Luglio 2020
01020304050607
08091011121314
15161718192021
22232425262728
293031
Vedi tutti gli eventi >>
HOMEPAGE
PRESENTAZIONE SITO
STORIA
ICONA
AKATHISTOS
ORTODOSSIA
LUOGHI
EVENTI
LINK
COMMUNITY
PASSAPAROLA
SPONSOR
CONTATTI

ELEOUSA magazine
Agosto '17

È tornata per sempre in Medio Oriente


In un mondo sempre più interconnesso, proiettato allo sviluppo dell'alta tecnologia e ai progetti spaziali, come la creazione di nuove stazioni vicino alla Luna e ad altri pianeti e sulla superficie lunare, è possibile unire gli sforzi di tutti i Paesi per garantire la stabilità del pianeta Terra e trovare una soluzione ai conflitti più sanguinosi, soprattutto in Medio Oriente e in particolare nella Repubblica araba siriana.
Secondo il presidente Vladimir Putin, grazie alle azioni della Russia e di altri Stati coinvolti, come la Turchia e l'Iran, si sono raggiunti i presupposti per migliorare la situazione in Siria. Ai terroristi è stato inferto un duro colpo e sono in corso processi politici non solo in Siria, ma anche nel vicino Libano, per una soluzione politica che restituisca la pace al popolo della Repubblica araba siriana.
È un fatto innegabile la stretta interdipendenza dello sviluppo dei processi politici in Siria e in Libano. Il conflitto interno siriano, sfociato nel 2011 in una guerra civile, ha le sue radici nella storia delle relazioni libanesi-siriane, quando la Siria fu accusata dall'Occidente di interferire negli affari del Libano mediante un'ampia campagna anti-siriana in piena Primavera araba, che continua ancora oggi.
«La distruzione finale dei terroristi e il ritorno dei siriani ad una vita tranquilla nelle loro case sono una questione fondamentale non solo per il popolo siriano, non solo per la regione, ma per il mondo intero... Stiamo creando le condizioni per il ritorno dei profughi nelle loro case, è essenziale per intensificare il processo di soluzione politica duratura a Ginevra sotto l'egida delle Nazioni Unite», ha detto il Presidente della Federazione Russa.
Intanto la Russia in questi anni sta costruendo le sue posizioni in Medio Oriente e lo fa con accuratezza e con grande conoscenza delle realtà regionali. È tornata nella regione seriamente e per sempre dopo la lunga parentesi del XX secolo e la Primavera araba, iniziata tra la fine del 2010 e l'inizio del 2011 e tuttora in corso.
Anche il Libano considera molto seriamente la presenza della Russia in Medio Oriente e ritiene necessaria l'espansione della cooperazione tecnico-militare dopo il successo dell'operazione contro i militanti islamici sul confine libanese-siriano, alla vigilia della visita del primo ministro libanese Saad Hariri a Sochi il 13 settembre. Durante l'incontro con Vladimir Putin Hariri ha parlato anche della creazione di un'adeguata infrastruttura per le più ricche riserve di idrocarburi dai giacimenti offshore nel Mediterraneo orientale, così come della partecipazione russa alla modernizzazione e alla ricostruzione della rete di trasporti, degli impianti portuali, di energia ed edilizia.
«Purtroppo, il volume degli scambi con noi è ancora in termini nominali piccoli, ma la crescita è impressionante - 1,5 volte, ha risposto Putin. Questa è, in generale, una buona tendenza che vorrei mantenere».
Per quanto riguarda i problemi esistenti nella regione, Putin ha confermato che «per noi è molto importante conoscere la posizione dei leader di tutti i Paesi della regione».
Il livello dei contatti politici tra i due Paesi è eccellente e il leader libanese vorrebbe portare i legami economici allo stesso livello della instaurata cooperazione tecnico-militare.



<< Torna Indietro

Vladimir Putin incontra a Sochi il primo ministro libanese Saad Hariri.
Agosto '17