Dicembre 2020
01020304050607
08091011121314
15161718192021
22232425262728
293031
Vedi tutti gli eventi >>
HOMEPAGE
PRESENTAZIONE SITO
STORIA
ICONA
AKATHISTOS
ORTODOSSIA
LUOGHI
EVENTI
CONTATTI

Privacy

Informativa sull'uso dei Cookies

 


20/11/2020
Russia - Incontro tra Putin e il Patriarca Kirill


Novo Ogaryovo, 20 novembre 2020 – Il presidente Vladimir Putin ha incontrato il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’ Kirill.
In particolare, sono state discusse le attività della Chiesa ortodossa russa durante la pandemia.
Durante l'incontro, il Presidente si è congratulato con il Patriarca Kirill per il Suo compleanno.

***

Vladimir Putin: Vostra Santità, abbiamo da tempo deciso di incontrarci e parlare di attualità.
Probabilmente, dovremmo iniziare con la situazione in cui lavoriamo tutti oggi, comprese le istituzioni religiose, la Chiesa ortodossa russa. Come valuta la situazione adesso?





Patriarca Kirill: La Chiesa si è unita agli sforzi generali molto attivamente. Abbiamo un gruppo di sacerdoti che lavorano nelle cliniche. Hanno la formazione necessaria. Vorrei dire che hanno svolto il loro dovere in modo davvero altruistico.
Chi è stato messo in isolamento a causa della malattia ha un enorme desiderio di comunicazione. Ma i credenti vogliono anche confessarsi o pregare insieme a un sacerdote.
All'inizio, naturalmente, alcuni dei nostri colleghi medici avevano dei dubbi sulla nostra devozione. Ma ora abbiamo sviluppato un algoritmo secondo il quale i nostri sacerdoti possono fornire supporto pastorale su richiesta dei credenti direttamente nei luoghi in cui soggiornano i malati di coronavirus. Vorrei dire che questo sta avendo un effetto molto positivo nel cuore delle persone. Quando le persone vengono messe in isolamento e nemmeno le loro famiglie possono visitarle, un sacerdote può trovare le parole giuste per aiutarle.
Inoltre, vorrei spendere qualche parola sul nostro lavoro negli ospedali e, in generale, sul nostro lavoro sociale nelle parrocchie. In passato, il nostro lavoro era limitato all'adorazione, poiché la legge proibiva alla Chiesa di fare qualsiasi altra cosa. Ma abbiamo moltissime opportunità nella nuova Russia, quindi realizziamo importanti programmi sociali nelle parrocchie. Sono particolarmente soddisfatto del lavoro con i giovani. Abbiamo un intero corpo di volontari, giovani che donano il loro tempo e si impegnano a partecipare a tutti quei programmi socialmente significativi che esistono nella Chiesa.
Parlando di questa pandemia, essa non ha risparmiato nemmeno il nostro clero. Ci sono vittime, purtroppo. Ma ciò è accaduto soprattutto perché stavano svolgendo il loro lavoro pastorale. Un prete non può sottrarsi al suo dovere, anche se rischia la vita. Questo è il ministero sacerdotale. Non posso citare i numeri esatti ora, ma in effetti, alcune persone ci hanno lasciato a causa del fatto che l'infezione li ha colpiti così tanto che è diventato tutto incompatibile con la vita.
D'altra parte, abbiamo anche acquisito nuova esperienza. A differenza delle solite visite in ospedale, ora dobbiamo indossare quelle «tute spaziali» e rispettare tutti i requisiti medici e continuare a svolgere il nostro ministero in queste condizioni. I sacerdoti ascoltano le confessioni, danno la comunione, parlano alle persone e noi le incoraggiamo in ogni modo possibile, perché infatti, trovandosi in isolamento con una diagnosi drastica senza possibilità di incontrare la loro famiglia, parlare con un sacerdote è a volte l'unica opportunità per loro. Pertanto, per grazia di Dio, facciamo ciò che siamo obbligati a fare.
Questo in effetti è qualcosa che la Chiesa avrebbe sempre dovuto fare. Eppure, per molti anni, abbiamo vissuto in una situazione in cui non potevamo nemmeno pensare di svolgere alcun tipo di lavoro sociale; era proibito, proprio come lavorare con i giovani. Pertanto, ovviamente, la nuova posizione della Chiesa ortodossa russa nella Russia moderna offre questa opportunità: rivelare il potenziale spirituale di coloro che, attraverso la partecipazione alle attività della Chiesa, aspirano a migliorare il mondo.
Come Patriarca, sono grato a Voi, personalmente, e al governo della Russia, e semplicemente alla Russia moderna per questo cambiamento. Le cose sono davvero diventate molto diverse ora, e la Chiesa può ora svolgere con vigore la Sua chiamata, la chiamata dal Signore stesso.

Vladimir Putin: molto bene.

Da parte mia, voglio ringraziare Voi e tutti i sacerdoti della Chiesa ortodossa russa e le nostre confessioni tradizionali nel Paese per il servizio che svolgete in queste condizioni molto difficili.
In effetti, si parla molto di medici, del loro eroismo, e questo è pienamente giustificato, ma in questo senso, tutti coloro che fanno qualcosa per aiutare le persone, meritano certamente parole di gratitudine speciali per il lavoro che svolgono.
Quindi grazie mille.

Patriarca Kirill: Grazie.

Vladimir Putin: Vedo che avete alcune domande.

Patriarca Kirill: Sì, c'è una questione specifica di cui vorrei discutere con Voi.

Vladimir Putin: Sì, prego.

Patriarca Kirill: L'anno prossimo, nel 2021, celebreremo l'800° anniversario della nascita di Alexander Nevsky. Questa, ovviamente, è una data speciale nella storia del nostro popolo, perché Alexander Nevsky ha svolto un ruolo decisivo nel salvare la Russia in un momento in cui si stava decidendo il suo destino.
La Russia è stata attaccata sia da Est che da Ovest. La saggezza di Alexander Nevsky stava nel fatto che aveva capito le motivazioni di coloro che entravano nel territorio della Russia. Quelli che venivano da Est erano interessati al nostro stomaco e alle nostre tasche, e quelli che venivano da Ovest erano interessati alla nostra mente e al nostro cuore. Mentre combatteva l'invasione occidentale dei Cavalieri Teutonici, Alexander Nevsky dimostrò una grande intraprendenza diplomatica nello sviluppare legami con i conquistatori orientali e difese la Russia da pericolose invasioni orientali. E in suo onore è stata costruita a San Pietroburgo la Lavra di Alexander Nevsky. E, naturalmente, la celebrazione del suo anniversario sarà celebrato anche in questo luogo.
A questo proposito, ho diverse richieste. Vorrei chiederVi di prestare attenzione allo stato in cui si trova la Lavra di Alexander Nevsky, dove da molto tempo non vengono eseguiti lavori di restauro. E la situazione è difficile anche all'Accademia Teologica di San Pietroburgo, che è un posto speciale per me perché sono stato il suo rettore per 10 anni.
Vorrei condividere con Voi alcune idee, principalmente legate allo sviluppo dell'Accademia Teologica di San Pietroburgo, come importante centro intellettuale della Chiesa ortodossa russa. Spero di ricevere il Vostro sostegno nell'ulteriore sviluppo di questo centro educativo e spirituale della nostra Chiesa.

Vladimir Putin: Grazie mille.
Vostra Santità, ora esamineremo la questione con attenzione e discuteremo tutti i dettagli.
Ma, prima di passare alla parte completamente operativa, vorrei attirare la Vostra attenzione sul fatto che il nostro incontro di oggi coincide con il Vostro compleanno.
Vorrei congratularmi sinceramente per questo e augurarVi buona salute, augurarVi il successo per il bene della Russia e ringraziarVi per quello che state facendo per il Paese.

Patriarca Kirill: Grazie.

(Fonte: kremlin.ru)


<<Torna Indietro

Il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus' Kirill.
Il Presidente Vladimir Putin incontra il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus' Kirill.
Vladimir Putin con il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus' Kirill.
Vladimir Putin con il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus' Kirill.
Agosto '17


Costi abbonamento

Abb. annuale € 30,00
Abb. benemerito € 50,00



Da versare su c/c postale n° 91231985
IBAN IT 11 E 07601 15500 0000912385
intestato a Eleousa di Fernanda Santobuono