23/11/2021
Russia - Ucraina pianifica azioni nel Donbass


Mosca, 23 novembre 2021 - La Russia non sta covando piani aggressivi contro l'Ucraina. Lo ha annunciato martedì il portavoce del Presidente della Federazione Russa Dmitry Peskov.
«Chi attaccherà chi - la Russia contro l'Ucraina o l'Ucraina contro la Russia? I media americani e ucraini affermano che la Russia si sta preparando per un'aggressione contro l'Ucraina, per un attacco, e noi affermiamo che l'Ucraina sta pianificando azioni aggressive contro il Donbass, Repubblica popolare di Lugansk (Lpr) e Repubblica popolare di Donetsk (Dpr), questa è una sfumatura, che deve essere correttamente compresa e interpretata. È stato ripetutamente affermato a vari livelli che la Russia non attaccherà nessuno, non sta covando piani aggressivi. Non è così», - ha detto Peskov.
In precedenza, l'agenzia americana Bloomberg ha pubblicato un articolo citando fonti, secondo le quali l'intelligence statunitense avrebbe rivelato i piani della Russia di attaccare l'Ucraina all'inizio del 2022. La pubblicazione rileva che circa 100mila soldati potrebbero essere coinvolti nell'operazione.

Provocazioni delle forze armate ucraine

Secondo Peskov, la Russia è profondamente preoccupata per le azioni provocatorie delle forze armate ucraine sulla linea di contatto nel Donbass e per la preparazione di Kiev per una possibile soluzione militare al problema.
«Siamo profondamente preoccupati per le azioni provocatorie delle forze armate ucraine sulla linea di contatto e sui preparativi per una possibile soluzione militare al problema del Donbass», ha affermato.
Commentando le notizie dei media americani, Peskov ha anche osservato che gli Stati Uniti potrebbero inviare istruttori militari in Ucraina, che questo «non dovrebbe essere escluso», poiché è già così. «Lì stanno arrivando consiglieri militari e sistemi d'arma. Non solo dagli Stati Uniti, ma anche da altri paesi della Nato. Tutto questo porta a un'ulteriore escalation», ha detto il portavoce del Cremlino, aggiungendo che finora le due repubbliche non hanno provocato la situazione in ogni modo.
Nel Donbass, dal 27 luglio 2020, sono in vigore ulteriori misure di controllo sul cessate il fuoco, concordate dai membri del gruppo di contatto per risolvere la situazione in Ucraina. Nonostante l'accordo su misure aggiuntive, dalla fine di febbraio la situazione nel Donbass ha iniziato ad aggravarsi. Sono riprese intense schermaglie sulla linea di contatto, con morti e feriti da entrambe le parti.

Accordi di Minsk

Il mancato rispetto degli accordi di Minsk porta ad un aumento delle tensioni in Europa nel suo insieme, ha affermato Peskov.
Rispondendo alla domanda di un giornalista ucraino su come Kiev possa ottenere garanzie di sicurezza dalla Russia, il portavoce del Cremlino ha osservato che «la migliore garanzia di sicurezza è l'attuazione degli accordi di Minsk».
«La mancanza di progressi nell'attuazione degli accordi di Minsk è un fattore irritante e scatenante significativo, che porta ad un aumento del livello di tensione in generale in Europa, questo è un fatto ovvio», ha affermato Peskov.
Secondo lui, «questo è un argomento per negoziati sostanziali, e tutto questo dovrebbe essere discusso da tutte le parti in un dialogo diretto». Allo stesso tempo, ha aggiunto, le modalità di tale discussione dovrebbero essere determinate dai Ministeri degli Esteri, «le modalità saranno elaborate e poi attuate».

(Fonte: Tass)


<<Torna Indietro

Il portavoce del Presidente della Federazione Russa Dmitrij Peskov. © Сергей Бобылев (Sergej Bobylev) /Тass.
Agosto '17


Costi abbonamento

Abb. annuale € 30,00
Abb. benemerito € 50,00



Da versare su c/c postale n° 91231985
IBAN IT 11 E 07601 15500 0000912385
intestato a Eleousa di Fernanda Santobuono