vivendo oggi e la loro preoccupazione per il futuro sono abbastanza comprensibili e li condividiamo. Andiamo insieme lungo il percorso di protezione del cristianesimo. Il cristianesimo è minacciato in periodi diversi e in Paesi diversi, ma saremo veramente più forti se saremo sempre insieme.
Vi auguro tutto l'aiuto di Dio. Vi auguro di mantenere con fermezza la fede ortodossa. E se sarete con Cristo, Cristo stesso sarà con voi».
Trent'anni anni fa sarebbe stato impensabile, ma nel Vicino Oriente tutto è possibile.
L'esercito regolare libanese agendo in parallelo a Hezbollah al confine con la Siria, nella valle della Beqā', una regione che vede la Siria da sempre come una grande mamma, il 26 agosto ha debellato i terroristi dell'Isis e del Movimento per la liberazione del Levante, ed ha alzato la bandiera spagnola insieme a quella libanese come tributo ai caduti della Rambla a Barcellona, dimostrando all'Occidente: «Noi siamo quelli che combattono il terrorismo...».



<< Torna Indietro

Sua Eminenza il metropolita Hilarion di Volokolamsk, presidente del Dipartimento per le relazioni ecclesiastiche esterne del Patriarcato di Mosca
Agosto '17