Luglio 2020
01020304050607
08091011121314
15161718192021
22232425262728
293031
Vedi tutti gli eventi >>
HOMEPAGE
PRESENTAZIONE SITO
STORIA
ICONA
AKATHISTOS
ORTODOSSIA
LUOGHI
EVENTI
LINK
COMMUNITY
PASSAPAROLA
SPONSOR
CONTATTI

ELEOUSA magazine
Agosto '17

La sconfitta dell'Isis in Siria


Dopo la partecipazione al conflitto siriano del contingente militare russo, i gruppi del Daesh sono stati completamente sconfitti, ha affermato il ministro della Difesa russo Sergej Shojgu. «Complessivamente sono stati eliminati 87.500 guerriglieri durante l'operazione, sono stati liberati 1411 centri abitati ed oltre il 95% del territorio siriano», ha dichiarato Shojgu. Il capo del dicastero militare russo ha inoltre osservato che in Siria «le città principali sono state liberate e le vie di comunicazione principali sono state riconquistate». «Al momento le forze armate siriane controllano il territorio in cui vive più del 90% della popolazione», ha affermato.
Secondo Shojgu, le forze aerospaziali (Vks) della Russia durante l'operazione militare in Siria hanno eseguito più di 40mila missioni di combattimento, di cui oltre 21mila di notte. «Durante le operazioni sono stati colpiti circa 122mila obiettivi terroristici. La maggior parte dei terroristi sono stati eliminati», ha detto.
«In Siria abbiamo acquisito una vasta esperienza di combattimento, che siamo pronti a condividere», ha aggiunto Shojgu.
Durante la liberazione della città siriana di Akerbat, avvenuta prima dell'offensiva su Deir ez-Zor, sono stati utilizzati nuovi metodi di conduzione della guerra. Lo ha dichiarato il comandante delle operazioni del contingente militare russo in Siria, il generale Alexander Lapin. Secondo il generale, «sono stati effettuati massicci bombardamenti con l'Aviazione russa, sono state scardinate le forze nemiche in diverse parti e sono state eliminate le sacche di resistenza dei jihadisti nei quartieri meridionali della città».
Come osservato dal generale, la liberazione di Akerbat, avamposto dell'Isis, ha permesso «di sviluppare una forte azione offensiva» su Deir ez-Zor, sbloccando la città e raggiungendo il fiume Eufrate.
Il rappresentante del Ministero della Difesa ha osservato che durante i combattimenti nella zona di Akerbat sono stati eliminati più di 1200 terroristi, oltre 3mila tra basi, campi d'addestramento e depositi d'armi, così come 49 carri armati, 157 pick-up con mitragliatrici e cannoni antiaerei e 80 unità di artiglieria.
«Proprio qui c'è stata la svolta che ha dato il via all'avanzata su Deir ez-Zor», ha aggiunto.
Secondo Lapin, le difficoltà per debellare i terroristi ad Akerbat erano dovute all'organizzazione della linea difensiva da parte degli uomini del Daesh, che contava barricate, tunnel, bunker e rifugi. «Una città sotterranea con gallerie lunghe da 100 ad 800 metri, con passaggi per il trasporto di armi e munizioni. Ma tutte queste gallerie sono state scoperte dai droni dell'Aviazione russa nel corso delle operazioni di ricognizione e successivamente distrutte», ha detto il generale. Come rilevato da Lapin, i soldati siriani hanno di fatto combattuto casa per casa contro i jihadisti.
«Il nemico veniva attaccato e distrutto di giorno e di notte senza sosta con il supporto diretto dell'Aviazione russa», ha concluso.
Durante l'operazione a Deir ez-Zor, un corrispondente di RIA Novosti, assieme alle unità distaccate dell'esercito siriano, ha partecipato all'assalto attraverso l'Eufrate e ha assistito al completo accerchiamento dei terroristi in città.



<< Torna Indietro

Attacchi dell'Aviazione russa contro obiettivi dei terroristi in territorio siriano
Agosto '17