16/10/2020
Russia - Riunione del Consiglio di Sicurezza


Mosca, 16 ottobre 2020 – Il presidente Vladimir Putin ha tenuto una riunione in videoconferenza con i membri permanenti del Consiglio di Sicurezza.
È stato discusso il tema del dialogo russo-americano sul Trattato Start. Le informazioni sono state fornite dal ministro degli Affari esteri Sergey Lavrov.





I partecipanti alla riunione hanno inoltre proceduto a uno scambio di opinioni sull'attuale situazione del conflitto nel Nagorno-Karabakh.

All'incontro hanno partecipato il primo ministro Mikhail Mishustin, il presidente del Consiglio della Federazione Valentina Matvienko, il vicepresidente del Consiglio di Sicurezza Dmitry Medvedev, il capo dell’Amministrazione presidenziale Anton Vajno, il segretario del Consiglio di Sicurezza Nikolaj Patrushev, il ministro degli Interni Vladimir Kolokoltsev, il ministro degli Esteri Sergej Lavrov, il direttore del Servizio di Sicurezza Federale Aleksandr Bortnikov, il direttore del Servizio di Intelligence estero Sergej Naryshkin.

* * *

Vladimir Putin: Buon pomeriggio, cari colleghi!

Prima di discutere la questione principale della nostra agenda, vorrei chiedere al ministro degli Esteri Sergej Viktorovich Lavrov come sta procedendo il dialogo con gli Stati Uniti d'America sull'estensione di uno dei principali documenti nel campo della sicurezza internazionale e del controllo degli armamenti, ovvero il Trattato sulla limitazione delle armi strategiche offensive, Start-3.

Qual è lo stato dei negoziati con gli americani?

Sergej Lavrov: Caro Vladimir Vladimirovich!

In linea con le Vostre istruzioni, siamo in contatto abbastanza intenso con i nostri colleghi americani sull'intera gamma di questioni di stabilità strategica, anche sottolineando la nostra iniziativa di prendere una decisione il più presto possibile per prorogare l'attuale Trattato Start-3, che sta per scadere nel febbraio del prossimo anno, per i prossimi cinque anni senza precondizioni.

Nel frattempo, confermiamo che saremo pronti a continuare a lavorare su nuovi accordi e abbiamo avanzato, con il Vostro consenso, proposte specifiche per lo sviluppo di un approccio globale alla stabilità strategica, che sono state trasferite alla parte americana. In risposta, gli Stati Uniti ci hanno inviato le loro proposte, che sono state presentate come condizioni, o meglio precondizioni per l'estensione del Trattato Start-3, e queste precondizioni, piuttosto numerose, sono state formulate sia al di fuori del quadro del Trattato stesso che al di fuori della nostra competenza.

E in una certa misura si è sviluppata una situazione critica, poiché a febbraio, come ho detto, all'inizio di febbraio, il contratto scade. In caso di mancato accordo di entrambe le parti secondo le modalità previste dall'Accordo sulla sua estensione, esso scadrà. Infatti, i lavori sull'estensione diretta del Trattato senza condizioni che non sono contenute in esso non sono praticamente ancora iniziati.

Vladimir Putin: Quando finisce esattamente questo Trattato?

Sergej Lavrov: il 4 febbraio del prossimo anno.

Vladimir Putin: Quindi abbiamo la completa minaccia di restare e lasciare, in generale, il mondo intero senza questo Trattato?

Sergej Lavrov: Sì, e in generale, senza alcun altro strumento che assicuri almeno alcuni approcci comuni per mantenere la stabilità strategica. Il resto è stato ritirato o suggerito dagli americani per la cessazione.

Vladimir Putin: Sarebbe estremamente triste se il Trattato cessasse di esistere del tutto e non venisse sostituito da un altro documento fondamentale di questo tipo. In tutti gli anni precedenti, il Trattato Start-3 ha funzionato correttamente, ha svolto il suo ruolo fondamentale di limitare, frenare la corsa agli armamenti e controllare le armi. È chiaro che abbiamo nuovi sistemi d'arma che la parte americana non possiede, almeno non ancora. Ma non ci rifiutiamo di discutere anche questo aspetto della questione.

A tal proposito, ho una proposta, ovvero: di prorogare il Trattato esistente senza alcuna condizione per almeno un anno per poter condurre negoziati significativi su tutti i parametri dei problemi che sono regolati da accordi di questo tipo, in modo da non lasciare i nostri Paesi e tutti gli Stati del mondo che sono interessati a mantenere la stabilità strategica, senza un documento così fondamentale come il Trattato sulle armi strategiche offensive.

Si prega di formulare la nostra posizione ai partner americani e di cercare di ottenere almeno una risposta comprensibile da loro non appena possibile.

Sergej Lavrov: Lo faremo il prima possibile, Vladimir Vladimirovich.

Vladimir Putin: Grazie.

Passiamo alla discussione di questioni attuali.

(Fonte: kremlin.ru)


<<Torna Indietro

Mosca – Il presidente Vladimir Putin incontra in videoconferenza i membri permanenti del Consiglio di Sicurezza.
Agosto '17


Costi abbonamento

Abb. annuale € 30,00
Abb. benemerito € 50,00



Da versare su c/c postale n° 91231985
IBAN IT 11 E 07601 15500 0000912385
intestato a Eleousa di Fernanda Santobuono