Luglio 2020
01020304050607
08091011121314
15161718192021
22232425262728
293031
Vedi tutti gli eventi >>
HOMEPAGE
PRESENTAZIONE SITO
STORIA
ICONA
AKATHISTOS
ORTODOSSIA
LUOGHI
EVENTI
LINK
COMMUNITY
PASSAPAROLA
SPONSOR
CONTATTI

ELEOUSA magazine
Agosto '17

Il santo martire Platon, vescovo di Revel


Il vescovo Platon di Revel, nel mondo Pavel Petrovich Kzelbut (Kulbush), nacque nel governatorato di Riga nella famiglia di un salmista estone il 13 luglio 1869. Nel 1893 si laureò all'Accademia Teologica di San Pietroburgo e divenne sacerdote. Nel 1904 fu nominato rettore della chiesa ortodossa estone del santo martire Isidor di Yuriev a San Pietroburgo, mantenendo questo ruolo per 13 anni.
Il santo martire Isidor di Yuriev fu ucciso nel 1472 insieme a 72 parrocchiani perché si era rifiutato di accettare il cattolicesimo.
Il 31 dicembre 1917 il vescovo Platon fu consacrato vescovo di Revel (oggi Tallinn) dal santo metropolita martire di Pietrogrado Veniamin (Kazansky) nella cattedrale di sant'Alexander Nevsky della città di Revel.
Nel 1917-1918 il santo prese parte al Concilio Locale della Chiesa ortodossa russa, in cui fu eletto il Patriarca Tikhon. Vladyka tornò in fretta a Revel pochi giorni prima dell'arrivo delle truppe tedesche. Per essere più vicino al gregge, trasferì la cattedra nella città di Yuriev. Dopo che le truppe tedesche lasciarono Tartu (ex Yuriev), la città fu occupata dai bolscevichi. Il 20 dicembre 1918 vladyka fu arrestato dai soldati dell'Armata Rossa nell'altare del tempio durante la veglia. Il santo e le 17 persone arrestate con lui furono imprigionate nel seminterrato di un'ex banca di credito, trasformata dai bolscevichi in una prigione, dove furono sottoposti a tutti i tipi di derisioni. Vladyka fu costretto a portare cinque sacchi per tutta la città, sotto il cui peso cadde. Quindi lo torturarono per 12 giorni. Ben presto arrivò la notizia dell'arrivo delle truppe bianche. La notte del 1 gennaio vladyka fu convocato per un interrogatorio notturno. Il commissario insistette affinché smettesse di predicare la Parola di Dio, ma lui rifiutò.
La stessa notte del 1 gennaio (14 gennaio) 1919, vladyka accettò la morte da martire, essendo brutalmente assassinato insieme ad altri compagni prigionieri (tra cui gli arcipreti Nikolaj Bezhanitsky e Mikhail Blejve).
In quello stesso giorno le truppe bianche riconquistarono la città. I credenti si precipitarono nel seminterrato e trovarono una montagna di cadaveri ancora caldi con i teschi schiacciati. Tracce di sette baionette e quattro ferite da arma da fuoco furono trovate sul corpo del vescovo Platon, l'occhio destro del prelato era stato colpito dall'esplosione di un proiettile. Le dita della sua mano destra erano piegate per il segno della croce.
Il sacerdote Mikhail Blejve fu colpito alla nuca, non rimanendo nulla del suo volto.
Il servizio funebre fu eseguito nella cattedrale della Dormizione a Tartu. Il 27 gennaio 1919, i resti del vescovo Platon furono solennemente trasportati a Tallinn e sepolti nella cattedrale della Trasfigurazione del Salvatore.
Il Consiglio episcopale giubilare della Chiesa ortodossa russa nell'agosto del 2000 li ha canonizzati come santi nuovi martiri e confessori per la venerazione in tutta la Chiesa.
Il 6 settembre 2017, l'icona del santo martire Platon è stata donata a Sua Santità il Patriarca Kirill dal vescovo Lazar di Narva e Prichudje nel giorno della festa di san Pietro di Mosca e nell'anno del 100° anniversario della costituzione della cattedra estone.



<< Torna Indietro

Sua Santità il Patriarca Kirill riceve in dono l'icona del santo
Agosto '17