10/09/2021
Russia - XIII vertice dei Paesi BRICS


Mosca, 10 settembre 2021 – Il presidente Vladimir Putin ha preso parte al XIII summit dei Paesi BRICS, che si è tenuto il 9 settembre in videoconferenza sotto la presidenza indiana.
Il tema dell'incontro è stato: «15° anniversario del Brics: cooperazione a cinque vie per garantire la continuità, rafforzare l'interazione e il principio del consenso».





All'incontro hanno partecipato anche il presidente del Brasile Jair Bolsonaro, il primo ministro dell'India Narendra Modi, il presidente della Repubblica popolare cinese Xi Jinping, il presidente del Sudafrica Cyril Ramaphosa.

I principali accordi del XIII summit del Brics sono fissati nella Dichiarazione finale (Dichiarazione di Nuova Delhi).

* * *

Discorso del Primo Ministro dell'India al vertice del Brics

Narendra Modi (come tradotto): Vostre Eccellenze Presidente Putin, Presidente Xi, Presidente Ramaphosa, Presidente Bolsonaro, namaste!

Do il benvenuto a tutti Voi al summit del Brics. Sono molto lieto di presiedere questo vertice in occasione del 13° anniversario del Brics.

Abbiamo un’agenda molto dettagliata per i prossimi eventi. Credo sinceramente che ognuno di Voi abbia determinate idee sull'agenda dell'evento di oggi. E se siete d'accordo con la nostra agenda comune, propongo di considerarla adottata.

Ora tutti noi possiamo fare piccoli commenti e parole introduttive. Lasciate che Vi rivolga un discorso di benvenuto e poi invito ciascuno di voi a fare lo stesso.

Vostre Eccellenze, l'India è abbastanza fortunata ad avere partner di cooperazione così eccellenti come Voi, e durante la mia presidenza vorrei esprimere la mia gratitudine a tutti Voi per questo. La piattaforma Brics ha fatto grandi passi avanti negli ultimi anni e oggi siamo diventati un'organizzazione che ha molto peso e influenza tra le altre economie emergenti. Questa piattaforma ci ha anche permesso di concentrarci sulle priorità dei Paesi in via di sviluppo.

I BRICS hanno creato istituzioni potenti come la Nuova Banca di Sviluppo, un pool di riserve valutarie e una piattaforma per la cooperazione energetica. Queste sono tutte istituzioni molto potenti e forti, e non c'è dubbio che abbiamo molto di cui essere orgogliosi. Tuttavia, è anche importante sottolineare che non possiamo dire di essere pienamente soddisfatti e che i BRICS si impegneranno per ottenere grandi risultati nei prossimi 15 anni.

Il tema che abbiamo scelto per quest'anno dimostra proprio queste priorità: rafforzare la cooperazione dei BRICS sulla base della continuità, del consolidamento e del consenso. Queste parole sono infatti, in un certo senso, i principi fondamentali della nostra partnership. Quest'anno, nonostante le sfide poste dal coronavirus, si sono tenute più di 150 riunioni del Brics, di cui 20 ministeriali.

Insieme alla cooperazione nelle aree tradizionali, abbiamo anche compiuto sforzi per ampliare l'agenda del Brics. In questo contesto posso dire che la nostra associazione ha ottenuto molto, comprese alcune novità. In particolare, per la prima volta, si è tenuto il Brics Digital Summit, un incontro sui temi del digitale, in cui si è discusso di cosa possiamo ottenere con l'aiuto delle tecnologie digitali. A novembre si incontreranno i nostri consiglieri e ministri, che si occupano di risorse idriche.

Inoltre, per la prima volta, il Brics ha assunto una posizione collettiva sul rafforzamento e la riforma del sistema multilaterale. Abbiamo anche adottato un piano d'azione per combattere il terrorismo. È stato raggiunto un accordo sulla costellazione di satelliti di telerilevamento dei Paesi BRICS. Così, apriamo una nuova pagina di cooperazione.

Collaboriamo nel campo delle questioni doganali. Abbiamo anche raggiunto un consenso sulla creazione di un centro vaccinale. Stiamo anche lanciando un'iniziativa sulle tecnologie «verdi» e pulite. Tutte queste nuove iniziative, Vostre Eccellenze, andranno a beneficio di tutti i nostri cittadini. Inoltre, consentiranno al Brics come istituzione di rimanere rilevante negli anni a venire.

Sono convinto che durante questo incontro apriremo la strada al Brics, che diventerà un'istituzione ancora più utile. Discuteremo anche importanti questioni regionali e internazionali.


Discorso del Presidente della Federazione Russa al summit dei BRICS

Vladimir Putin: Caro primo ministro Modi, caro presidente Xi Jinping! caro presidente Ramaphosa, presidente Bolsonaro! Signore e signori!

Prima di tutto, vorrei unirmi ai miei colleghi che hanno parlato prima e ringraziare il primo ministro Modi e tutti i nostri amici indiani per il lavoro attivo svolto dall'India come presidente del Brics quest'anno.

Nonostante le condizioni speciali associate alla pandemia di coronavirus, la presidenza indiana ha fatto tutto il possibile per garantire che il partenariato strategico degli Stati membri del Brics si sviluppasse progressivamente e senza interruzioni.

L'autorità della nostra associazione sta crescendo - sono d'accordo con i colleghi che lo hanno detto - e il suo ruolo negli affari internazionali è in aumento ed è sostanziale. Questo è il risultato logico del fatto che in 15 anni di attività congiunte, i BRICS sono riusciti a stabilire un'interazione efficace sull'intero spettro di questioni di attualità nell'agenda globale e regionale.

Una partnership così stretta tra i Paesi BRICS è molto richiesta, considerando che la situazione nel mondo rimane estremamente turbolenta. I rischi legati alla pandemia di coronavirus sono evidenti a tutti, ne hanno appena parlato i colleghi. Questa minaccia ha colpito quasi tutti gli aspetti della nostra vita, rallentando lo sviluppo dell'economia globale ed esacerbando molti problemi sociali.

Oltre a questo, la stessa situazione nel mondo non sta affatto diventando meno tesa. La sicurezza globale è messa a dura prova, il sistema di stabilità strategica si è notevolmente deteriorato. I conflitti regionali di lunga data non solo non si fermano, ma divampano anche con rinnovata forza.

Il ritiro degli americani e dei loro alleati dall'Afghanistan ha portato all'emergere di una nuova situazione di crisi, e non è ancora chiaro come tutto ciò influirà sulla sicurezza regionale e globale, quindi è abbastanza giusto che i nostri Paesi prestino particolare attenzione a questo problema.

Naturalmente, la Russia, come i suoi partner BRICS, ha costantemente sostenuto l'istituzione della tanto attesa pace e stabilità sul suolo afghano. Gli abitanti di questo Paese combattono da molti decenni e si sono guadagnati il diritto di determinare autonomamente come sarà il loro Stato.

Allo stesso tempo, ovviamente, non ci interessa che l'Afghanistan rimanga una minaccia per i Paesi vicini o che il terrorismo e il traffico illegale di droga dal territorio afghano ci minaccino. Siamo interessati a fermare il flusso migratorio e vogliamo che gli afghani possano vivere in pace e con dignità nella loro Patria.

Ho già detto molte volte che l'attuale ciclo di crisi in Afghanistan è una conseguenza diretta dei tentativi irresponsabili di imporre valori estranei dall'esterno, il desiderio di costruire strutture cosiddette democratiche con metodi di ingegneria socio-politica, non tenendo conto delle caratteristiche storiche o nazionali di altri popoli, ignorando le tradizioni secondo le quali vivono in altri Paesi.

Tutto questo si trasforma solo in destabilizzazione e, in definitiva, caos, dopo di che gli autori di questi esperimenti si ritirano precipitosamente, abbandonando, tra l'altro, le loro cariche al loro destino. L'intera comunità mondiale deve quindi affrontare le conseguenze.

Sono convinto che il progresso pacifico nelle relazioni internazionali possa essere garantito solo assicurando l'esistenza di Stati con differenti sistemi politici e sociali, propri interessi nazionali e valori spirituali e morali, ma con l'osservanza inderogabile dei principi fondamentali del diritto internazionale sanciti dalla Carta delle Nazioni Unite, compresi la non interferenza negli affari interni e il rispetto della sovranità.

È inoltre importante mantenere e sviluppare un'interazione reciprocamente rispettosa, costruttiva ed efficace a livello globale, per rafforzare il sistema multipolare emergente, costituito da centri indipendenti di crescita economica e influenza politica, di cui i BRICS fanno ovviamente parte.

In questo contesto, consideriamo molto rilevante il tema del nostro incontro e dell'intero anno nel Brics, scelto dai partner indiani, dalla Presidenza indiana, e cioè: rafforzare la cooperazione sulla base della continuità, del consolidamento e del consenso. In effetti, l'intera comunità internazionale sta affrontando questa sfida e i cinque paesi BRICS stanno svolgendo un ruolo significativo e notevole nell'affrontarla.

Spero che il nostro lavoro di oggi sia significativo e fruttuoso e vorrei sottolineare ancora una volta che la Russia è pronta a continuare una stretta interazione con i Paesi BRICS in tutte le aree.

Grazie per l'attenzione.

(Fonte: kremlin.ru)


<<Torna Indietro

13° vertice BRICS (in videoconferenza).
Vladimir Putin al 13° vertice BRICS (in videoconferenza).
I partecipanti al 13° vertice BRICS (in videoconferenza).
 Il Presidente russo al 13° vertice BRICS (in videoconferenza).
Agosto '17


Costi abbonamento

Abb. annuale € 30,00
Abb. benemerito € 50,00



Da versare su c/c postale n° 91231985
IBAN IT 11 E 07601 15500 0000912385
intestato a Eleousa di Fernanda Santobuono