10/10/2020
Russia - Ucciso il terrorista Khangoshvili


Mosca, 10 ottobre 2020 – Il cittadino georgiano Zelimkhan Khangoshvili, il cui caso di omicidio è attualmente in corso in Germania, era accusato in Russia di coinvolgimento in vari attacchi terroristici.
Secondo le fonti di Sputnik nelle forze di sicurezza russe, faceva parte dei gruppi terroristici di Shamil Basayev, Ibn al-Khattab, Abu Hafs al-Urduni e Abu Omar al-Kuwaiti, ideatori di alcuni dei più sanguinosi attacchi terroristici della storia russa.
Tra i vari crimini compiuti, Khangoshvili era stato coinvolto nell'assalto e nella conseguente presa di ostaggi nella scuola di Beslan, in cui rimasero uccise 334 persone, tra cui 186 bambini, forse il crimine più eclatante e orribile dei terroristi.

Carriera da terrorista

Secondo le fonti, Khangoshvili, soprannominato Dyshno, si è unito ai guerriglieri terroristici del Caucaso settentrionale nel 1999. Allora aveva 20 anni. Il primo episodio a lui attribuito è stato l'attacco al villaggio di Chervlennaya, in Cecenia. Durante la battaglia, 20 soldati furono uccisi ed altri 28 feriti.
Un anno dopo, Khangoshvili si unì ad un gruppo di banditi guidato dal terrorista internazionale Abu Hafs al-Urduni, dopodiché entrò in contatto con il terrorista saudita Abu Al-Walid che, tra le altre cose, fu responsabile dell'attacco del 1996 a un convoglio militare nella gola di Argun e degli attacchi terroristici del 1999 a Mosca e Volgodonsk.
Dal 2001 al 2005, Khangoshvili ha preso parte alle battaglie contro le forze federali durante la Seconda Guerra Cecena.
Dal 2003 è diventato subordinato all'emissario di Al-Qaeda (movimento clandestino in Russia) nel Caucaso settentrionale Abu Omar al-Kuwaiti, direttamente coinvolto nell'attacco terroristico a Beslan, nonché nel bombardamento di un ospedale militare a Mozdok nel 2003, in cui morirono 52 persone.
«Khangoshvili aveva preparato l'attacco terroristico a Beslan, ne è stato uno degli organizzatori, così come l'attacco esplosivo ad Avtozavodskaya (attacco terroristico nella metropolitana di Mosca nel 2004 con 41 morti e più di 100 feriti)», ha detto la fonte dell'agenzia.
Inoltre, secondo gli interlocutori dell'agenzia, Khangoshvili è stato direttamente coinvolto in una serie di attacchi ai convogli federali sul tratto stradale tra i villaggi di Alkhasty e Galashki in Inguscezia nel maggio-agosto 2003. Venti soldati russi trovarono la morte per le azioni dei terroristi.
Come parte di un gruppo di banditi, secondo le forze dell'ordine russe, Khangoshvili ha preso parte ad attacchi contro civili, agenti di polizia e militari nel villaggio di Nesterovskaya, nonché ad un posto di polizia stradale situato lungo l'autostrada Rostov-Baku.
Dal 21 giugno al 22 giugno 2004, notano gli interlocutori dell'agenzia, Khangoshvili, sotto gli ordini di Basayev, ha preso parte agli attacchi in Inguscezia, in cui decine di persone rimasero uccise e più di 100 furono i feriti.

Ritorno in Georgia

Nel 2005 Khangoshvili si è recato in Georgia con un passaporto falso per sfuggire alle forze di sicurezza russe, nella regione di Akhmeta, tuttavia anche da lì non ha perso i contatti con i terroristi ceceni. Secondo le fonti, proprio in Georgia avrebbe ricevuto e successivamente distribuito denaro per aiutare i guerriglieri.
Inoltre, secondo gli interlocutori dell'agenzia, nel 2006 nella zona del villaggio georgiano di Duisi, Khangoshvili aveva addestrato un gruppo di diverse decine di combattenti per il successivo trasferimento nel Caucaso settentrionale e per perpetrare provocazioni contro i caschi blu russi nell'Ossezia meridionale.
Secondo i materiali delle forze dell'ordine russe, nel 2009-2012 Khangoshvili, insieme ad Akhmed Chatayev, che ha organizzato un attacco terroristico all'aeroporto di Istanbul nel 2006 (un attentatore suicida uccise 45 persone), ha organizzato un campo di addestramento per guerriglieri nella gola di Pankisi, dove i terroristi venivano addestrati al fuoco, tattico, all'uso di mine e materiale esplosivo e sabotaggio.
Quelli che uscivano da questo campo di addestramento venivano mandati in Russia per unirsi ai gruppi armati di Doku Umarov. Quest'ultimo è stato responsabile dell'esplosione del Nevsky Express nel 2009 (28 morti e più di 130 feriti), delle esplosioni nella metropolitana di Mosca nel 2010 (41 morti e 88 feriti) e dell'aeroporto di Domodedovo nel 2011 (37 morti e 170 feriti).
Nel 2013, Khangoshvili è stato anche coordinatore regionale nella struttura dell'Emirato del Caucaso (bandito in Russia come organizzazione terroristica), mantenendo i contatti tra Umarov e gli emissari stranieri.
Inoltre reclutava giovani musulmani nella gola di Pankisi ed organizzava il trasferimento di uomini e armi attraverso la Turchia in Siria, dove era già in corso la guerra civile.

Nuovo nome e vendetta di sangue

Nel 2012 Khangoshvili, dopo aver ricevuto un passaporto georgiano col nome di Tornike Kavtarashvili (la data di nascita è rimasta la stessa: 15/08/1979), ha organizzato il trasferimento di un gruppo di guerriglieri dalla Georgia alla Russia. Tuttavia, qualcosa è andato storto e durante la battaglia con le forze di sicurezza georgiane parte del gruppo estremista è stato liquidato.
Secondo il Ministero dell'Interno georgiano, si trattava di un'operazione speciale per eliminare un gruppo di banditi che aveva preso in ostaggio i residenti del villaggio di Lapankuri a Kakheti. Il dicastero ha segnalato l'eliminazione di 12 guerriglieri e la morte di tre uomini delle forze speciali.
Tuttavia lo stesso Khangoshvili ha ricoperto il ruolo di mediatore nei negoziati tra il Ministero degli Interni ed i membri della banda. Dopo aver rifiutato di deporre le armi, parte del gruppo è stato distrutto. I parenti dei banditi uccisi in seguito hanno incolpato Khangoshvili per l'accaduto e minacciato una vendetta di sangue per «tradimento».
I tentativi di assassinio non si sono fatti attendere, affermano le fonti di Sputnik. Il primo è avvenuto nel 2013 in Georgia: Khangoshvili è rimasto gravemente ferito, ma è sopravvissuto. Il secondo è avvenuto nel maggio 2015: Khangoshvili è stato preso di mira mentre guidava un'auto a Tbilisi. Dopo aver ricevuto tre ferite da arma da fuoco, è fuggito dagli aggressori ed è andato in ospedale, dove è stato curato.

Periodo ucraino

Dopo i tentativi di assassinio e la nomina dell'ex presidente georgiano Mikhail Saakashvili come consigliere della presidenza ucraina, Khangoshvili è partito per l'Ucraina nel 2016. Tuttavia le sue attività si erano incrociate con le sorti di questo Paese già in precedenza.
Nell'agosto 2014, mentre si trovava in Turchia, ha ricevuto somme significative di denaro da organizzazioni terroristiche internazionali per trasportare guerriglieri dalla Georgia al Donbass per partecipare alle ostilità a fianco delle forze armate ucraine, notano gli interlocutori dell'agenzia.
Arrivato in Ucraina nel 2016, Khangoshvili si occupava del reclutamento di uomini per le operazioni delle forze armate ucraine contro le forze autonomiste del Donbass. Si trattava principalmente di persone originarie della Georgia e del Caucaso settentrionale, inclusi ex carcerati.
Con il suo aiuto, più di 200 militanti sono stati trasportati nel sud-est ucraino, indicano le fonti di Sputnik. Inoltre durante il suo periodo ucraino Khangoshvili, essendo il confidente di Saakashvili, si occupò della sua sicurezza e ricoprì vari incarichi.
Alla fine del 2016 Khangoshvili partì per la Germania, dove ottenne lo status di rifugiato.

Il finale

Il 23 agosto 2019 Khangoshvili, 40 anni, è stato ucciso a colpi d'arma da fuoco nel parco Tiergarten di Berlino. Il sospetto è il cittadino russo Vadim Sokolov. Secondo la ricostruzione dell'inchiesta tedesca, il presunto assassino ha raggiunto Khangoshvili in bicicletta e gli ha sparato con una pistola Glock 26 con silenziatore. Khangoshvili è morto sul colpo.
L'imputato è stato arrestato poco dopo nei pressi del luogo del delitto. Pochi giorni fa è iniziata a Berlino un'udienza su questo caso.
Gli investigatori tedeschi ritengono che il sospetto russo abbia ricevuto l'incarico «dai dipartimenti governativi dello Stato russo» di uccidere Khangoshvili.
Come indicato nella dichiarazione della Procura Generale tedesca, il cittadino georgiano assassinato «era annoverato tra i terroristi per le agenzie governative russe».
Secondo fonti russe, la Russia ha informato i suoi partner georgiani, ucraini, americani e tedeschi delle attività di Khangoshvili.
In precedenza, il presidente russo Vladimir Putin ha affermato che le autorità russe avevano discusso con la Germania dell'estradizione di Khangoshvili in relazione al suo coinvolgimento in attività terroristiche, comprese le esplosioni nella metropolitana di Mosca.
Gli appelli delle forze di sicurezza russe ai loro colleghi tedeschi per l'estradizione di Khangoshvili sono stati informalmente respinti, mentre la richiesta ufficiale della Procura Generale russa non ha avuto seguito, ha detto Putin. Ha inoltre notato che quello ucciso a Berlino ha preso parte attiva alle ostilità dei separatisti nel Caucaso.

(Fonte: it.sputniknews.com)


<<Torna Indietro

Scuola di Beslan. © Sputnik. Denis Abramov.
Agosto '17


Costi abbonamento

Abb. annuale € 30,00
Abb. benemerito € 50,00



Da versare su c/c postale n° 91231985
IBAN IT 11 E 07601 15500 0000912385
intestato a Eleousa di Fernanda Santobuono