14/09/2021
Russia - Incontro tra Putin e Bashar Assad


Mosca, 14 settembre 2021 – La sera del 13 settembre Vladimir Putin ha incontrato al Cremlino il presidente della Repubblica araba siriana Bashar al-Assad, in visita in Russia.
Vladimir Putin: Caro signor Presidente!
Sono molto lieto di darVi il benvenuto di nuovo a Mosca. E prima di tutto, vorrei congratularmi con Voi per il Vostro recente compleanno.

Bashar Assad (in russo): Spasibo (Grazie).

Vladimir Putin: E, naturalmente, in un formato personale, mi congratulo per l’ottimo risultato delle elezioni presidenziali. I risultati mostrano che le persone si fidano di Voi e, nonostante tutte le difficoltà degli anni precedenti e le tragedie degli anni passati, associano a Voi il processo di recupero e il ritorno alla vita normale.

So che state facendo molto per questo, anche per stabilire un dialogo con i Vostri avversari politici. Spero davvero che questo processo continui. Solo il consolidamento di tutte le forze in Siria consentirà al Paese di rimettersi in piedi e iniziare un progressivo sviluppo, andando avanti.

Ma molto è stato fatto per questo. Grazie ai nostri sforzi congiunti, abbiamo liberato gran parte del territorio della Repubblica siriana infliggendo ai terroristi danni molto gravi e significativi. Il governo siriano, guidato da Voi, controlla il 90% del territorio.

Il problema principale, a mio avviso, è che forze armate straniere sono presenti in alcuni territori del Paese senza una decisione delle Nazioni Unite, senza le Vostre sanzioni, il che contraddice chiaramente il diritto internazionale e non Vi dà la possibilità di compiere il massimo sforzo per consolidare il Paese e per percorrere la via della sua restaurazione ad un ritmo che sarebbe possibile se l'intero territorio fosse controllato da un governo legittimo.

Purtroppo permangono ancora focolai di resistenza da parte dei terroristi, che non solo controllano una parte del territorio, ma continuano anche a terrorizzare i civili. Tuttavia, i rifugiati stanno attivamente tornando nelle aree liberate. Ho visto con i miei occhi, quando sono venuto a trovarVi su Vostro invito, come le persone stanno attivamente ripristinando le loro case, lavorando attivamente per tornare nel pieno senso della parola a una vita pacifica.

Anche i nostri sforzi congiunti stanno dando risultati. Ora sto parlando non solo degli aiuti umanitari dalla Russia al popolo siriano, ma anche dello sviluppo dei legami commerciali ed economici. Nella prima metà di quest'anno, il volume degli scambi è aumentato di 3,5 volte.

E stiamo lavorando insieme per risolvere il problema principale che l'intera umanità sta affrontando oggi, ovvero la lotta al contagio da coronavirus. Le prime consegne di Sputnik V e Sputnik Light sono andate in Siria. Spero che attraverso sforzi congiunti saremo in grado di aiutare il popolo siriano a rimettersi in piedi in tutti i sensi, per aiutare a ripristinare l'economia, la sfera sociale, la sanità, soprattutto oggi.

Sono molto lieto di vederVi, signor Presidente, e benvenuto.


Bashar Assad (come tradotto): Grazie mille, signor Presidente.

È un grande onore per me essere oggi presente a Mosca, incontrarVi, discutere questioni relative ai nostri compiti comuni, nell'adempimento dei quali abbiamo ottenuto risultati positivi nella lotta al terrorismo internazionale.

I nostri due eserciti, quello russo e quello siriano, hanno ottenuto risultati significativi non solo nella liberazione dei territori occupati dai guerriglieri e nella distruzione del terrorismo, ma hanno anche facilitato il ritorno dei profughi, che sono stati costretti a lasciare le proprie case, a lasciare la loro Patria.

Considerando il fatto che il terrorismo internazionale non conosce confini, si diffonde come un'infezione in tutto il mondo, posso affermare che i nostri eserciti hanno dato un enorme contributo per proteggere tutta l'umanità da questo male.

Naturalmente, anche le nostre azioni politiche, gli eventi politici, i processi che abbiamo svolto, sia a Sochi che ad Astana, hanno contribuito alla normalizzazione della vita sul territorio della Repubblica araba siriana.

L'unica cosa che vorrei sottolineare è il fatto che i processi politici che stiamo portando avanti si sono fermati da circa tre anni. Ci sono, ovviamente, alcune ragioni per questo. Ci sono alcuni Paesi che in tutti i modi possibili influenzano in modo distruttivo la possibilità di condurre processi politici. Ci sono altri fattori, ma li capiamo perfettamente e stiamo cercando di fare del nostro meglio per risolvere questi problemi urgenti.

Alcuni Paesi hanno imposto sanzioni al popolo siriano, che possono essere classificate e posizionate come anti-umane, anti-statali, anti-legittime. Nonostante ciò, queste sanzioni sono ancora in vigore.

Tuttavia, anche nell'attuale contesto, la Repubblica araba siriana è impegnata in tutta una serie di processi, intraprende azioni e contribuisce a varie iniziative, che devono essere portate avanti, sia per promuovere il dialogo politico o altri processi.

Cogliendo questa opportunità, vorrei discutere le questioni che ho già menzionato, nonché altri aspetti della nostra cooperazione bilaterale all'interno di gruppi di lavoro o come verrà deciso oggi.

Ancora una volta, vorrei cogliere questa opportunità e trasmettere attraverso la Vostra persona la nostra gratitudine allo Stato russo, al popolo russo e ad ogni singolo cittadino per gli aiuti umanitari che la Federazione Russa ha generosamente fornito alla Repubblica araba siriana, che ha sofferto per così tanto tempo, compresi i medicinali per il trattamento e la prevenzione della diffusione del coronavirus, nonché altri tipi di assistenza, inclusi cibo e altre forniture essenziali, che la Russia ha inviato in Siria. Grazie per questo aiuto.

Inoltre, vorrei ringraziare separatamente il Ministero degli Esteri [della Russia] per la sua posizione chiara e ferma, per la politica che sta perseguendo nell'arena internazionale, difendendo i legittimi principi e le norme universalmente riconosciuti del diritto internazionale. Quei diritti che sono inalienabili, inalienabili per ogni nazione, sono il diritto all'autodeterminazione e a determinare il proprio futuro in base al diritto nazionale è un diritto inalienabile ed essenziale. Ringrazio il Vostro Ministero degli Esteri per essere rimasto fedele a questa linea politica sulla scena internazionale, come ho già detto, al fine di prevenire la diffusione del terrorismo a vantaggio dei Paesi che sostengono il terrorismo e cercano di utilizzarlo per promuovere la loro propria agenda.

Ancora una volta voglio ringraziarVi. Molte grazie davvero.

(Fonte: kremlin.ru)


<<Torna Indietro

Mosca – Vladimir Putin con il presidente della Repubblica araba siriana Bashar al-Assad.
Mosca – Vladimir Putin con il presidente della Repubblica araba siriana Bashar al-Assad.
Agosto '17


Costi abbonamento

Abb. annuale € 30,00
Abb. benemerito € 50,00



Da versare su c/c postale n° 91231985
IBAN IT 11 E 07601 15500 0000912385
intestato a Eleousa di Fernanda Santobuono