Dicembre 2020
01020304050607
08091011121314
15161718192021
22232425262728
293031
Vedi tutti gli eventi >>
HOMEPAGE
PRESENTAZIONE SITO
STORIA
ICONA
AKATHISTOS
ORTODOSSIA
LUOGHI
EVENTI
CONTATTI

Privacy

Informativa sull'uso dei Cookies

 


21/11/2020
Russia - Il ministro Shojgu in Armenia


Mosca, 21 novembre 2020 – Venerdì scorso, il presidente russo Vladimir Putin ha detto che coloro che cercano di rallentare l'attuazione dell'accordo trilaterale tra Mosca, Yerevan e Baku sul Nagorno-Karabakh devono capire che l'alternativa a questo accordo è la guerra.
Il ministro della Difesa russo, Sergej Shojgu, è giunto in Armenia ed è ora a colloquio con il primo ministro armeno Nikol Pashinyan, lo ha riferito sabato il segretario stampa del premier, Mane Gevorgyan a Sputnik.
Shojgu ha discusso con la sua controparte armena e con il premier Pashinyan le questioni relative al mantenimento della cessazione delle ostilità in Nagorno-Karabakh, e sull'operazione di mantenimento della pace: dispiegamento di postazioni, organizzazione del monitoraggio, compiti umanitari.
Il ministro della Difesa russo ha affermato inoltre che sono state istituite 23 postazioni in Karabakh e che le forze di pace controllano la strada per Stepanakert. La situazione nella zona è tornata alla normalità.
Nel corso della giornata, anche il ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov dovrebbe giungere in Armenia.

Gli scontri nel Nagorno-Karabakh

Due settimane fa, l'Armenia e l'Azerbaigian hanno firmato un accordo di cessate il fuoco, mediato dalla Russia, in seguito alle rinnovate tensioni nella regione del Nagorno-Karabakh, che sono durate sei settimane. Come risultato del cessate il fuoco, l'autoproclamata Repubblica di Artsakh (Nagorno-Karabakh), sostenuta dall'Armenia, ha perso la maggior parte del territorio sotto il suo controllo.
Le forze di pace russe sono ora arrivate nella regione per sorvegliare il cessate il fuoco e ispezionare il corridoio Lachin che collega la regione del Nagorno-Karabakh con l'Armenia, per impedire il trasporto di armi o esplosivi. La polizia militare russa sta pattugliando anche la città di Stepanakert, la capitale dell'autoproclamata Repubblica.
Complessivamente, 1960 forze di pace russe dovrebbero essere dispiegate nel Nagorno-Karabakh, una regione a maggioranza armena, che ha proclamato l'indipendenza da Baku nel 1991, ma che è ancora riconosciuta a livello internazionale come parte dell'Azerbaigian, per almeno 5 anni.
Dalla prima guerra alla fine degli anni ‘80 e all'inizio degli anni ‘90, gli armeni avevano tenuto il controllo militare su tutto il Nagorno-Karabakh e su ampie fasce del territorio azero che lo circondava, ma in seguito alla recente esplosione della guerra hanno perso la maggior parte del territorio.

(Fonte: it.sputniknews.com)


<<Torna Indietro

Armenia. @ Sputnik.
Agosto '17


Costi abbonamento

Abb. annuale € 30,00
Abb. benemerito € 50,00



Da versare su c/c postale n° 91231985
IBAN IT 11 E 07601 15500 0000912385
intestato a Eleousa di Fernanda Santobuono