20/05/2020
Palestina - Speranza nel sostegno della Russia


Ramallah, 20 maggio 2020 - La Palestina spera che la Federazione Russa la sosterrà nel contrastare i piani di Israele e degli Stati Uniti per l'annessione della Valle del Giordano, ha detto a Sputnik Diyab al-Luh, l'ambasciatore dell'Autorità Nazionale Palestinese al Cairo e rappresentante permanente palestinese nella Lega degli Stati Arabi.
Martedì scorso, il capo dell'Anp, Mahmoud Abbas, ha dichiarato che la Palestina ha deciso di porre fine a tutti gli accordi con Israele e gli Stati Uniti, anche nell'ambito della sicurezza, sullo sfondo delle intenzioni del governo israeliano di annettere parte delle «terre palestinesi». Allo stesso tempo, la Palestina è pronta a tornare ai negoziati su un accordo pacifico, che può essere mediato da una terza parte, ha affermato Abbas.
«Contiamo molto sulla posizione della Russia come alleato strategico della Palestina, secondo cui sosterrà i passi politici, legali e diplomatici per sospendere questo aggressivo piano israelo-americano contro i palestinesi e i territori palestinesi. Questo piano mira non solo all'espropriazione dei territori, il suo obiettivo è quello di sostituire la popolazione di questi territori con i coloni», ha detto al-Luh.
Secondo il diplomatico, a questo proposito, il Consiglio degli ambasciatori arabi nella Federazione russa ha recentemente tenuto un incontro con i rappresentanti del Ministero degli Esteri russo, dove ha trasmesso la decisione dell'ultima riunione del Consiglio dei ministri della Lega araba.
«Indubbiamente, l'attuazione del piano di Israele e dell'amministrazione americana per annettere i territori e la loro annessione avrà conseguenze negative per l'intera regione», ha detto al-Luh.
«Avvertiamo cosa accadrà e monitoreremo la situazione. Speriamo che gli sforzi compiuti dai Paesi arabi fraterni, dall'Ue e dai Paesi del mondo avranno successo e sospenderanno questi piani al fine di evitare conseguenze negative», ha detto il diplomatico.

L'incontro della Lega Araba sui piani d'Israele

La Lega Araba il 30 aprile, in seguito ad una videoconferenza dei ministri degli esteri, ha equiparato i piani d'Israele di annettere i territori occupati, compresa la Valle del Giordano, come un crimine di guerra. La Lega Araba ha esortato l'amministrazione americana ad abbandonare il sostegno ai piani israeliani.
Il coordinatore speciale delle Nazioni Unite per la pace in Medio Oriente, Nikolaj Mladenov, ha dichiarato il 23 aprile che l'annessione delle aree in Cisgiordania da parte d'Israele avrebbe chiuso le porte ai negoziati e avrebbe messo a rischio la pace nella regione. Secondo il rappresentante ufficiale del Ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova, la Russia condivide i timori che l'attuazione dei piani del futuro governo della coalizione israeliana per annettere parte del territorio della Cisgiordania potrebbe minare la prospettiva di creare uno Stato palestinese indipendente e territorialmente continuo.
I palestinesi, nell'ambito del processo di pace con Israele, attualmente sospeso, chiedono che i futuri confini tra i due Stati sovrani seguano le linee che esistevano prima della Guerra dei Sei Giorni del 1967, con un possibile scambio di territori. Sperano di creare il proprio Stato in Cisgiordania e nella Striscia di Gaza, e rendere Gerusalemme est la capitale. Israele si rifiuta di tornare ai confini del 1967, tanto meno di condividere Gerusalemme, di cui ha già dichiarato la sua capitale eterna e indivisibile, con gli arabi.

(Fonte: it.sputniknews.com)


<<Torna Indietro

Il muro costruito da Israele nei Territori palestinesi occupati. © AFP 2020 / Thomas Coex.
Agosto '17


Costi abbonamento

Abb. annuale € 30,00
Abb. benemerito € 50,00



Da versare su c/c postale n° 91231985
IBAN IT 11 E 07601 15500 0000912385
intestato a Eleousa di Fernanda Santobuono