20/11/2021
Russia - Liturgia patriarcale a Peredelkino


Peredelkino, 20 novembre 2021 - Il 20 novembre Sua Santità il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus' Kirill ha celebrato la Divina Liturgia. In questo giorno, il Primate della Chiesa ortodossa russa festeggia il suo 75° compleanno.
Il servizio si è svolto nella Chiesa del Santo Principe Alexander Nevsky, nell'omonimo skit vicino a Peredelkino.
Al termine della Liturgia, Sua Santità Vladyka ha pronunciato un sermone.

Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo!






Le date festive, e ancor più le date di ricorrenza che una persona attraversa, dovrebbero indurla prima di tutto a comprendere il cammino percorso. Per dare una sorta di giudizio su se stessa - da sola, davanti alla propria coscienza e davanti al volto di Dio. Dire cosa siamo riusciti a fare, cosa non siamo riusciti a fare, cosa è stato buono e cosa, forse, è stato piuttosto triste, difficile; come è stato il percorso lasciato alle spalle. Probabilmente, ognuno a modo suo risponde a molte domande che sorgono involontariamente in una persona, che passa attraverso date festive e anniversari. Quindi, ovviamente, anch’io ho pensato a qualcosa e ci penso.

E la prima cosa che vorrei dire e che vorrei condividere con voi: ringrazio il Signore di tutto. Per gioie e dolori; per i miei genitori e per i loro lontani antenati, la maggior parte dei quali, in un modo o nell'altro, ha legato la propria vita alla Chiesa. Alcuni di loro erano confessori e hanno sofferto per la loro fede, altri vivevano in condizioni abbastanza tranquille a San Pietroburgo, ma erano sempre fedeli alla Chiesa e conservavano la fede nel loro cuore. Certo, ricordo i miei genitori - il sempre memorabile arciprete Mikhail e madre Raisa, l'impresa della loro vita. Prego per quelle persone che oggi sono con me, che mi aiutano a portare la croce che il Signore ha posto su di me. Ringrazio tutti e mi scuso se ho offeso qualcuno in modo umano, forse, o se non sono stato abbastanza attento a qualcuno.

Oggi è un giorno in cui devi dare uno sguardo imparziale a te stesso davanti al volto di Dio. Pentirsi di ciò che è stato peccato, che oscura l'anima, e ringraziare il Signore per tutto ciò che è stato gioioso e luminoso. Sì, anche per il dolore, bisogna ringraziare Dio, perché tutte queste sono lezioni di vita, qualcosa che dà davvero a una persona l'opportunità di andare avanti, cercando di liberarsi dalle mancanze e, al meglio delle proprie forze e per la grazia di Dio, fare meglio quello che devi fare.

Ancora e ancora voglio dire grazie mille, esprimere la mia grande gratitudine a tutte quelle persone che erano con me e che ora sono con me, sia chi è vicino che quelli più lontani. Ringrazio l'episcopato della nostra Chiesa per l’unanimità, per il sostegno del Patriarca. Negli ultimi anni insieme abbiamo attraversato un percorso piuttosto difficile di grandi cambiamenti, e sappiamo che nella Chiesa questa è sempre una faccenda molto rischiosa. Nella mente del nostro popolo scismi e divisioni sono associati al concetto di «riforma», ma per grazia di Dio possiamo testimoniare che quei profondi cambiamenti avvenuti in questi anni nella vita della nostra Chiesa non hanno portato a divisione. È necessario porsi la domanda: perché no? Perché tutti coloro che sono stati coinvolti in questi cambiamenti hanno ricevuto qualcosa per se stessi: nuove opportunità, nuovi punti di forza, una nuova visione. Quando le persone ricevono qualcosa di positivo e buono per se stesse e per la causa che servono, allora i cambiamenti non sono accompagnati da sconvolgimenti. Ringrazio Dio per i cambiamenti significativi nella nostra vita ecclesiale, nella struttura della nostra Chiesa negli ultimi anni - intendo non solo la struttura amministrativa, ma anche grandi cambiamenti nella vita di parrocchie, monasteri, diocesi - tutto questo è stato sostenuto oggi da tutta la pienezza della nostra Chiesa. Per questo, ringrazio sinceramente tutti voi, miei cari vescovi, padri, fratelli e sorelle, e spero che seguiremo ulteriormente con umiltà, con speranza nella volontà di Dio, il cammino che il Signore ci indica, tendendo alla meta più importante: la salvezza della persona. La salvezza è la vita eterna in Cristo, in Dio e nel suo Regno, ma è anche uno stato speciale dell'anima in questa vita terrena. La salvezza inizia qui e si estende nell'eternità. Che Dio conceda a tutti noi di seguire questo cammino di salvezza, trovando già qui pace, riposo, gioia nello Spirito Santo e speranza per la vita eterna nel Regno di Dio.

Ancora una volta, ringrazio tutti voi dal profondo del mio cuore. Non nomino nessuno per nome, perché è impossibile farlo. Ringrazio tutta la nostra Chiesa: l'episcopato, il clero, i monaci, i credenti. Ringrazio la maggior parte della nostra comunità, che con comprensione e affetto ha accompagnato il mio ministero negli anni passati come Patriarca. Sono grato alle persone a me vicine, che hanno condiviso anche le difficoltà. Naturalmente, non posso non ringraziare colui che è al potere, il nostro presidente Vladimir Vladimirovich Putin, per il fatto che è stato durante gli anni del suo governo che sono avvenuti e stanno avvenendo cambiamenti così buoni, anche nella vita della nostra Chiesa, perché il clima generale nel Paese incide indubbiamente sullo stato della vita ecclesiale.

Il Signore benedica il nostro popolo, la nostra Chiesa, il nostro Paese, tutti coloro che oggi conservano la fede nel loro cuore e si sforzano di vivere secondo la legge di Dio. Possa il Signore rafforzare coloro che dubitano nella fede, risvegliare la fede in coloro che non hanno ancora acquisito questo dono grande, sacro e salvifico, affinché non solo possano organizzare una buona vita qui, entro i limiti dell'esistenza terrena, ma abbiano anche speranza per la vita eterna in Dio. Ancora una volta ringrazio tutti voi e vi chiedo di non dimenticarmi nelle vostre sante preghiere, con le quali sostengo davvero la mia forza spirituale e fisica. Possa il Signore aiutare tutti noi a continuare sulla via che Egli indica a tutti noi verso la salvezza. Grazie mille per le vostre preghiere.

(Fonte: Servizio stampa del Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’; www.patriarhiya.ru)



<<Torna Indietro

Peredelkino - Servizio patriarcale nello skit di Alexander Nevsky nel giorno del 75° compleanno.
Peredelkino - Servizio patriarcale nello skit di Alexander Nevsky nel giorno del 75° compleanno.
Peredelkino - Servizio patriarcale nello skit di Alexander Nevsky nel giorno del 75° compleanno.
Peredelkino - Servizio patriarcale nello skit di Alexander Nevsky nel giorno del 75° compleanno.
Peredelkino - Servizio patriarcale nello skit di Alexander Nevsky nel giorno del 75° compleanno.
Peredelkino - Servizio patriarcale nello skit di Alexander Nevsky nel giorno del 75° compleanno.
Peredelkino - Servizio patriarcale nello skit di Alexander Nevsky nel giorno del 75° compleanno.
Peredelkino - Servizio patriarcale nello skit di Alexander Nevsky nel giorno del 75° compleanno.
Agosto '17


Costi abbonamento

Abb. annuale € 30,00
Abb. benemerito € 50,00



Da versare su c/c postale n° 91231985
IBAN IT 11 E 07601 15500 0000912385
intestato a Eleousa di Fernanda Santobuono