Dicembre 2019
01020304050607
08091011121314
15161718192021
22232425262728
293031
Vedi tutti gli eventi >>
HOMEPAGE
PRESENTAZIONE SITO
STORIA
ICONA
AKATHISTOS
ORTODOSSIA
LUOGHI
EVENTI
CONTATTI

Privacy

Informativa sull'uso dei Cookies

 


13/10/2019
Siria - Invio di truppe nel nord del Paese


Damasco, 13 ottobre 2019 – L'esercito governativo siriano ha avviato l'invio di truppe verso il nord del Paese dov'è in corso l'operazione armata dell'esercito turco e le forze ad esso alleate. Lo comunica l'agenzia di stampa nazionale siriana Sana.
«Le unità dell'esercito siriano hanno iniziato a muoversi verso il nord per contrastare l'aggressione turca», riferisce l'agenzia.
Dopo l'inizio dell’operazione Fonte di Pace avviata dalla Turchia Damasco l'ha definita «un’atto di aggressione».
In precedenza le forze turche hanno affermato di aver preso sotto controllo una parte sostanziosa delle città di Suluk e Tell Abyad, nel nord della Siria. Ieri la Turchia ha occupato anche un altro centro nevralgico nella zona ad est del fiume Eufrate, Ras al-Ayn.
Mercoledì il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha annunciato l'inizio dell'operazione Fonte di Pace nel nord-est della Siria.
Il Presidente turco ha più volte sottolineato la necessità di stabilire al più presto una »«safe-zone" di circa 30-40 km a est del fiume Eufrate, che rimanga sotto il controllo turco e americano, con l'esclusione totale delle milizie curde.
L’intenzione dell’esercito turco è quello di liberare i territori di confine dalle milizie curde (Ypg e Pkk), considerate da Ankara come terroristiche, al fine di creare una zona di sicurezza in cui sarà possibile anche ricollocare i rifugiati siriani. La Turchia in precedenza ha riferito che ci sono circa quattro milioni di siriani in Turchia che il paese «non può sostenere all'infinito».

Dopo numerose condanne dell’operazione da parte di politici europei, il presidente turco Erdogan ha minacciato di rilasciare i migranti che potranno raggiungere l’Europa.
Alcuni Paesi europei, tra cui anche Francia e Germania, hanno preso la decisione di interrompere le vendite delle armi alla Turchia.
Il ministro degli Esteri italiano Luigi Di Maio ha annunciato ieri che chiederà a tutta l'Europa di imporre l'embargo sulle armi alla Turchia.

(Fonte: it.sputniknews.com)



<<Torna Indietro

© Sputnik. Hikmet Durgun.
Agosto '17


Costi abbonamento

Abb. annuale € 30,00
Abb. benemerito € 50,00



Da versare su c/c postale n° 91231985
IBAN IT 11 E 07601 15500 0000912385
intestato a Eleousa di Fernanda Santobuono