03/01/2021
Israele - Possibili attacchi dopo Soleimani


Tel Aviv, 3 gennaio 2021 – Le forze israeliane si preparano ad un ipotetico attacco iraniano che potrebbe arrivare anche dai cosiddetti Paesi del «secondo cerchio», come Iraq e Yemen.
Questo 3 gennaio sarà una domenica di massima allerta per l'Israel Defence Force (Idf). L'anniversario della morte del generale Qasem Soleimani preoccupa le forze militari israeliane che si stanno preparando per possibili attacchi dall'Iran, secondo quanto riferisce una fonte al Jerusalem Post.
L'Idf non esclude la possibilità di un attacco da parte di quelli che i militari hanno definito «Paesi del secondo cerchio», riferendosi all'Iraq o allo Yemen. Secondo quanto riferito, l'esercito israeliano «ha tenuto discussioni a livello di pianificazione e ha riesaminato i possibili scenari di diversi attacchi».
Con l'avvicinarsi del primo anniversario dell'assassinio di Soleimani, si è assistito ad una progressiva escalation di tensione nei rapporti tra Teheran, Washington e Tel Aviv.

Zarif accusa Israele

Il ministro degli Esteri iraniano, Javad Zarif, in un messaggio pubblicato su Twitter ha puntato il dito contro Israele, accusandolo di provocazioni volte a scatenare una guerra fra Stati Uniti e Iran. Zarif parla di una vera e propria trappola al presidente uscente Donald Trump, alludendo ad operazioni di falsa bandiera per creare un casus belli.
«La nuova intelligence irachena indica che agenti provocatori israeliani stanno pianificando attacchi contro gli statunitensi per mettere in difficoltà il presidente uscente Donald Trump con un falso casus belli. Stai attento alla trappola, Donald Trump. Ogni fuoco d'artificio ti si ritorcerà contro, in particolare contro i tuoi amichetti di sempre», ha scritto Zarif.
A metà dicembre 2020, il Capo di Stato Maggiore Lt.-Gen. Aviv Kochavi ha avvertito che se «l'Iran e i suoi delegati» tenteranno di attaccare Israele, «pagheranno un prezzo pesante».
«Sto semplificando le cose e descrivendo la situazione ai nostri nemici così com'è», ha detto, citato da The Post. «I nostri piani di ritorsione sono preparati e sono già stati messi in pratica».
Con l'avvicinarsi del 3 gennaio è emersa la preoccupazione per possibili azioni di ritorsione dell'Iran. Dopo che l'ambasciata americana in Iraq è stata colpita da diversi razzi il 20 dicembre, Trump ha immediatamente incolpato Teheran, avvertendo che «se un americano viene ucciso», »riterrà l'Iran responsabile».
Il ministro degli Esteri iraniano ha respinto l'accusa come avventata, aggiungendo che «Trump si assumerà la piena responsabilità per qualsiasi avventurismo sulla sua uscita».

L'uccisione di Qasem Soleimani

Il 3 gennaio segna il primo anniversario dell'attacco con i droni contro Qasem Soleimani, comandante dell'unità militare extraterritoriale della Forza Quds iraniana, a Baghdad. L'omicidio, scatenato dall'escalation delle tensioni tra Washington e Teheran, e le affermazioni degli Stati Uniti che l'Iran era responsabile degli attacchi alle strutture militari in Iraq alla fine del 2019, provocò una risposta aggressiva sotto forma di attacchi di missili balistici iraniani su un paio di basi statunitensi l’8 gennaio. Gli attacchi hanno provocato il ferimento di 109 soldati statunitensi.
Il parlamento iracheno, dopo l'attacco, ha emesso una dichiarazione chiedendo il ritiro di tutte le forze statunitensi dal Paese.
Nel corso dell'anno, gli Stati Uniti hanno gradualmente ritirato le proprie truppe e restituito diverse basi all'Iraq, con il nuovo segretario alla Difesa di Trump, Christopher Miller, che ha annunciato il mese scorso che il numero del personale sarebbe stato ridotto a 2.500 soldati in totale entro il 15 gennaio 2021.

(Fonte: it.sputniknews.com)


<<Torna Indietro

Soldati israeliani. © CC BY 2.0 / Israel Defense Forces / Brother's Keeper Operation in Judea & Samaria. Da: it.sputniknews.com.
Agosto '17


Costi abbonamento

Abb. annuale € 30,00
Abb. benemerito € 50,00



Da versare su c/c postale n° 91231985
IBAN IT 11 E 07601 15500 0000912385
intestato a Eleousa di Fernanda Santobuono