12/08/2019
Russia - Tecnologia e rinnovamento spirituale


Sarov, 31 luglio 2019 - Nella sala grande della Casa degli scienziati del Centro nucleare federale russo - l'Istituto di ricerca panrusso di fisica sperimentale (Rfnc-Vniief) a Sarov, ha avuto luogo l’incontro di Sua Santità il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’ Kirill con scienziati, statisti e personaggi pubblici sul tema «Costruire una nuova realtà: Tecnologia avanzata e rinnovamento spirituale».

All'incontro hanno partecipato rappresentanti della Chiesa ortodossa russa: il metropolita Sava di Tver e Kashin, direttore del Dipartimento amministrativo del Patriarcato di Mosca, il presidente del consiglio di amministrazione del Fondo di beneficenza di San Serafino di Sarov, metropolita Georgij di Nizhny Novgorod e Arzamas, il metropolita Zinovij di Saransk e Mordovia, il capo della Segreteria amministrativa del Patriarcato di Mosca, vescovo Foma di Pavlovo-Posad, il presidente del Dipartimento sinodale per le relazioni della Chiesa con la società e i media, V.R. Legojda.





All'evento hanno partecipato rappresentanti delle autorità statali, della comunità scientifica e del pubblico, in particolare: il rappresentante plenipotenziario del Presidente della Federazione Russa nel Distretto Federale del Volga I.A. Komarov, il governatore della regione di Nižnij Novgorod G.S. Nikitin, il direttore di Rfnc-Vniief V.E. Kostjukov, il supervisore onorario di Rfnc-Vniief R.I. Ilkaev, nonché il capo del Ministero del Tesoro federale R.E. Artjukhin, il supervisore accademico dell’Istituto di studi di sistema dell’Accademia russa delle Scienze, l’accademico dell’Accademia russa delle Scienze V.B. Betelin, il direttore per le comunicazioni e le relazioni internazionali di Rfnc-Vniief O.S. Vorontsova, il direttore esecutivo della Fondazione di beneficenza di San Serafino di Sarov S.V. Gabestro, il progettista generale per sistemi laser - vicedirettore di Rfnc-Vniief per la direzione fisica del laser - direttore dell'Istituto di Fisica del laser (Ilfi), accademico dell’Accademia russa delle Scienze S.G. Garanin, il capo dell'Amministrazione della città di Sarov A.V. Golubev, il direttore generale della società «Lukoil-Centernefteprodukt» V.P. Dmitriev, il rettore dell'Università tecnica statale di Nižnij Novgorod intitolata a R.E. Alekseev, S.M. Dmitriev, il direttore dell'Istituto di Fisica nucleare e delle radiazioni (Inrf) N.V. Zavjalov, il viceministro delle Finanze della Federazione Russa A.Ju. Ivanov, il rettore dell'Università di ricerca medica del Volga N.N. Karjakin, il vicepresidente della società di sviluppo statale «VEB RF» A.N. Klepach, il presidente del consiglio di coordinamento dell'Unione russa degli industriali e degli imprenditori nel Distretto Federale del Volga V.V. Klochaj, il capo dell’Ente autonomo federale «Direzione principale delle competenze statali» della Russia, presidente del consiglio di amministrazione dell'Associazione degli avvocati della Russia I.E. Manylov, il primo viceministro delle Finanze della Federazione Russa T.G. Nesterenko, il direttore per lo sviluppo del sistema di produzione di «Rosatom» S.A. Obozov, il vicerappresentante plenipotenziario del Presidente della Federazione Russa nel Distretto Federale del Volga I.V. Panshin, il rettore dell'Università statale di Mosca intitolata a M.V. Lomonosov, accademico dell'Accademia russa delle Scienze, vicepresidente dell'Accademia russa delle Scienze V.A. Sadovnichij, il primo vicerettore - vicerettore per lo sviluppo economico e innovativo dell'Università statale intitolata a N.I. Lobachevskij di Nizhny Novgorod V.V. Sajgin, il direttore del Centro di produzione scientifica di fisica (SPCF), membro corrispondente dell’Accademia russa delle Scienze V.D. Selemir, il direttore dell’organizzazione autonoma non profit «UK Sarovsk-Diveevsky cluster» E.I. Skopenko, il presidente dell'Università statale di Nižnij Novgorod intitolata a N.I. Lobachevskij - vicepresidente dell'Unione russa dei Rettori R.G. Strongin, il capo della città di Sarov A.M. Tikhonov, il consigliere dell'Accademia russa delle Scienze, accademico-segretario del Dipartimento di energia, ingegneria, meccanica e processi di controllo dell'Accademia russa delle Scienze, supervisore dell'Istituto di bilancio dello Stato federale «Istituto congiunto per le alte temperature dell'Accademia russa delle Scienze» V.E. Fortov, il direttore generale del gruppo di aziende «Varton» D.V. Frolov, il vicedirettore scientifico di Rfnc-Vniief per le tecnologie di collaudo - capo del Dipartimento di ricerca completa (teorica) A.K. Chernyshev, i dipendenti di Rfnc-Vniief, i membri dell'organizzazione pubblica «Centro spirituale e scientifico di Sarov», i docenti delle università di Nizhny Novgorod.

L'incontro è stato guidato dal metropolita Georgij di Nižnij Novgorod e Arzamas e dal direttore scientifico onorario di Rfnc-Vniief R.I. Ilkaev.

Nel discorso di apertura, il metropolita Georgij, in particolare, ha dichiarato: «Nella terra di Sarov, dove confinano il Centro nucleare federale russo e il deserto della Santa Dormizione di Sarov, negli ultimi anni si è sviluppata una buona tradizione per un fruttuoso dialogo e cooperazione tra i rappresentanti della scienza russa e la metropolia di Nizhny Novgorod della Chiesa ortodossa russa. Sul sito del Centro spirituale e scientifico di Sarov, vengono regolarmente organizzate discussioni su questioni relative alla sicurezza nazionale, alla stabilità strategica e alle basi spirituali dello stato attuale della società. Qui ci sono famosi studiosi, rappresentanti del clero, leader del governo e della Chiesa, politici e giovani scienziati.

Il mondo in rapida evoluzione, in cui compaiono possibilità tecnologiche completamente nuove, pone sempre più urgentemente alla società questioni di responsabilità morale per le conseguenze derivanti dall'uso delle ultime tecnologie. Con i rischi crescenti di abuso dei frutti del risultato scientifico, è necessario cercare mezzi di protezione contro le crescenti minacce rivolte sia a un individuo che a interi stati. Passare alla tradizione spirituale e morale ortodossa consente a molti di scoprire da soli gli aspetti fondamentalmente importanti dell'antropologia cristiana, senza la cui conoscenza è difficile stabilire le giuste linee guida morali nel trovare una soluzione a questo problema.

Tre anni fa, il 1 agosto 2016, in connessione con la solenne posa della prima pietra nella fondazione della Cattedrale della Dormizione del deserto di Sarov, Voi, Vostra Santità, avete incontrato qui i partecipanti del nostro Centro spirituale e scientifico – gli scienziati di Nižnij Novgorod. Questo incontro ebbe una grande risonanza. Le questioni sollevate sono state poi discusse nella comunità studentesca, in vari siti di discussione delle università.

Oggi, nel giorno della consacrazione della Cattedrale della Dormizione del deserto di Sarov, il 31 luglio 2019, ci siamo riuniti qui per discutere il tema «Costruire una nuova realtà: tecnologie avanzate e rinnovamento spirituale». La sua attualità è innegabile. Una discussione collettiva su questi temi servirà davvero al bene della nostra Patria».

Poi Sua Santità il Patriarca Kirill ha tenuto un discorso programmatico sul tema dell’incontro.

Inoltre, durante l'incontro hanno presentato le loro relazioni: il supervisore onorario di Rfnc-Vniief R.I. Ilkaev, il rettore dell'Università statale di Mosca intitolata a M.V. Lomonosov, accademico dell'Accademia russa delle Scienze e vicepresidente della medesima accademia, V.A. Sadovnichij, il direttore scientifico dell'Istituto di studi di sistema dell'Accademia russa delle Scienze, l’accademico dell'Accademia russa delle Scienze V.B. Betelin.

Nel suo discorso, il rettore dell'Università statale di Mosca «M.V. Lomonosov», V.A. Savodinichij, ha parlato delle sfide che l'umanità deve affrontare oggi. Queste sono rappresentate dai rischi associati allo sviluppo delle tecnologie digitali, in particolare il pericolo della cosiddetta dittatura digitale, il problema della sicurezza dei dati personali, la globalizzazione, lo sviluppo dell'intelligenza artificiale, i problemi ambientali, ecc.

«Il tema del nostro incontro riunisce le tecnologie avanzate e il rinnovamento della spiritualità, - ha detto V.A. Sadovnichij. - Per superare la crisi globale della moralità, l'inizio della cultura di massa, le conseguenze devastanti della “dittatura digitale“, è necessaria una formazione umanistica a tutti gli effetti».

«La lingua russa, la storia del nostro Paese, le tradizioni storico-culturali e spirituali-morali - tutto questo, secondo le Vostre parole, Vostra Santità, si riferisce alla dimensione umanistica della vita e della personalità, della società e dello Stato. E tutto ciò costituisce la nostra identità nazionale, che deve resistere all'influenza distruttiva della globalizzazione», - ha aggiunto il rettore dell'Università statale di Mosca.

«Un ruolo importante in questo può essere svolto dalla Società di Letteratura russa, da Voi guidata, Vostra Santità», - ha anche affermato V.A. Sadovnichij, sottolineando che a novembre presso l'Università statale di Mosca si prevede di tenere il secondo congresso della Società di Letteratura russa.

Quindi ha avuto luogo la discussione, durante la quale sono intervenuti il consigliere dell'Accademia russa delle Scienze, segretario accademico del Dipartimento di energia, ingegneria, meccanica e processi di controllo dell’Accademia russa delle Scienze, V.E. Fortov, e il chirurgo cardiovascolare del City Clinical Hospital n. 5 di Nizhny Novgorod, A.V. Nikolskij.

Sua Santità il Patriarca Kirill ha riassunto l’incontro con una dichiarazione conclusiva.

«Vorrei ringraziare di cuore tutti coloro che hanno parlato. Discorsi meravigliosi, ho memorizzato molto per me stesso. Consentitemi di riassumere tutto ciò di cui abbiamo parlato esclusivamente da un punto di vista religioso», -ha detto Sua Santità Vladyka.

«Cosa mi disturba davvero in tutta questa storia della civiltà digitale? Qual è l'ultimo pericolo di tutto questo? Il fatto che gli attuali mezzi di comunicazione e non solo i mezzi di comunicazione, ma in generale la civiltà digitale sia in grado di limitare il più possibile la libertà umana senza creare alcun disagio. Una persona potrebbe anche non notare che la sua libertà è limitata», - ha sottolineato il Primate, osservando che attraverso molti dispositivi degli utenti le informazioni sui loro dati possono essere raccolte a loro insaputa.

Secondo Sua Santità, il pericolo di restrizione della libertà in una civiltà digitale è notevolmente aumentato e i metodi per realizzare questa minaccia sono notevolmente semplificati, ad esempio nel caso dei mezzi elettronici di pagamento. «Dopo aver ricevuto una carta bancaria, perdi la completa libertà perché in qualsiasi momento la carta può essere bloccata, non perché non ci siano abbastanza soldi lì, ma perché qualcuno ha bisogno di chiudere la carta bancaria per motivi ideologici, politici o di altro tipo», - ha aggiunto Sua Santità Vladyka.

«Più facciamo affidamento su tutte queste tecnologie digitali, più mettiamo in pericolo soprattutto la nostra libertà. In realtà, questa è la base della protesta di molti credenti ortodossi contro l'introduzione di metodi elettronici, che ora vengono utilizzati nella raccolta di dati statistici, ecc. », - ha spiegato il Primate della Chiesa russa.

«La Chiesa è preoccupata per la persona, la sua vita e, forse, per una delle dimensioni più importanti della vita umana - la libertà umana, - ha detto Sua Santità il Patriarca. - Non dovremmo acquistare alcun giocattolo, compresi quelli digitali, in modo che a un certo punto non finiamo per essere schiavi di questa civiltà tecnologica, il cui centro di controllo non sarà il nostro Paese sovrano».

«Possa Dio benedire tutti noi nel lavoro per rafforzare la nostra identità nazionale. Lavoreremo per rafforzare la fede ortodossa», - ha concluso Sua Santità, ringraziando gli scienziati per l'opportunità di dialogo, cooperazione e interazione.

Como dono alla biblioteca della Casa degli Scienziati, Sua Santità il Patriarca Kirill ha presentato i suoi libri recentemente pubblicati «Pensare al futuro dell’umanità», «Sermoni per il 2017» e «Dialogo con la storia».

(Fonte: Servizio stampa del Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’; www.patriarhiya.ru)


<<Torna Indietro

Visita patriarcale nella metropolia di Nižnij Novgorod. Incontro con gli scienziati nucleari russi a Sarov. Foto: Sergej Vlasov.
Visita patriarcale nella metropolia di Nižnij Novgorod. Incontro con gli scienziati nucleari russi a Sarov. Foto: Sergej Vlasov.
Visita patriarcale nella metropolia di Nižnij Novgorod. Incontro con gli scienziati nucleari russi a Sarov. Foto: Sergej Vlasov.
Visita patriarcale nella metropolia di Nižnij Novgorod. Incontro con gli scienziati nucleari russi a Sarov. Foto: Sergej Vlasov.
Visita patriarcale nella metropolia di Nižnij Novgorod. Incontro con gli scienziati nucleari russi a Sarov. Foto: Sergej Vlasov.
Visita patriarcale nella metropolia di Nižnij Novgorod. Incontro con gli scienziati nucleari russi a Sarov. Foto: Sergej Vlasov.
Visita patriarcale nella metropolia di Nižnij Novgorod. Incontro con gli scienziati nucleari russi a Sarov. Foto: Sergej Vlasov.
Visita patriarcale nella metropolia di Nižnij Novgorod. Incontro con gli scienziati nucleari russi a Sarov. Foto: Sergej Vlasov.
Visita patriarcale nella metropolia di Nižnij Novgorod. Incontro con gli scienziati nucleari russi a Sarov. Foto: Sergej Vlasov.
Visita patriarcale nella metropolia di Nižnij Novgorod. Incontro con gli scienziati nucleari russi a Sarov. Foto: Sergej Vlasov.
Agosto '17


Costi abbonamento

Abb. annuale € 30,00
Abb. benemerito € 50,00



Da versare su c/c postale n° 91231985
IBAN IT 11 E 07601 15500 0000912385
intestato a Eleousa di Fernanda Santobuono