03/04/2021
Russia - Liturgia patriarcale a Peredelkino


Peredelkino, 3 aprile 2021 - Nella seconda settimana della Grande Quaresima, giorno della memoria di San Gregorio Palamas, arcivescovo di Tessalonica, Sua Santità il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’ Kirill ha celebrato la Liturgia di San Basilio il Grande.
Il servizio divino ha avuto luogo il 28 marzo nella Chiesa del Santo Principe Alexander Nevsky, nell’omonimo skete vicino a Peredelkino.
Al termine della Liturgia il Primate della Chiesa ortodossa russa ha tenuto un sermone.





«Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo!

L’odierna domenica della Grande Quaresima è dedicata alla memoria di quegli asceti atoniti che, approfondendo la preghiera, acquisirono il dono dell'illuminazione interiore. Uno degli esponenti di questa impresa fu Gregorio Palamas, arcivescovo di Tessalonica, che possedeva poteri e qualità spirituali molto speciali, ma era anche un teologo, una persona illuminata, e quindi le pratiche atonite associate all'acquisizione dello Spirito Santo, espresse da san Gregorio, entrarono nella Tradizione della Chiesa, anche attraverso la sua personalità - come la più grande immagine di ciò che una persona diventa quando, vivendo secondo la legge di Dio e lottando per la salvezza, raggiunge la perfezione.

Oggi durante la Liturgia abbiamo letto il Vangelo su come il paralitico fu guarito dal Salvatore (Mc 2, 1-12). Questo è istruttivo, come tutte le parole del Vangelo, il racconto contiene qualcosa di molto importante per tutti noi. Vorrei ricordarvi che riguarda il fatto che i parenti del paralitico volevano che il Salvatore guarisse lo sfortunato, ma era impossibile entrare in casa a causa della folla. Poi queste persone sono salite sul tetto, fortunatamente in Oriente, come molti sanno, le case hanno i tetti piani, che a quel tempo non erano ricoperti di metallo o altri materiali pesanti. Un simile tetto era facile da smontare, cosa che fecero le persone, e poi calarono il paralitico ai piedi del Salvatore. E il Signore, vedendo la loro fede, disse al paralitico: "Alzati, prendi il tuo letto e cammina".

Questo è stato preceduto da altre parole del Salvatore, che hanno lasciato perplessi gli ascoltatori, specialmente i farisei. Il Signore disse al paralitico: "I tuoi peccati ti sono perdonati". E i farisei pensavano - e il Signore vide i loro pensieri - ecco cosa: "Chi è quest'uomo, e come osa perdonare i peccati?". Dopotutto, solo Dio ha il potere di perdonare i peccati, ma proprio quando le persone intorno al Salvatore lo pensavano, disse: "Prendi il tuo letto e cammina". In effetti, è molto più facile dire "i peccati sono perdonati", e non si sa se saranno perdonati o meno, - ma quando una persona debole, cioè paralizzata, privata di ogni possibilità di muoversi, si alza, prepara il letto ed è pronto per andare, poi, naturalmente, il più grande miracolo ha colpito la coscienza degli altri.

I farisei furono sorpresi quando il Signore disse "i tuoi peccati ti sono perdonati". Ma il Signore non ha tolto all’umanità il grande dono divino del perdono dei peccati anche dopo la Sua Ascensione. Il dono divino del perdono dei peccati è conservato nella vita della Santa Chiesa. Ogni volta che confessiamo i nostri peccati, quando noi, inchinandoci davanti alla croce e al Vangelo, ascoltiamo dal sacerdote il perdono dei peccati, tutto questo è realizzato non dal nostro potere umano, ma da quel potere divino che il Signore, che ha il potere di perdonare i peccati, ha affidato ai Suoi seguaci, la Sua Chiesa. Il dono divino del perdono dei peccati porta un grande potere purificatore, e non si sa cosa sarebbe successo a tutti noi, all’umanità, se non fosse stato per questa opportunità di pentirci dei peccati e ricevere il perdono dal Signore .
Durante la Grande Quaresima, si dovrebbe pensare in modo speciale alla propria vita spirituale, osservare i propri pensieri, parole, azioni e non solo osservare, ma memorizzare i propri pensieri, parole o azioni peccaminose per poi pentirsi di loro e ricevere il grande dono che il Signore ha lasciato alla Sua Chiesa: il dono del perdono e della liberazione dai peccati.

Ogni persona, un credente o anche un non credente, che frequenta la Chiesa o non la frequenta, si rende conto, se ha una coscienza, di aver sbagliato, se ha fatto un torto, se ha ingannato, rubato, offeso, per non parlare di crimini più terribili. Ma i criminali si rendono anche conto di aver commesso un crimine - e poi cosa? E poi il criminale viene imprigionato in modo che si renda veramente conto dell'errore delle sue azioni e si pente di esse: è così che funziona il sistema laico di correzione dei crimini. Nella maggior parte dei casi, non commettiamo tali reati che comportano la punizione da parte dello Stato, ma questo non significa che la maggioranza assoluta delle persone non commetta peccati, cioè crimini contro la legge di Dio. Ognuno commette peccati, che se ne renda conto o no, e questi peccati si accumulano nella nostra anima come un enorme fardello, che impedisce a una persona di elevarsi al di sopra della vita quotidiana e di entrare in comunione con il Signore. Tuttavia, esiste un sistema speciale nella Chiesa che può liberare una persona da un difficile stato di colpa e dare il perdono: questo è il pentimento. Non solo ciò che accade durante la confessione nella Chiesa, ma ciò che dovrebbe precedere questa confessione: la consapevolezza dei propri peccati, la realizzazione della propria ingiustizia; e questa è la cosa più importante, perché la maggioranza assoluta delle persone si considera colpevole di nulla. Se non c'è rimorso, non c'è controllo sul proprio stato interiore, allora tutto sembra andare bene. Ma quando ci confessiamo davanti alla croce e al Vangelo, ricordiamo i nostri peccati, almeno quelli che turbano la nostra coscienza e portano il pentimento. E secondo il grande dono che il Signore ha fatto alla Sua Chiesa e che Egli ha espresso in modo così chiaro con le parole che guarirono il paralitico - "i tuoi peccati ti sono perdonati", – così anche noi riceviamo dal Signore il perdono dei peccati.

La Grande Quaresima è un momento di pentimento e preghiera e possa il Signore aiutarci a concentrarci in questi giorni più del solito sulla nostra vita interiore. Possa il Signore aiutare tutti noi a vedere i nostri peccati, a sentire il bisogno di liberarci da essi attraverso l'unico mezzo possibile - portando il pentimento davanti a Dio, nel Sacramento della Confessione, che, per condiscendenza divina nei nostri confronti, ci libera davvero sia dal peccato che dalla colpa per il peccato commesso. E possa il Signore aiutarci a dedicare veramente il tempo della Santa Quaresima al pentimento e alla preghiera. Amin».

(Fonte: Servizio stampa del Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’; www.patriarhiya.ru)



<<Torna Indietro

Peredelkino - Servizio patriarcale nella seconda settimana della Grande Quaresima nello skete di Alexander Nevsky.
Peredelkino - Servizio patriarcale nella seconda settimana della Grande Quaresima nello skete di Alexander Nevsky.
Peredelkino - Servizio patriarcale nella seconda settimana della Grande Quaresima nello skete di Alexander Nevsky.
Peredelkino - Servizio patriarcale nella seconda settimana della Grande Quaresima nello skete di Alexander Nevsky.
Peredelkino - Servizio patriarcale nella seconda settimana della Grande Quaresima nello skete di Alexander Nevsky.
Agosto '17


Costi abbonamento

Abb. annuale € 30,00
Abb. benemerito € 50,00



Da versare su c/c postale n° 91231985
IBAN IT 11 E 07601 15500 0000912385
intestato a Eleousa di Fernanda Santobuono