Agosto 2020
01020304050607
08091011121314
15161718192021
22232425262728
293031
Vedi tutti gli eventi >>
HOMEPAGE
PRESENTAZIONE SITO
STORIA
ICONA
AKATHISTOS
ORTODOSSIA
LUOGHI
EVENTI
CONTATTI

Privacy

Informativa sull'uso dei Cookies

 


30/05/2020
Russia - Riunione del Consiglio di Sicurezza


Novo Ogaryovo, 30 maggio 2020 - Il presidente Vladimir Putin ha tenuto una riunione operativa tramite videoconferenza con i membri permanenti del Consiglio di Sicurezza della Federazione Russa.
All'incontro hanno partecipato il presidente del Governo Mikhail Mishustin, il presidente del Consiglio della Federazione Valentina Matvienko, il presidente della Duma di Stato Vjacheslav Volodin, il vicepresidente del Consiglio di Sicurezza Dmitrij Medvedev, il capo dell'Amministrazione presidenziale Anton Vajno, il segretario del Consiglio di Sicurezza Nikolaj Patrushev, il ministro degli Interni Vladimir Kolokoltsev, il ministro degli Esteri Sergej Lavrov, il ministro della Difesa Sergej Shojgu, il direttore del Servizio di Intelligence estera Sergej Naryshkin, il rappresentante speciale del Presidente per la tutela dell'ambiente, l'ecologia e i trasporti SergeJ Ivanov.






Vladimir Putin: Cari colleghi, buon pomeriggio!

Iniziamo a lavorare. Discuteremo diverse questioni oggi: come sempre, le attuali questioni di sicurezza interna e l'agenda internazionale. Per quanto riguarda quest'ultima, ovviamente, dobbiamo determinare finalmente la nostra posizione in relazione al ritiro degli Stati Uniti dal Trattato sui cieli aperti, e Start-3 scadrà presto, e seri negoziati su questo argomento sono molto importanti non solo per noi ma per il mondo intero. Questo è il motivo per cui dobbiamo discutere di questo argomento.

Un altro problema attuale, che è estremamente importante, a mio avviso, è che molti Paesi stanno revocando le restrizioni associate alla pandemia da coronavirus. Prima di tutto, ovviamente, questo è comprensibile, è fatto da Paesi le cui economie dipendono fortemente dall'industria del turismo. Questo è chiaro. Ma alcuni Stati che hanno già revocato le restrizioni in relazione al miglioramento della situazione, sono stati costretti a tornare alle misure per combattere l'infezione da coronavirus. Noi questo lo vediamo, sta accadendo proprio davanti ai nostri occhi. Pertanto, dobbiamo capire, insieme ai nostri specialisti, medici, sanitari, come organizzare il lavoro in questa direzione.

Per quanto ho capito, e secondo le informazioni a mia disposizione, non abbiamo ancora evacuato tutti i cittadini russi che vorrebbero tornare in Patria, in Russia, sono rimasti bloccati all'estero a causa delle restrizioni associate alla pandemia. E i voli che li evacueranno sono ancora organizzati da diversi Paesi del mondo.

A tale proposito, ho una domanda per Sergej Viktorovich Lavrov. Sergej Viktorovich quanti dei nostri che vorrebbero tornare in Russia rimangono all'estero a causa delle misure introdotte diversi mesi fa?

Prego.

Sergej Lavrov: Sulla base delle decisioni prese dal Centro di gestione delle crisi, dal 18 marzo di quest'anno abbiamo evacuato 240.000 cittadini russi, o anche leggermente di più. 25.200 sono rimasti all'estero, secondo gli elenchi che sono stati verificati dal Centro di gestione delle crisi. Una decina di voli sono previsti per i prossimi giorni. Ogni volta le nostre decisioni vengono prese tenendo conto della situazione epidemiologica nel nostro Paese.

Vladimir Putin: Cioè, questi sono i nostri cittadini che, ripeto, sono bloccati all'estero a causa delle restrizioni associate all'epidemia da infezione da coronavirus?

Sergej Lavrov: Sì, gli elenchi verificati contengono 25.159 nomi, per l'esattezza.

Vladimir Putin: Molti Paesi, la cui economia, permettetemi di ribadirlo, dipende dal turismo, stanno aprendo i loro confini o hanno dichiarato che stanno per aprirli. Dobbiamo discutere di tutto ciò che accadrà non solo all'interno del nostro Paese, ma anche intorno ad esso.

Iniziamo a lavorare.

(Fonte: kremlin.ru)


<<Torna Indietro

Novo Ogaryovo - Incontro con i membri permanenti del Consiglio di Sicurezza tramite videoconferenza.
Agosto '17


Costi abbonamento

Abb. annuale € 30,00
Abb. benemerito € 50,00



Da versare su c/c postale n° 91231985
IBAN IT 11 E 07601 15500 0000912385
intestato a Eleousa di Fernanda Santobuono