04/11/2021
Russia - Festa in onore dell'icona di Kazan'


Mosca, 4 novembre 2021 – Nella festa dell'icona di Kazan' della Madre di Dio, Sua Santità il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’ Kirill ha celebrato la Divina Liturgia nella Cattedrale di Cristo Salvatore a Mosca. In questo giorno, la Russia celebra un giorno festivo: la Giornata dell'unità nazionale.

Hanno concelebrato con Sua Santità: il metropolita Dionisij di Voskresensk, direttore del Dipartimento amministrativo del Patriarcato di Mosca, primo vicario del Patriarca di Mosca e di tutta la Rus' a Mosca; il vescovo Foma di Sergiev Posad e Dmitrov, vicario della Lavra della Trinità di San Sergio; l'arciprete Mikhail Ryazantsev, decano della Cattedrale di Cristo Salvatore; l'archimandrita Aleksej (Turikov), segretario personale di Sua Santità il Patriarca Kirill; il clero della città di Mosca.






Nel tempio erano presenti: il vicepresidente della Duma di Stato dell'Assemblea federale della Federazione Russa dell'VIII convocazione A.Yu. Kuznetsov; il presidente dell'Assemblea interparlamentare dell'Ortodossia, presidente del Comitato della Duma di Stato della Federazione Russa in materia di proprietà, terreni e rapporti patrimoniali S.A. Gavrilov.

I canti liturgici sono stati eseguiti dal coro patriarcale della Cattedrale di Cristo Salvatore (diretto da I.B. Tolkachev).

Il servizio è stato trasmesso in diretta sui canali televisivi «Unione», «Il Salvatore» e sul portale ufficiale della Chiesa ortodossa russa Patriarhyia.ru.

Alla litania della «supplica intensa» sono state elevate preghiere per la liberazione dall'infezione da coronavirus, nonché una preghiera per i medici: «Guarda Signore dell’umanità l'impresa sacrificale dei nostri medici, invia loro salute incrollabile, forza fisica e spirituale, saggezza per compiere opere per il bene del nostro popolo e attraverso di esse portare la guarigione del Tuo servo sofferente, Ti preghiamo sinceramente, ascolta e abbi pietà».

Al termine della litania il Primate della Chiesa ortodossa russa ha pregato per la diffusione dell'epidemia dannosa.

Il sermone prima della comunione ai Santi Misteri di Cristo è stato pronunciato dall'arciprete Andrej Tkachev, chierico della Chiesa di San Basilio il Grande, podvorje patriarcale nel villaggio di Zaitsevo, distretto di Odintsovo, regione di Mosca.

È stato eseguito il servizio di glorificazione (slavlenie) alla Santissima Madre di Dio.

Al termine della Liturgia, Sua Santità il Patriarca Kirill si è rivolto ai fedeli con la parola primaziale.

«Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo!

Celebriamo oggi un evento storico molto importante, inserito anche nel calendario della Chiesa. Glorifichiamo la Regina del Cielo, Patrona della nostra terra, ricordando l'evento legato alla Sua icona miracolosa, divenuto uno dei più importanti nella storia della nostra Patria. Stiamo parlando dell'episodio più difficile di questa storia, il cosiddetto Periodo dei Torbidi, quando una guerra intestina, uno scontro di interessi all'interno dello Stato russo ha portato al fatto che ogni tipo di potere, sia centrale che locale, fosse praticamente scomparso. Le case sono state distrutte, la gente è morta, il fratello si è ribellato al fratello e l'intero Paese è precipitato in questo sanguinoso caos. Non c'era più potere o esercito, l'intero sistema di autodifesa è stato distrutto, le persone erano arrabbiate, quindi tutti hanno cercato di prendere qualcosa dall'altro, approfittando della sua debolezza, arricchirsi a spese di qualcun altro, creare benessere personale, indipendentemente dal benessere del suo vicino, il che significa non apprezzare il benessere del paese e delle persone.

Ebbene, cosa sarebbe rimasto se tutto fosse stato distrutto: potere, relazioni umane, difesa, tutto ciò che avrebbe dovuto tenere insieme il nostro Stato? Rimane solo una cosa: la fede ortodossa. Non c'era più nessun'altra forza: nessun partito politico, nessuna comunità scientifica, nessun esercito; non c'era nulla su cui gli stati moderni si affidano oggi, sforzandosi di unire le persone e preservare la loro integrità. Il Periodo dei Torbidi ha mostrato che nei momenti critici né gli ideali umani né il potere statale possono far fronte alle forze centrifughe distruttive. Solo la fede ortodossa ha poi aiutato le persone a riconoscere le persone che la pensano allo stesso modo e a realizzare la loro comunità. Non è un caso che il nemico, entrato non solo a Mosca, ma anche al Cremlino, abbia imprigionato il Patriarca Ermogene, il Primate della nostra Chiesa, nelle cantine del Monastero di Chudov, lo abbia tormentato con la fame e il freddo. È difficile immaginare come quando fa freddo una persona possa resistere in questi scantinati senza vestiti caldi, senza cibo. Erano pronti a portargli vestiti caldi e cibo a sufficienza, solo per invitare la nostra gente a riconoscere la potenza straniera. Sappiamo che questo non avvenne, e sant'Ermogene divenne uno ieromartire che perì sia per la sua fede che per la sua Patria.

Infine, cosa ha aiutato Minin e Pozharsky a unire le persone? Sì, prima di tutto, un appello a difendere la fede ortodossa, perché a Mosca sono entrate forze con l'obiettivo di distruggere la nostra fede dei padri, e l'appello di Minin e Pozharsky ad andare a Mosca era, soprattutto, un appello a difendere la fede. Le persone si sono unite intorno a questa chiamata. Sottolineo ancora una volta: non intorno alle autorità, non intorno alle forze armate, non intorno ad alcune intuizioni umane che oggi potremmo chiamare conquiste scientifiche - solo intorno alla fede ortodossa il popolo si è unito allora, e sappiamo che Mosca è stata liberata, e poi anche tutta la Russia fu liberata.

Non è un caso che glorifichiamo l'immagine di Kazan’ della Madre di Dio, perché i difensori di Mosca camminavano con questa immagine, sia Minin che Pozharsky pregavano in ginocchio davanti ad essa. Il nostro esercito guardò il volto meraviglioso della Madre di Dio, che, da un punto di vista umano, aveva poche possibilità di scacciare il nemico da Mosca, ma la milizia andò incontro alla morte senza dubbio ricevendo ispirazione e forza davanti alla meravigliosa immagine della Regina del Cielo.

Alcuni altri eventi della nostra storia sono collegati a tali preghiere schiette e sincere rivolte a Dio. Sappiamo come la preghiera abbia aiutato in tutte le guerre, compresa l'ultima terribile Grande Guerra Patriottica. Sappiamo come la fede sincera e la preghiera abbiano aiutato gli abitanti di Leningrado morenti di fame a non consegnare la città nelle condizioni più difficili di un terribile blocco. Si possono elencare altri esempi, ma vorrei dire di una certa coincidenza di eventi storici associati a questo giorno. Da un lato, questo è ciò di cui stiamo parlando ora: l'espulsione dei polacchi, prima da Mosca e poi dalla Russia. Ma esattamente 200 anni dopo – pensala come vuoi, giorno dopo giorno - accadde un altro evento. Voi sapete che Napoleone entrò a Mosca nel 1812. C’era da aspettarsi che sarebbero venuti a inchinarsi a lui - nessuno è venuto. Si sedette al Cremlino e poi decise di saccheggiare tutto ciò che era possibile, caricarlo sui carri e partire per il suo caldo paese. Ma fu in questo giorno che le truppe sotto il comando del generale e ataman Platov e del generale Miloradovich diedero battaglia alla retroguardia di Napoleone e riconquistarono i convogli con il bottino. Dopodiché, Napoleone non lasciò più con calma la Russia, ma fuggì come un criminale dalla rappresaglia. Non c'era più la forza di derubare nessuno, Napoleone scappava e proprio quel giorno fu sferrato il colpo schiacciante all'esercito napoleonico. Ancora una volta, proprio come 200 anni prima a Mosca, il nostro esercito e il nostro popolo ottennero una vittoria di cui pochi parlano, ma fu la vittoria sulla retroguardia di Napoleone che stava lasciando la Russia che trasformò questa ritirata in fuga e portò alla completa sconfitta dell’esercito nemico. 200 anni separano un evento dall'altro, ma sono accaduti nello stesso giorno. Qualcuno dirà "incidente", ma noi diciamo "segno". Un segno che la Regina del Cielo, la Purissima Vergine Maria, attraverso le preghiere del nostro popolo sofferente, era con noi e, speriamo, rimanga anche oggi. È solo molto importante ricordare: proprio come l'acqua non scorre sotto una pietra che giace, così la grazia di Dio non si estende a coloro che non desiderano avere questa grazia. E se noi, come popolo, abbandoniamo la fede ortodossa, se dimentichiamo le lezioni della storia, se voltiamo le spalle all'impresa spirituale dei nostri antenati, allora non ci sarà grazia su di noi.

E oggi non ci sono meno pericoli che durante l'invasione napoleonica: quante tentazioni, quante seduzioni! Quanti falsi ideali, quanti falsi idoli vengono innalzati davanti agli occhi del nostro popolo, solo per allontanarlo dal cammino spirituale storico! Affinché le persone abbandonino la fede, tradiscano i loro antenati, in modo che camminino nel percorso, che è determinato non da loro stessi, ma da qualcun altro, non si sa per quale scopo!

La giornata odierna ci insegna che la Protezione della Purissima Regina del Cielo risiede realmente sulla nostra Patria, ma, lo ripeto, non su coloro che non vogliono questo, che tradiscono non solo la memoria degli eroi del passato che, in nome della fede, hanno dato la vita sui campi di battaglia, ma tradiscono anche i veri interessi della Russia di oggi, strettamente legati alla tradizione spirituale della maggioranza del nostro popolo.

Possa il Signore proteggere la nostra Patria, le nostre Forze Armate, rendere saggio il nostro potere, aiutarci con tutti i modi e i mezzi disponibili a preservare la nostra sovranità e la nostra indipendenza. Quando dico questo, intendo non solo l'indipendenza formale, ma anche la capacità di vivere secondo la propria ragione, la cui fonte è la grande tradizione spirituale e culturale del nostro popolo. Crediamo che se conserviamo l'Ortodossia, conserveremo anche la Russia. E proprio come allora, durante il Periodo dei Torpidi, insieme agli ortodossi anche i musulmani insorsero contro il nemico, e allora non c’era conflitto interreligioso nell'esercito russo, così oggi, se viviamo secondo le leggi dell'Ortodossia, nessuno nel nostro Paese si sentirà offeso, né tanto meno oppresso né discriminato. Perché l'Ortodossia e l'oppressione sono incompatibili, perché l'Ortodossia è spirito di libertà, è amore per il prossimo. E possa il Signore aiutare il nostro popolo e il nostro Paese russo a seguire il sentiero che è stato tracciato dai nostri pii antenati e, contando sulla protezione della Purissima Regina del Cielo e innalzando a Lei le nostre preghiere, non perdere la speranza che Lei ascolti queste preghiere. Ciò significa che la Santissima Madre di Dio sarà - finché manteniamo la fede - il nostro Intercessore presso Dio e stenderà il Suo Velo, proteggendo tutti noi e la nostra Patria da tutti i problemi e i mali. Amin».

(Fonte: Servizio stampa del Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’; www.patriarhiya.ru)


<<Torna Indietro

Mosca - Servizio patriarcale nella festa dell'icona di Kazan della Madre di Dio nella Cattedrale di Cristo Salvatore.
Mosca - Servizio patriarcale nella festa dell'icona di Kazan della Madre di Dio nella Cattedrale di Cristo Salvatore.
Mosca - Servizio patriarcale nella festa dell'icona di Kazan della Madre di Dio nella Cattedrale di Cristo Salvatore.
Mosca - Servizio patriarcale nella festa dell'icona di Kazan della Madre di Dio nella Cattedrale di Cristo Salvatore.
Mosca - Servizio patriarcale nella festa dell'icona di Kazan della Madre di Dio nella Cattedrale di Cristo Salvatore.
Mosca - Servizio patriarcale nella festa dell'icona di Kazan della Madre di Dio nella Cattedrale di Cristo Salvatore.
Mosca - Servizio patriarcale nella festa dell'icona di Kazan della Madre di Dio nella Cattedrale di Cristo Salvatore.
Mosca - Servizio patriarcale nella festa dell'icona di Kazan della Madre di Dio nella Cattedrale di Cristo Salvatore.
Mosca - Servizio patriarcale nella festa dell'icona di Kazan della Madre di Dio nella Cattedrale di Cristo Salvatore.
Mosca - Servizio patriarcale nella festa dell'icona di Kazan della Madre di Dio nella Cattedrale di Cristo Salvatore.
Mosca - Servizio patriarcale nella festa dell'icona di Kazan della Madre di Dio nella Cattedrale di Cristo Salvatore.
Mosca - Servizio patriarcale nella festa dell'icona di Kazan della Madre di Dio nella Cattedrale di Cristo Salvatore.
Mosca - Servizio patriarcale nella festa dell'icona di Kazan della Madre di Dio nella Cattedrale di Cristo Salvatore.
Mosca - Servizio patriarcale nella festa dell'icona di Kazan della Madre di Dio nella Cattedrale di Cristo Salvatore.
Mosca - Servizio patriarcale nella festa dell'icona di Kazan della Madre di Dio nella Cattedrale di Cristo Salvatore.
Mosca - Servizio patriarcale nella festa dell'icona di Kazan della Madre di Dio nella Cattedrale di Cristo Salvatore.
Mosca - Servizio patriarcale nella festa dell'icona di Kazan della Madre di Dio nella Cattedrale di Cristo Salvatore.
Mosca - Servizio patriarcale nella festa dell'icona di Kazan della Madre di Dio nella Cattedrale di Cristo Salvatore.
Mosca - Servizio patriarcale nella festa dell'icona di Kazan della Madre di Dio nella Cattedrale di Cristo Salvatore.
Mosca - Servizio patriarcale nella festa dell'icona di Kazan della Madre di Dio nella Cattedrale di Cristo Salvatore.
Mosca - Servizio patriarcale nella festa dell'icona di Kazan della Madre di Dio nella Cattedrale di Cristo Salvatore.
Mosca - Servizio patriarcale nella festa dell'icona di Kazan della Madre di Dio nella Cattedrale di Cristo Salvatore.
Mosca - Servizio patriarcale nella festa dell'icona di Kazan della Madre di Dio nella Cattedrale di Cristo Salvatore.
Mosca - Servizio patriarcale nella festa dell'icona di Kazan della Madre di Dio nella Cattedrale di Cristo Salvatore.
Mosca - Servizio patriarcale nella festa dell'icona di Kazan della Madre di Dio nella Cattedrale di Cristo Salvatore.
Mosca - Servizio patriarcale nella festa dell'icona di Kazan della Madre di Dio nella Cattedrale di Cristo Salvatore.
Mosca - Servizio patriarcale nella festa dell'icona di Kazan della Madre di Dio nella Cattedrale di Cristo Salvatore.
Mosca - Servizio patriarcale nella festa dell'icona di Kazan della Madre di Dio nella Cattedrale di Cristo Salvatore.
Mosca - Servizio patriarcale nella festa dell'icona di Kazan della Madre di Dio nella Cattedrale di Cristo Salvatore.
Mosca - Servizio patriarcale nella festa dell'icona di Kazan della Madre di Dio nella Cattedrale di Cristo Salvatore.
Mosca - Servizio patriarcale nella festa dell'icona di Kazan della Madre di Dio nella Cattedrale di Cristo Salvatore.
Mosca - Servizio patriarcale nella festa dell'icona di Kazan della Madre di Dio nella Cattedrale di Cristo Salvatore.
Mosca - Servizio patriarcale nella festa dell'icona di Kazan della Madre di Dio nella Cattedrale di Cristo Salvatore.
Mosca - Servizio patriarcale nella festa dell'icona di Kazan della Madre di Dio nella Cattedrale di Cristo Salvatore.
Mosca - Servizio patriarcale nella festa dell'icona di Kazan della Madre di Dio nella Cattedrale di Cristo Salvatore.
Mosca - Servizio patriarcale nella festa dell'icona di Kazan della Madre di Dio nella Cattedrale di Cristo Salvatore.
Mosca - Servizio patriarcale nella festa dell'icona di Kazan della Madre di Dio nella Cattedrale di Cristo Salvatore.
Mosca - Servizio patriarcale nella festa dell'icona di Kazan della Madre di Dio nella Cattedrale di Cristo Salvatore.
Mosca - Servizio patriarcale nella festa dell'icona di Kazan della Madre di Dio nella Cattedrale di Cristo Salvatore.
Agosto '17


Costi abbonamento

Abb. annuale € 30,00
Abb. benemerito € 50,00



Da versare su c/c postale n° 91231985
IBAN IT 11 E 07601 15500 0000912385
intestato a Eleousa di Fernanda Santobuono