25/11/2021
Russia - Colloqui con il Presidente della Serbia


Sochi, 25 novembre 2021 - Vladimir Putin ha avuto colloqui a Sochi con il presidente della Repubblica di Serbia Aleksandar Vučić, giunto in Russia per una visita di lavoro.
Inizio dei colloqui russo-serbi
Vladimir Putin: Caro signor Presidente, sono molto lieto di vederVi. Non ci vediamo da molto tempo - a giugno, secondo me, del 2020 si siamo incontrati a Mosca. Molte questioni si sono accumulate, ma nonostante le difficoltà associate alla pandemia di coronavirus, le nostre relazioni non solo sono state mantenute a tutti i livelli, ma si sono anche sviluppate - sviluppate in tutte le direzioni.

Ciò vale in primo luogo, ovviamente, per l'economia. Se in un anno di pandemia, nel 2020, il nostro commercio è diminuito di oltre il 17%, quest'anno è cresciuto di oltre il 20% in soli nove mesi di questo anno. Ciò significa che non solo supereremo la recessione del 2020, ma aumenteremo anche il volume degli scambi.

Stiamo sviluppando le relazioni tra i governi, ci aspettiamo l'arrivo del Vostro primo ministro a Mosca a dicembre. La Commissione intergovernativa lavora regolarmente e mi riferiscono su come sta procedendo questo lavoro.

In ambito umanitario, le relazioni continuano. Gli studenti serbi studiano in Russia in diverse università e in diverse direzioni. Vi siamo grati per il supporto della lingua russa nelle scuole serbe - in generale, la situazione in quest'area si sta sviluppando molto positivamente.

So che siete particolarmente preoccupato per alcune questioni. Ciò è dovuto al fatto che il contratto per la fornitura di gas naturale alla Serbia sta terminando. Penso che arriveremo a un accordo, istruiremo gli enti economici a portare a termine questo lavoro fino in fondo, in ogni caso troveremo una soluzione che sarà sicuramente accettabile per i nostri amici serbi.

Avrete presto le elezioni in primavera, ad aprile, e vorrei esprimerVi la mia gratitudine per l'attenzione, attenzione personale, che state prestando allo sviluppo delle relazioni russo-serbe, e spero che anche gli elettori in Serbia apprezzeranno questo .

Vi auguro ogni successo in queste elezioni.


Aleksandar Vučić: Grazie, illustre Presidente e caro amico.

Sono molto felice di vederVi. Nonostante la pandemia di coronavirus - come avete già detto - avete trovato il tempo per il nostro incontro - questo è un incontro molto importante, per me il più importante.

Credo che le relazioni tra Serbia e Russia [siano] ai massimi livelli nella storia e si stiano sviluppando in tutti i settori. Come sapete, siamo partner strategici e la Serbia considera questo un suo privilegio.

Vorrei esprimerVi la mia profonda gratitudine e il mio apprezzamento per il sostegno al nostro Paese, all'integrità territoriale e alla sovranità della Serbia. Come già sapete, nella nostra regione stiamo assistendo ad un aumento delle provocazioni e delle tensioni, soprattutto nel territorio del Kosovo e Metohija. Ancora una volta, Vi ringrazio per il Vostro sostegno nelle organizzazioni internazionali.

Certo, abbiamo fatto molto insieme in passato. Vi aspettiamo ancora alla Chiesa di San Sava a Belgrado, che abbiamo realizzato insieme.

E, naturalmente, grazie mille – Voi avete già notato che la questione delle forniture di gas è molto importante per noi. Insieme abbiamo realizzato questo gasdotto dal confine bulgaro al confine con l'Ungheria. Grazie ancora per la Vostra attenzione e per il Vostro lavoro, per il Vostro aiuto nello sviluppo della Serbia. Auguro a Voi e al Vostro popolo tutto il meglio.

E alla fine vorrei esprimerVi le mie condoglianze per la tragedia nel Kuzbass. Le mie condoglianze a Voi e alle famiglie delle vittime.

Auguro a Voi e alla Russia tutto il meglio. Vorrei ripetere: penso che le nostre relazioni siano ai massimi livelli della storia, e questo è un dato di fatto.

Grazie ancora per la calorosa accoglienza e per la Vostra ospitalità.

Vladimir Putin: Grazie per le Vostre parole di cordoglio relative alla tragedia nel Kuzbass.

In effetti, questa è una grande disgrazia, delle persone sono morte. A dire il vero, oltre a dare gli ordini appropriati ai servizi che dovrebbero occuparsi di salvare le persone e aiutare le vittime e le famiglie delle vittime, ovviamente, mentalmente sono vicino a loro.

Ho già parlato più volte con il governatore della regione di Kemerovo [Sergej Tsivilev], con i responsabili dei servizi di soccorso. Stanno facendo tutto il possibile, ma la situazione, purtroppo, non sta diventando più facile e c'è pericolo per la vita degli stessi soccorritori. Le decisioni necessarie vengono ora prese sul posto. Speriamo di poter salvare quante più persone possibile.

Quando le persone muoiono, è sempre una grande tragedia per la famiglia, per i parenti, un grosso guaio. Vediamo quali saranno i risultati dell'operazione di salvataggio.

Per quanto riguarda le nostre relazioni, vorrei sottolineare un altro punto. Abbiamo già menzionato due volte l'infezione da coronavirus, ma sono lieto di notare che non solo abbiamo consegnato lo Sputnik V in Serbia, ma abbiamo anche avviato la produzione a Belgrado, che è estremamente importante per la Serbia e per i Paesi vicini, dove potrete fornire questi prodotti direttamente dalla Vostra azienda. Quindi questo aspetto molto positivo della nostra cooperazione parla anche di fiducia reciproca e di cooperazione reciproca piuttosto profonda.

Non ho ancora menzionato la componente militare della nostra interazione. Conduciamo regolarmente esercitazioni congiunte e promuoviamo anche l'interazione tra le nostre agenzie di sicurezza, i ministeri della difesa e il personale generale. Questo sta sicuramente avvantaggiando i nostri Paesi. I Vostri professionisti militari seguono una formazione presso le nostre università.

Qualche parola sui nostri sforzi e sulle attività congiunte sulla scena internazionale, anche per quanto riguarda una soluzione nel Kosovo. Come sapete, la nostra posizione di principio non è vulnerabile agli attuali fattori politici. Sosteniamo la Vostra posizione sul Kosovo. Spero che alla fine si trovi una soluzione che soddisfi gli interessi di tutte le persone che vivono nella regione.

Aleksandar Vučić: Grazie ancora per le Vostre gentili parole.

La nostra cooperazione tecnico-militare è, ovviamente, ai massimi livelli. Vi siamo grati per i bellissimi doni che abbiamo ricevuto e per il livello di collaborazione.

Penso che avremo nuovi accordi in diverse aree. Penso che la commissione intergovernativa stia lavorando al massimo e al migliore livello e ci saranno risultati migliori in futuro.

Grazie ancora.

(Fonte: kremlin.ru)


<<Torna Indietro

Sochi - Vladimir Putin con il presidente della Serbia Aleksandar Vučić.
Sochi - Colloqui con il presidente della Serbia Aleksandar Vučić.
Sochi - il presidente della Serbia Aleksandar Vučić.
Sochi - Colloqui con il presidente della Serbia Aleksandar Vučić.
Agosto '17


Costi abbonamento

Abb. annuale € 30,00
Abb. benemerito € 50,00



Da versare su c/c postale n° 91231985
IBAN IT 11 E 07601 15500 0000912385
intestato a Eleousa di Fernanda Santobuono