04/11/2021
Russia - Giornata dell'unità nazionale


Sebastopoli, 4 novembre 2021 – In occasione della Giornata dell'unità nazionale, il presidente Vladimir Putin ha visitato a Sebastopoli il complesso commemorativo dedicato alla fine della Guerra civile. Il Capo dello Stato ha deposto i fiori dinanzi alla fiamma eterna ai piedi del monumento e si è congratulato con la Crimea e con tutti i cittadini della Russia per la festa nazionale.
Il memoriale, inaugurato il 22 aprile 2021 sulle rive della baia di Karantinnaya, è stato eretto su istruzione del Presidente. Il progetto è stato realizzato dalla Società storica militare russa con il supporto del Consiglio internazionale dei compatrioti russi. L'autore del monumento è il presidente dell'Unione degli artisti della Russia Andrej Kovalchuk.
La parte centrale della composizione scultorea comprende due figure maschili che simboleggiano i due schieramenti contrapposti nella Guerra civile. Sopra di loro si erge su un piedistallo una statua che rappresenta la Madre Russia che invita i suoi figli a riconciliarsi.La parte inferiore del monumento porta l'iscrizione: «Siamo un solo popolo e abbiamo una sola Russia». Qui è dove arde la fiamma eterna.

***

Vladimir Putin: Cari residenti di Sebastopoli, della Crimea, cittadini della Russia!





Oggi, qui, nella città eroica di Sebastopoli, in Crimea, e in tutto il nostro vasto Paese, si celebra la Giornata dell'unità nazionale. Questa festa è dedicata a quei valori principali, fondamentali, vicini e comprensibili a ciascuno di noi. Essi includono l’amore sincero per la Patria, il rispetto dei nostri antenati, il desiderio di essere degni dei loro fatti d'arme e risultati eccezionali, nonché il nostro impegno a servire la gente del nostro Paese, a lavorare duramente per il suo sviluppo e il bene della sua gente. La tradizione di prendersi cura della Patria, la volontà di difenderla e proteggerla è nel carattere del nostro popolo multimilionario e multinazionale.

La Giornata dell'unità nazionale è direttamente collegata a uno dei periodi più drammatici e fatali della storia del nostro Paese: all'inizio del XVII secolo esso era sul punto di perdere la propria sovranità, poteva scomparire per sempre dalla carta geografica dell'Europa e del mondo. Ma il popolo russo non lo permise e, unito nei ranghi della milizia di Minin e Pozharsky, difese la propria terra natale, si sbarazzò degli interventisti, degli invasori e dei traditori, ripristinò un forte potere, mise fine ai litigi interni, si assunse la responsabilità di salvare il Paese e aprì la strada alla rinascita e al rafforzamento della Russia.

Sono passati più di quattro secoli da allora, ma questa impresa del popolo stupisce ancora con il suo potente impulso patriottico, il fatto che le persone stesse siano arrivate a capire che il destino e il futuro della Patria è prima di tutto.

Grazie all’unità, il nostro popolo ha raggiunto vette incredibili in economia, scienza, tecnologia e cultura. La missione speciale di consolidare la nostra società, rafforzando i valori che ci uniscono, è sempre appartenuta ai leader delle religioni tradizionali della Russia.

Ma ci sono stati periodi in cui questa unità - l'unità del nostro popolo - è stata minata dagli eventi e dai processi storici più duri, come la rivoluzione del 1917 e il nuovo, terribile «tumulto» - la Guerra civile.

Nel 1920, non lontano da qui, partirono dei battelli a vapore che portavano via coloro che lasciarono la loro Patria, che emigrarono. Naturalmente, la maggior parte di loro erano patrioti della Russia e l'amavano sinceramente, proprio come quelli che rimasero per costruire un nuovo Paese e, come pensavano, una vita migliore.

La terra di Crimea, bagnata dal sangue dei soldati russi, conserva la memoria e il dolore di quegli eventi e sarà un simbolo eterno non solo della tragedia del conflitto fratricida, ma anche, cosa particolarmente importante, della riconciliazione che ne seguì e del trionfo della verità storica e della giustizia.

Il complesso commemorativo di Sebastopoli mostra che la Russia ricorda e ama tutti i figli e le figlie ad essa devoti, non importa da quale parte delle barricate si trovassero un tempo, e che il nostro Paese ha riacquistato la sua unità storica.

Naturalmente è qui, a Sebastopoli, in Crimea, che si ha il senso più vivo di questo legame vivo e indissolubile. Sebastopoli e la Crimea sono ora con la Russia e rimarranno con essa per sempre, perché tale è la volontà sovrana, libera e incrollabile di tutto il nostro popolo.

Le mie sincere congratulazioni ai cittadini di Sebastopoli, della Crimea, e a tutti i cittadini del nostro amato Paese, la nostra Russia! Buona Giornata dell'unità nazionale!

Congratulazioni!

(Fonte: kremlin.ru)


<<Torna Indietro

Sebastopoli – Il presidente Vladimir Putin visita il complesso commemorativo dedicato alla fine della Guerra civile russa.
Sebastopoli - Nel giorno dell'unità nazionale, Vladimir Putin ha visitato il complesso commemorativo dedicato alla fine della Guerra civile russa.
Sebastopoli - Nel giorno dell'unità nazionale, Vladimir Putin ha visitato il complesso commemorativo dedicato alla fine della Guerra civile russa.
Sebastopoli - Nel giorno dell'unità nazionale, Vladimir Putin ha visitato il complesso commemorativo dedicato alla fine della Guerra civile russa.
Sebastopoli - Nel giorno dell'unità nazionale, Vladimir Putin ha visitato il complesso commemorativo dedicato alla fine della Guerra civile russa.
Sebastopoli - Nel giorno dell'unità nazionale, Vladimir Putin ha visitato il complesso commemorativo dedicato alla fine della Guerra civile russa.
Sebastopoli - Nel giorno dell'unità nazionale, Vladimir Putin ha visitato il complesso commemorativo, dedicato alla fine della Guerra civile russa, e ha deposto i fiori dinanzi alla fiamma eterna vicino al monumento.
Sebastopoli - Nel giorno dell'unità nazionale, Vladimir Putin ha visitato il complesso commemorativo, dedicato alla fine della Guerra civile russa, e ha deposto i fiori dinanzi alla fiamma eterna vicino al monumento.
 Sebastopoli – Visita al complesso commemorativo dedicato alla fine della Guerra civile russa.
 Sebastopoli – Visita al complesso commemorativo dedicato alla fine della Guerra civile russa.
 Sebastopoli – Visita al complesso commemorativo dedicato alla fine della Guerra civile russa.
Agosto '17


Costi abbonamento

Abb. annuale € 30,00
Abb. benemerito € 50,00



Da versare su c/c postale n° 91231985
IBAN IT 11 E 07601 15500 0000912385
intestato a Eleousa di Fernanda Santobuono