09/08/2019
Russia - Visita primaziale a Sarov


Sarov, 31 luglio 2019 - Alla vigilia della festa del ritrovamento delle reliquie di San Serafino, taumaturgo di Sarov, č iniziata la visita primaziale di Sua Santitŕ il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’ Kirill nella metropolia di Nižnij Novgorod.
Hanno accompagnato Sua Santitŕ Vladyka durante il viaggio: il direttore del Dipartimento amministrativo del Patriarcato di Mosca, metropolita Sava di Tver e Kashin, il capo del Segretariato amministrativo del Patriarcato di Mosca, vescovo Foma di Pavlovo-Posad, il presidente del Dipartimento sinodale per le relazioni della Chiesa con la societŕ e i media V.R. Legojda, il capo del Servizio di protocollo del Patriarca, arciprete Andrej Bondarenko, il capo del Servizio stampa del Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’, sacerdote Aleksandr Volkov.

La visita di Sua Santitŕ nella terra di Nižnij Novgorod č iniziata nella cittŕ di Sarov.





Alle porte sante del Monastero della Dormizione del deserto del Sarov, il Primate della Chiesa ortodossa russa ha incontrato: il rappresentante plenipotenziario del Presidente della Federazione Russa nel Distretto Federale del Volga I.A. Komarov, il governatore della regione di Nižnij Novgorod G.S. Nikitin, il metropolita Georgij di Nizhny Novgorod e Arzamas, i vescovi arrivati a Sarov per la commemorazione di San Serafino, il direttore del Centro nucleare federale russo dell'Istituto di ricerca scientifica panrussa di fisica sperimentale (Rfnc.Vniief) V.E. Kostjukov, il supervisore onorario dell’Rfnc-Vniief R.I. Ilkaev, il vicario del deserto di Sarov, igumeno Nikon (Ivashkov), i fratelli del monastero, il clero della metropolia di Nižnij Novgorod.

Sua Santitŕ il Patriarca Kirill ha eseguito il rito della grande consacrazione della Cattedrale della Dormizione del deserto di Sarov e ha celebrato la Divina Liturgia nella chiesa appena consacrata.

Hanno concelebrato con Sua Santitŕ: il metropolita Sava di Tver e Kashin; il metropolita Feofan di Kazan e Tatarstan; il metropolita Georgij di Nižnij Novgorod e Arzamas; il metropolita Venjamin di Orenburg e Saraktash; il metropolita Longin di Saratov e Vol’sk; il metropolita Kirill di Stavropol e Nevinnomyssk, presidente del Comitato sinodale per l'interazione con i cosacchi; il metropolita Zinovij di Saransk e Mordovia; l’arcivescovo Dimitrij di Vitebsk e Orsha; l’arcivescovo Feognost di Kashira, presidente del Dipartimento sinodale per i monasteri e la vita monastica; il vescovo Filaret di Dal'nee Konstantinovo; il vescovo Varnava di Vyksa e Pavlovsk; il vescovo Vasilij di Kotlas e Vel’sk; il vescovo Siluan di Lyskovo e Lukojanov; il vescovo Foma di Pavlovo-Posad; l’igumeno Nikon (Ivashkov), vicario del deserto del Sarov; l’arciprete Sergej Matveev, segretario dell'amministrazione diocesana di Nižnij Novgorod; l’archimandrita Aleksandr (Lukin), vicario del Monastero dell'Annunciazione a Nizhny Novgorod; l’archimandrita Tikhon (Zatekin), vicario del Monastero dell'Ascensione delle Grotte di Nizhny Novgorod; il sacerdote Aleksandr Volkov, capo del Servizio stampa del Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’; i fratelli del monastero di Sarov consacrati al sacerdozio, il clero della metropolia di Nižnij Novgorod.

Erano presenti al servizio divino: il rappresentante plenipotenziario del Presidente della Federazione Russa nel Distretto Federale del Volga I.A. Komarov; il governatore della regione di Nižnij Novgorod G.S. Nikitin; il governatore ad interim della regione di Orenburg D.V. Pasler; il capo dell'amministrazione di Sarov A.V. Golubev; il capo della cittŕ e presidente del consiglio comunale della cittŕ di Sarov A.M. Tikhonov; il direttore di Rfnc-Vniief V.E. Kostjukov; il supervisore onorario di Rfnc-Vniief R.I. Ilkaev; il direttore esecutivo del fondo di beneficenza di San Serafino di Sarov S.V. Gabestro; i dipendenti di Rfnc-Vniief.

Tra i fedeli c’erano il presidente del Dipartimento sinodale per le relazioni della Chiesa con la societŕ e i media V.R. Legojda, il vicepresidente del Dipartimento sinodale per i monasteri e la vita monastica, badessa del Monastero stavropegico della Concezione di Mosca, igumena Julianija (Kaleda) e le badesse di numerosi monasteri, i membri dell'organizzazione pubblica «Centro spirituale e scientifico di Sarov», filantropi e costruttori della chiesa rinata.

I canti liturgici sono stati eseguiti dal coro del vescovo della metropolia di Nizhny Novgorod (diretto dal protodiacono Antonij Molev).

Il servizio patriarcale č stato trasmesso in diretta dalla compagnia televisiva statale regionale Nntv di Nizhny Novgorod e dal canale televisivo ortodosso «Unione». La Liturgia č stata anche trasmessa in diretta sul sito web ufficiale della metropolia di Nizhny Novgorod e sul sito web dell'agenzia di stampa del governo della regione di Nizhny Novgorod «Vremja N». Alcuni fedeli hanno seguito la trasmissione su un grande schermo installato sulla piazza del deserto di Sarov.

Durante la litania della «supplica intensa» sono state elevate petizioni sull'unitŕ della Chiesa ortodossa e sulla preservazione della Chiesa da divisioni e scismi.

Al termine della litania, Sua Santitŕ il Patriarca Kirill ha pregato per la pace in Ucraina.

La predicazione prima della comunione ai Santi Misteri č stata tenuta dall'arciprete Sergej Shalatonov, rettore della chiesa cattedrale della Trinitŕ Vivificante di Nizhny Novgorod.





Alla fine del servizio, il metropolita Georgij di Nižnij Novgorod e Arzamas ha salutato Sua Santitŕ Vladyka e ha presentato in dono a Sua Santitŕ la croce d'altare del deserto della Dormizione di Sarov. La croce fu realizzata dall'argentiere di Mosca Fedor Nikiforov nel primo terzo del XVIII secolo. Contiene 73 particelle di reliquie e altri santuari. Nel 1730, il sacerdote Petr Grigoryev, chierico della Chiesa della Resurrezione in Barashi di Mosca, donň questa croce al monastero come contributo all'eterna commemorazione di suo padre, il sacerdote Georgij, che ricevette la tonsura nel monastero di Sarov nel 1727 e morě due anni dopo. Questa croce č menzionata nelle descrizioni del monastero di Sarov del XIX - inizio XX secolo nella sezione «Croci d'altare». Nel 1927, il monastero di Sarov fu eliminato per decisione della Commissione antireligiosa del Politburo del Comitato centrale del Pcus. Attualmente, la croce č stata acquistata da una collezione privata straniera e donata al monastero.

Inoltre, il metropolita Georgij, a nome del clero e dei fedeli della terra di Nižnij Novgorod, ha presentato in dono a Sua Santitŕ l'icona dell'Apparizione della Madre di Dio a San Serafino di Sarov.

Il Primate della Chiesa russa si č rivolto ai fedeli con la parola primaziale.

Sua Santitŕ il Patriarca Kirill ha ringraziato il metropolita Georgij per le sue fatiche e ha donato alla chiesa una copia esatta dell'icona Tikhvin della Madre di Dio.

«Lasciate che questa meravigliosa immagine non solo vi ricordi oggi, ma anche la grande connessione dei tempi, la grande connessione dei luoghi santi della terra russa, quel potere spirituale che, per grazia di Dio, č inesauribile e che possiede il nostro popolo adoratore di Dio, un popolo che ha impresso la fede in Cristo con la forza del suo spirito confessionale. Sotto la protezione della Santissima Regina dei cieli, possa la vita di questo santo monastero e dei pellegrini che visiteranno sicuramente questo monastero prolungarsi e realizzarsi», - ha detto Sua Santitŕ Vladyka.

Quindi Sua Santitŕ il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’ Kirill ha consegnato i premi della Chiesa. In considerazione dell'aiuto al Monastero della Dormizione del deserto di Sarov, sono stati premiati:

- il rappresentante plenipotenziario del Presidente della Federazione Russa nel Distretto Federale del Volga I.A. Komarov – l’Ordine di San Serafino di Sarov, III grado;

- il governatore e presidente del governo della regione di Nižnij Novgorod G.S. Nikitin – l’Ordine di San Serafino di Sarov, III grado;

- il presidente del consiglio di amministrazione della societŕ «T Plus», governatore ad interim della regione di Orenburg, D.V. Pasler - l'Ordine di San Serafino di Sarov, III grado;

- il direttore del Centro nucleare federale russo dell'Istituto di ricerca panrusso di fisica sperimentale (Rfnc-Vniief) V.E. Kostjukov – l’Ordine di San Sergio di Radonež, III grado;

- il vice ministro delle Finanze della Federazione Russa A.Ju. Ivanov – l’Ordine del Santo Principe Daniele di Mosca, III grado;

- il vice rappresentante plenipotenziario del Presidente della Federazione Russa nel Distretto Federale del Volga I.V. Panshin – l’Ordine di San Serafino di Sarov, III grado;

- il capo del laboratorio di pittura di icone «Arca» della diocesi di Nižnij Novgorod A.V. Antsiferov – l’Ordine di Sant'Andrea Iconografo, III grado;

- il direttore della societŕ «Daniilov grad» A.P. Tretyakov – la medaglia patriarcale di costruttore del tempio.

Ai fedeli sono state consegnate piccole icone della Dormizione della Madre di Dio con la benedizione patriarcale.

__________

Nel 1730 iniziò la costruzione della prima chiesa in pietra a Sarov. Il 25 agosto 1744 fu consacrata in onore della Dormizione della Madre di Dio dal vescovo Dimitrij (Sechenov) di Nižnij Novgorod e Alatyr. Il 27 agosto nella chiesa fu consacrata una cappella in onore dei monaci Antonio e Teodosio delle Grotte di Kiev.

Inizialmente, la Chiesa della Dormizione a una sola cupola, costruita a spese del commerciante di Mosca Demidov e quindi comunemente chiamata Demidovskaya, era di dimensioni piuttosto modeste - la lunghezza dell'edificio non era più di 15 metri.

Nel 1777, su progetto del novizio del deserto di Sarov, l'architetto Ivan Fedorov, la Cattedrale della Dormizione fu costruita in grandi dimensioni: 55,7 x 27,2 metri, l'altezza in cima alla croce era di 60 metri. Particolarmente insolito nella Cattedrale della Dormizione era che la vecchia chiesa della Dormizione di Demidov non fu distrutta; un grande nuovo tempio era, per così dire, attaccato ad esso dal lato occidentale, e la vecchia chiesa divenne il suo altare. E nell'altare della vecchia chiesa fu realizzata una sagrestia. Una soluzione così originale ha permesso di salvare la sua prima chiesa in pietra a Sarov, respirando contemporaneamente nuova vita.

Una caratteristica distintiva dell'interno del tempio era un'iconostasi dorata scolpita a cinque livelli con icone di scrittura bizantina, la cui altezza al centro era di 19 metri e 27 lungo i bordi. Secondo la tradizione, l'architetto Rastrelli fece il disegno di questa iconostasi.

All'inizio del 1777, tutti i lavori nella nuova chiesa furono completati, ma la sua consacrazione fu eseguita solo il 15 agosto 1778.

La Cattedrale della Dormizione era estiva, cioè non riscaldata. Nella stagione fredda, prima di Pasqua, le funzioni si tenevano nella Chiesa dell'icona della Madre di Dio «Sorgente di vita» («cattedrale invernale»). Dopo che le reliquie di San Serafino furono collocate nella Cattedrale della Dormizione, sorse la questione di installare il riscaldamento nella chiesa in modo che i pellegrini, il cui numero aumentò più volte dopo il 1903, potessero frequentare la cattedrale tutto l'anno.

Nel settembre 1903 furono sistemate 4 stufe piastrellate all'interno della cattedrale e il riscaldamento iniziò il 1 ottobre. Tuttavia, questo metodo di riscaldamento è stato presto riconosciuto come non riuscito. La pittura murale cominciò a deteriorarsi e fu deciso di sostituire il riscaldamento della stufa con il vapore. I lavori iniziarono nel 1904. Fu installata una caldaia tra la casa del vescovo e la trapeza, da cui il vapore veniva fornito alla cattedrale attraverso tubi posati sottoterra. Il riscaldamento è stato effettuato entro marzo 1905. Il lavoro è stato svolto dall'ufficio tecnico della casa del commercio di Mosca «V. Zalessky e V. Chaplin». Quindi il pavimento in ghisa nella cattedrale fu sostituito da piastrelle di ceramica.

Dopo la chiusura del monastero nel 1925, la cattedrale iniziò a decadere. Nel 1951, fu fatta saltare in aria. La ragione formale era che l'edificio sarebbe potuta crollare a causa di shock sismici dovuti a esplosioni nei siti di produzione del centro nucleare.

Nella primavera del 2016 è iniziato il restauro della Cattedrale della Dormizione.

Il 1 agosto 2016, Sua Santità il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’ Kirill ha celebrato il rito di benedizione della prima pietra nella fondazione della Cattedrale della Dormizione.

(Fonte: Servizio stampa del Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’; www.patriarhiya.ru)


<<Torna Indietro

Visita patriarcale nella metropolia di Nižnij Novgorod. Consacrazione della Cattedrale della Dormizione del deserto di Sarov. Foto: Oleg Varov
Visita patriarcale nella metropolia di Nižnij Novgorod. Consacrazione della Cattedrale della Dormizione del deserto di Sarov. Foto: Oleg Varov
Visita patriarcale nella metropolia di Nižnij Novgorod. Consacrazione della Cattedrale della Dormizione del deserto di Sarov. Foto: Oleg Varov
Visita patriarcale nella metropolia di Nižnij Novgorod. Consacrazione della Cattedrale della Dormizione del deserto di Sarov. Foto: Oleg Varov
Visita patriarcale nella metropolia di Nižnij Novgorod. Consacrazione della Cattedrale della Dormizione del deserto di Sarov. Foto: Oleg Varov
Visita patriarcale nella metropolia di Nižnij Novgorod. Consacrazione della Cattedrale della Dormizione del deserto di Sarov. Foto: Oleg Varov
Visita patriarcale nella metropolia di Nižnij Novgorod. Consacrazione della Cattedrale della Dormizione del deserto di Sarov. Foto: Oleg Varov
Visita patriarcale nella metropolia di Nižnij Novgorod. Consacrazione della Cattedrale della Dormizione del deserto di Sarov. Foto: Oleg Varov
Visita patriarcale nella metropolia di Nižnij Novgorod. Consacrazione della Cattedrale della Dormizione del deserto di Sarov. Foto: Oleg Varov
Visita patriarcale nella metropolia di Nižnij Novgorod. Consacrazione della Cattedrale della Dormizione del deserto di Sarov. Foto: Oleg Varov
Visita patriarcale nella metropolia di Nižnij Novgorod. Consacrazione della Cattedrale della Dormizione del deserto di Sarov. Foto: Oleg Varov
Visita patriarcale nella metropolia di Nižnij Novgorod. Consacrazione della Cattedrale della Dormizione del deserto di Sarov. Foto: Oleg Varov
Visita patriarcale nella metropolia di Nižnij Novgorod. Consacrazione della Cattedrale della Dormizione del deserto di Sarov. Foto: Oleg Varov
Visita patriarcale nella metropolia di Nižnij Novgorod. Consacrazione della Cattedrale della Dormizione del deserto di Sarov. Foto: Oleg Varov
Visita patriarcale nella metropolia di Nižnij Novgorod. Consacrazione della Cattedrale della Dormizione del deserto di Sarov. Foto: Oleg Varov
Visita patriarcale nella metropolia di Nižnij Novgorod. Consacrazione della Cattedrale della Dormizione del deserto di Sarov. Foto: Oleg Varov
Visita patriarcale nella metropolia di Nižnij Novgorod. Consacrazione della Cattedrale della Dormizione del deserto di Sarov. Foto: Oleg Varov
Visita patriarcale nella metropolia di Nižnij Novgorod. Consacrazione della Cattedrale della Dormizione del deserto di Sarov. Foto: Oleg Varov
Visita patriarcale nella metropolia di Nižnij Novgorod. Consacrazione della Cattedrale della Dormizione del deserto di Sarov. Foto: Oleg Varov
Visita patriarcale nella metropolia di Nižnij Novgorod. Consacrazione della Cattedrale della Dormizione del deserto di Sarov. Foto: Oleg Varov
Visita patriarcale nella metropolia di Nižnij Novgorod. Consacrazione della Cattedrale della Dormizione del deserto di Sarov. Foto: Oleg Varov
Visita patriarcale nella metropolia di Nižnij Novgorod. Consacrazione della Cattedrale della Dormizione del deserto di Sarov. Foto: Oleg Varov
Visita patriarcale nella metropolia di Nižnij Novgorod. Consacrazione della Cattedrale della Dormizione del deserto di Sarov. Foto: Oleg Varov
Visita patriarcale nella metropolia di Nižnij Novgorod. Consacrazione della Cattedrale della Dormizione del deserto di Sarov. Foto: Oleg Varov
Visita patriarcale nella metropolia di Nižnij Novgorod. Consacrazione della Cattedrale della Dormizione del deserto di Sarov. Foto: Oleg Varov
Visita patriarcale nella metropolia di Nižnij Novgorod. Consacrazione della Cattedrale della Dormizione del deserto di Sarov. Foto: Oleg Varov
Visita patriarcale nella metropolia di Nižnij Novgorod. Consacrazione della Cattedrale della Dormizione del deserto di Sarov. Foto: Oleg Varov
Visita patriarcale nella metropolia di Nižnij Novgorod. Consacrazione della Cattedrale della Dormizione del deserto di Sarov. Foto: Oleg Varov
Visita patriarcale nella metropolia di Nižnij Novgorod. Consacrazione della Cattedrale della Dormizione del deserto di Sarov. Foto: Oleg Varov
Visita patriarcale nella metropolia di Nižnij Novgorod. Consacrazione della Cattedrale della Dormizione del deserto di Sarov. Foto: Oleg Varov
Visita patriarcale nella metropolia di Nižnij Novgorod. Consacrazione della Cattedrale della Dormizione del deserto di Sarov. Foto: Oleg Varov
Visita patriarcale nella metropolia di Nižnij Novgorod. Consacrazione della Cattedrale della Dormizione del deserto di Sarov. Foto: Oleg Varov
Visita patriarcale nella metropolia di Nižnij Novgorod. Consacrazione della Cattedrale della Dormizione del deserto di Sarov. Foto: Oleg Varov
Visita patriarcale nella metropolia di Nižnij Novgorod. Consacrazione della Cattedrale della Dormizione del deserto di Sarov. Foto: Oleg Varov
Visita patriarcale nella metropolia di Nižnij Novgorod. Consacrazione della Cattedrale della Dormizione del deserto di Sarov. Foto: Oleg Varov
Visita patriarcale nella metropolia di Nižnij Novgorod. Consacrazione della Cattedrale della Dormizione del deserto di Sarov. Foto: Oleg Varov
Visita patriarcale nella metropolia di Nižnij Novgorod. Consacrazione della Cattedrale della Dormizione del deserto di Sarov. Foto: Oleg Varov
Visita patriarcale nella metropolia di Nižnij Novgorod. Consacrazione della Cattedrale della Dormizione del deserto di Sarov. Foto: Oleg Varov
Visita patriarcale nella metropolia di Nižnij Novgorod. Consacrazione della Cattedrale della Dormizione del deserto di Sarov. Foto: Oleg Varov
Visita patriarcale nella metropolia di Nižnij Novgorod. Consacrazione della Cattedrale della Dormizione del deserto di Sarov. Foto: Oleg Varov
Visita patriarcale nella metropolia di Nižnij Novgorod. Consacrazione della Cattedrale della Dormizione del deserto di Sarov. Foto: Oleg Varov
Visita patriarcale nella metropolia di Nižnij Novgorod. Consacrazione della Cattedrale della Dormizione del deserto di Sarov. Foto: Oleg Varov
Visita patriarcale nella metropolia di Nižnij Novgorod. Consacrazione della Cattedrale della Dormizione del deserto di Sarov. Foto: Oleg Varov
Visita patriarcale nella metropolia di Nižnij Novgorod. Consacrazione della Cattedrale della Dormizione del deserto di Sarov. Foto: Oleg Varov
Visita patriarcale nella metropolia di Nižnij Novgorod. Consacrazione della Cattedrale della Dormizione del deserto di Sarov. Foto: Oleg Varov
Visita patriarcale nella metropolia di Nižnij Novgorod. Consacrazione della Cattedrale della Dormizione del deserto di Sarov. Foto: Oleg Varov
Visita patriarcale nella metropolia di Nižnij Novgorod. Consacrazione della Cattedrale della Dormizione del deserto di Sarov. Foto: Oleg Varov
Visita patriarcale nella metropolia di Nižnij Novgorod. Consacrazione della Cattedrale della Dormizione del deserto di Sarov. Foto: Oleg Varov
Visita patriarcale nella metropolia di Nižnij Novgorod. Consacrazione della Cattedrale della Dormizione del deserto di Sarov. Foto: Oleg Varov
Visita patriarcale nella metropolia di Nižnij Novgorod. Consacrazione della Cattedrale della Dormizione del deserto di Sarov. Foto: Oleg Varov
Visita patriarcale nella metropolia di Nižnij Novgorod. Consacrazione della Cattedrale della Dormizione del deserto di Sarov. Foto: Oleg Varov
Visita patriarcale nella metropolia di Nižnij Novgorod. Consacrazione della Cattedrale della Dormizione del deserto di Sarov. Foto: Oleg Varov
Visita patriarcale nella metropolia di Nižnij Novgorod. Consacrazione della Cattedrale della Dormizione del deserto di Sarov. Foto: Oleg Varov
Visita patriarcale nella metropolia di Nižnij Novgorod. Consacrazione della Cattedrale della Dormizione del deserto di Sarov. Foto: Oleg Varov
Visita patriarcale nella metropolia di Nižnij Novgorod. Consacrazione della Cattedrale della Dormizione del deserto di Sarov. Foto: Oleg Varov
Visita patriarcale nella metropolia di Nižnij Novgorod. Consacrazione della Cattedrale della Dormizione del deserto di Sarov. Foto: Oleg Varov
Agosto '17


Costi abbonamento

Abb. annuale € 30,00
Abb. benemerito € 50,00



Da versare su c/c postale n° 91231985
IBAN IT 11 E 07601 15500 0000912385
intestato a Eleousa di Fernanda Santobuono