14/11/2021
Russia - Putin sulla crisi migratoria


Mosca, 14 novembre 2021 – La Russia è pronta a fare tutto ciò che è in suo potere per aiutare a risolvere la crisi migratoria al confine bielorusso-polacco, ha affermato il presidente Vladimir Putin.
«Siamo pronti a contribuire in ogni modo possibile, se, naturalmente, qualcosa dipenderà da noi», le parole di Putin in un'intervista alla tv russa di oggi.
«Ho appreso dai media cosa sta succedendo al confine polacco-bielorusso. Non ho mai discusso di questo problema con Lukashenko prima. Ho parlato con lui due volte, solo dopo l'inizio di questa crisi», ha detto Putin, quando gli è stato chiesto di commentare le affermazioni fatte da alcuni politici e media occidentali, secondo cui la Russia è responsabile della crisi migratoria.
«Pertanto, quando sentiamo dichiarazioni o accuse rivolte a noi, vorrei dire a tutti: affrontate i vostri problemi interni e non cercate di scaricare a qualcun altro questioni che dovrebbero essere risolte dai vostri dipartimenti competenti», ha sottolineato Putin.
Commentando le accuse secondo cui la compagnia aerea di bandiera russa Aeroflot ha avuto un ruolo nel trasporto di migranti in Bielorussia, il Presidente russo ha insistito sul fatto che il vettore aereo non fosse consapevolmente coinvolto.
«Loro stessi hanno creato le condizioni affinché migliaia e centinaia di migliaia di persone potessero mettersi in viaggio. E ora stanno cercando di trovare il colpevole per assolversi dalla responsabilità degli eventi», ha detto Putin. «Cosa c'entra Aeroflot con questo? Anche un solo aereo Aeroflot ha trasportato qualcuno? Non ne ho idea, ma, forse, qualcuno potrebbe aver usato un qualche tipo di aereo e attraversare Paesi terzi. Cosa c'entriamo? Lo ripeto: questo è un tentativo di sottrarsi alle proprie responsabilità per gli eventi che stanno avvenendo».

La situazione alla frontiera della Bielorussia con Polonia, Lettonia e Lituania è peggiorata drasticamente l'8 novembre dopo che diverse migliaia di migranti sono arrivati al confine con la Polonia accampandosi, con alcuni tentativi di attraversare il confine per spostarsi più a ovest, presumibilmente in Germania. Bruxelles ha incolpato Minsk per l'escalation della situazione, con alcuni Paesi della Ue che chiedono nuove sanzioni contro la Bielorussia. Il presidente Lukashenko ha affermato che le politiche dell'Occidente, inclusi decenni di interventi militari in Medio Oriente e Nord Africa, hanno causato l'attuale crisi e ha aggiunto che i precedenti cicli di sanzioni della Ue contro la Bielorussia hanno azzerato la capacità del suo Paese di controllare i flussi migratori.

L'Occidente «ha distrutto gli Stati di questi popoli»

In un'intervista con i media russi di mercoledì scorso, Lukashenko ha ricordato i suoi buoni rapporti con i leader mediorientali rovesciati e assassinati dall'Occidente, sia mediante invasioni militari dirette o le cosiddette proteste della «primavera araba». «Iraq... Tunisia, Libia, Siria. Poi si sono scontrati con l'Iran, hanno dato un'occhiata, una noce troppo dura da rompere, non hanno invaso. In Afghanistan per vent'anni. E il risultato? Non solo hanno scombinato ed hanno distrutto il Medio Oriente, hanno distrutto gli Stati di questi popoli. Sì, era una particolare statualità, non come quella in Bielorussia o in Russia, per non dire di quella anglosassone», ha detto Lukashenko.
Il Presidente bielorusso ha sottolineato che invece di migliorare la vita nei Paesi che hanno invaso, tutto insieme l'Occidente è riuscito solo a «distruggere tutto ciò che c'era, il modo di vivere», causando così la crisi dei migranti di cui ora affermano di essere preoccupati.
Lukashenko ha inoltre avvertito che l'Europa e lo spazio post-sovietico dovrebbero prepararsi a un afflusso ancora maggiore di migranti dall'Afghanistan nei prossimi mesi, in particolare tra quelli che hanno lavorato per gli Stati Uniti e la Nato durante l'occupazione, ma che gli Stati Uniti ora si rifiutano di aiutare. «Gli americani li hanno chiamati, ma hanno ordinato all'Europa e alle nazioni dell'Asia centrale di farsi carico. Le repubbliche dell'Asia centrale hanno detto 'scusate, no'. Dove andranno? Andranno in Europa. Gli americani dicono 'lasciate che stiano con voi temporaneamente. Sappiamo cosa significa "temporaneamente". Questi sono americani», ha osservato il leader bielorusso.
Lukashenko ha sottolineato che i migranti si stavano facendo strada in Europa attraverso l'Ucraina, ma ha ipotizzato che i leader e i media occidentali hanno mantenuto il silenzio dal momento che Kiev è diventata uno Stato cliente.

(Fonte: it.sputniknews.com)


<<Torna Indietro

I rifugiati a terra in un campo di migranti illegali al confine bielorusso-polacco nella regione di Grodno, in Bielorussia. © Sputnik.
Agosto '17


Costi abbonamento

Abb. annuale € 30,00
Abb. benemerito € 50,00



Da versare su c/c postale n° 91231985
IBAN IT 11 E 07601 15500 0000912385
intestato a Eleousa di Fernanda Santobuono