03/11/2021
Russia - Incontro con i sacerdoti nelle zone rosse


Mosca, 2 novembre 2021 - Si è svolto un incontro online di Sua Santità il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus' Kirill con i sacerdoti che visitano le «zone rosse» degli ospedali.
All'incontro hanno partecipato i sacerdoti di Mosca, Ekaterinburg, Yaroslavl, Petropavlovsk-Kamchatsky e di altre città, nonché i coordinatori dei volontari del servizio ortodosso «Misericordia», che si prendono cura dei pazienti negli ospedali. I partecipanti all'incontro hanno discusso dell'aiuto della Chiesa durante la pandemia, del ministero dei sacerdoti nelle «zone rosse», dell'aiuto dei volontari ortodossi.

Questo incontro è stato il primo di una serie di incontri regolari del Primate, che saranno organizzati con coloro che aiutano le persone bisognose nella Chiesa, secondo il Dipartimento sinodale per la carità e il servizio sociale della Chiesa.






Il Primate della Chiesa ortodossa russa ha ringraziato i sacerdoti e i volontari per il loro servizio nelle «zone rosse», che, a rischio della propria vita, «svolgono il loro ministero di misericordia cristiano in prima linea nella battaglia contro la pandemia».

Sua Santità Vladyka ha condiviso le sue riflessioni sul significato spirituale delle prove associate alla diffusione dell'infezione da coronavirus.

«Molti parlano dell'attuale pandemia come di un momento di crisi. Vorrei ricordarvi che uno dei significati della parola greca "crisi" è il giudizio di Dio, - ha affermato Sua Santità il Patriarca Kirill. - Nelle crisi si rivela la vera verità, e soprattutto la verità di una persona su se stessa. Chi ha combattuto in prima linea dice che non ci sono atei in trincea. In uno stato di crisi, dall'esperienza che in qualsiasi momento la tua vita può essere interrotta, non c'è più nessuna menzogna, nessun disegno, nessuna posa in una persona, è assolutamente nuda di fronte alla verità di Dio».

In una pandemia, secondo Sua Santità, è particolarmente importante mostrare misericordia e amore per gli altri.

«C'è così tanta sofferenza e dolore intorno a noi ora. A che punto siamo in questa difficile immagine del mondo? Cosa stiamo facendo per rendere evidente la nostra vocazione cristiana, prima di tutto per noi stessi, ma anche per il mondo che ci circonda?», - ha chiesto Sua Santità il Patriarca Kirill.

Citando le parole della lettera dell'apostolo Giacomo «la fede senza le opere è morta» (Gc 2, 20), il Primate ha esortato tutti i cristiani a chiedersi: «Cosa faccio perché la mia fede non sia morta?».

«Le azioni senza amore sono morte anche quando compiamo le buone azioni meccanicamente, per costrizione, per istruzione. E affinché queste cose vengano dal cuore, devi metterti nei panni di un'altra persona», ha affermato Sua Santità il Patriarca Kirill.

L'incontro è stato moderato dal presidente del Dipartimento sinodale per la carità, capo della commissione pastorale ospedaliera del Consiglio diocesano di Mosca, vescovo Panteleimon di Verey. I sacerdoti e i volontari hanno parlato della loro esperienza di servizio nelle «zone rosse», delle difficoltà che affrontano durante la pandemia, di ciò che conforta e dà forza per continuare il loro ministero, e hanno posto domande a Sua Santità il Patriarca Kirill.

L'incontro è stato organizzato dal Dipartimento sinodale per la carità e dal Dipartimento sinodale per i rapporti della Chiesa con la società e i media.






(segue)


<<Torna Indietro
Agosto '17


Costi abbonamento

Abb. annuale € 30,00
Abb. benemerito € 50,00



Da versare su c/c postale n° 91231985
IBAN IT 11 E 07601 15500 0000912385
intestato a Eleousa di Fernanda Santobuono