04/10/2020
Karabakh - Potenti esplosioni nella capitale


Stepanakert, 4 ottobre 2020 - Potenti esplosioni sono state udite domenica mattina nel centro di Stepanakert, la capitale della non riconosciuta Repubblica del Nagorno-Karabakh, ha riferito un corrispondente di Sputnik.
Dopo ogni esplosione, si sentiva il suono caratteristico delle schegge che cadevano sull'area.
Non è chiaro quali obiettivi siano stati colpiti.
Le esplosioni sono arrivate dopo che le sirene dei raid aerei hanno iniziato a suonare nella città. Il Ministero della Difesa armeno ha affermato che gli attacchi delle forze azere sono proseguiti sulla linea di contatto nel Nagorno-Karabakh.

Escalation nel Nagorno-Karabakh e storia del conflitto

La situazione nella regione contesa del Caucaso meridionale è peggiorata domenica 27 settembre, dopo che Armenia e Azerbaigian hanno dato vita a reciproci scontri a fuoco e provocazioni militari lungo la linea di contatto. L'escalation ha spinto entrambi i Paesi a introdurre la legge marziale e la mobilitazione.
Il conflitto nella regione è iniziato nel febbraio del 1988, quando la Regione autonoma del Nagorno-Karabakh a maggioranza armena proclamò l'indipendenza dalla Repubblica socialista sovietica dell'Azerbaigian. Nell'area è scoppiato un conflitto armato tra il 1992 e il 1994, da allora sono stati avviati negoziati per la normalizzazione del conflitto con la mediazione del gruppo di Minsk dell'Osce, guidato da Russia, Stati Uniti e Francia.
L'autoproclamata Repubblica, che formalmente fa parte dell'Azerbaigian, ha cercato il riconoscimento internazionale, con il premier armeno Nikol Pashinyan che ha proseguito i tentativi alla luce delle crescenti tensioni nell'area contesa.

(Fonte: it.sputniknews.com)


<<Torna Indietro

La situazione dopo gli scontri nella zona di conflitto del Nagorno-Karabakh.  © Sputnik. Asatur Yesayants.
Agosto '17


Costi abbonamento

Abb. annuale € 30,00
Abb. benemerito € 50,00



Da versare su c/c postale n° 91231985
IBAN IT 11 E 07601 15500 0000912385
intestato a Eleousa di Fernanda Santobuono