03/10/2020
Venezuela - Il primo lotto del vaccino Sputnik V


Caracas, 3 ottobre 2020 – Il presidente venezuelano Nicolas Maduro ha elogiato il suo «Hermano Presidente» (Fratello Presidente) Vladimir Putin e il popolo russo per aver permesso al suo Paese di diventare il primo nel continente americano ad avviare i test clinici della fase 3 del vaccino russo contro il coronavirus Sputnik V.
Lo «Sputnik V è qui!» Maduro ha twittato, accompagnando il suo post con le foto dell'arrivo di grandi borse mediche contenenti il vaccino venerdì in una piccola cerimonia alla presenza del ministro degli Esteri venezuelano Jorge Arreaza, del vicepresidente Delcy Rodriguez e di altri funzionari venezuelani.
«Siamo il primo Paese dell'emisfero occidentale ad iniziare la fase 3 degli studi clinici di questo vaccino contro il Covid-19. A nome del popolo venezuelano, ringrazio il fratello presidente Vladimir Putin e il popolo russo per la loro dimostrazione di solidarietà», ha scritto Maduro.
La vicepresidente Rodriguez ha annunciato venerdì che il Venezuela intende avviare la produzione di Sputnik V nelle proprie fabbriche di farmaci. Il Fondo russo per gli investimenti diretti, uno degli sviluppatori del vaccino, ha confermato venerdì che il lotto di vaccini è stato consegnato in Venezuela e ha osservato che i volontari avrebbero iniziato a testare il vaccino come parte di studi clinici in doppio cieco, randomizzati e controllati con dei placebo.
Circa 2.000 venezuelani si sono offerti volontari per aiutare a testare il vaccino fatto in Russia.

Il vaccino russo Sputnik-V

Sviluppato dall'Istituto di ricerca di epidemiologia e microbiologia Gamaleya, con sede a Mosca, Sputnik V è stato registrato dal Ministero della Salute russo l'11 agosto, con i test di fase 3 attualmente in corso. Oltre al Venezuela, oltre due dozzine di altri Paesi hanno espresso interesse all'acquisto del vaccino, con ordini di più di un miliardo di dosi.
A metà agosto, il presidente Maduro ha detto che avrebbe «dato l'esempio» e sarebbe diventato «il primo a farsi vaccinare» con il vaccino russo quando sarebbe stato disponibile nel suo Paese. Dopodiché, ha detto, il Ministero della Salute assicurerà la vaccinazione degli operatori sanitari, degli anziani e di chi soffre di problemi di salute.

Il coronavirus in Venezuela

Il Venezuela è stato uno dei primi Paesi dell'America Latina a prendere forti precauzioni contro il coronavirus all'inizio di quest'anno ed è riuscito a mantenere costante il numero di casi e le vittime, con oltre 76.800 casi, oltre 67.200 guarigioni e 643 decessi segnalati in questo momento. In confronto, il vicino Brasile ha segnalato oltre 351.000 casi e oltre 8.800 decessi, mentre la Colombia ha segnalato oltre 91.000 casi e oltre 2.700 decessi.
Caracas è riuscita a resistere al virus nonostante un rigido regime di sanzioni statunitensi, che ha causato carenze di tutti i tipi di merci, dal cibo e dal carburante alle forniture mediche. L'approccio del Venezuela include la chiusura dei suoi confini e la creazione di un piano completo di risposta alle emergenze, comprese le visite casa per casa di medici, una campagna organizzata dalla comunità per la consegna di cibo e la mobilitazione di risorse da aggiungere alla capacità di cure mediche della nazione.

(Fonte: it.sputniknews.com)


<<Torna Indietro

Produzione del vaccino russo contro il coronavirus. © Foto: Rdif. Da: it.sputniknews.com.
Agosto '17


Costi abbonamento

Abb. annuale € 30,00
Abb. benemerito € 50,00



Da versare su c/c postale n° 91231985
IBAN IT 11 E 07601 15500 0000912385
intestato a Eleousa di Fernanda Santobuono