13/04/2019
Russia - Conseguenze per la Nato nel Mar Nero


Mosca, 13 aprile 2019 – L'aumento dell’attività della Nato nel Mar Nero mina la stabilità regionale, Mosca risponderà «di conseguenza», ha detto ai giornalisti il vice ministro degli Esteri russo Aleksandr Grushko.
«Sicuramente è negativa l'attività nella regione del Mar Nero, non aggiunge sicurezza, mina la stabilità regionale. Noi, ovviamente, prenderemo tutte le misure necessarie per neutralizzare le minacce maggiori dell’attività della Nato in questa regione, seguiamo con attenzione lo sviluppo della pianificazione dell'alleanza per rafforzare la presenza in questa regione, risponderemo in modo appropriato» ha detto Grushko a margine della riunione del Consiglio per la politica estera e la difesa.
Ha aggiunto che «è nostra profonda convinzione che la sicurezza in questa regione debba essere assicurata principalmente attraverso la cooperazione dei Paesi del Mar Nero».
«Tutti gli ingredienti necessari per questo ci sono: c’è l’organizzazione della Cooperazione economica del Mar Nero nel settore militare, è un documento sulle misure di fiducia che riguarda il Mar Nero. Speriamo che riprenderà l'attività di raggruppamento del Black Sea Four (gruppo di interazione operativa navale), che è stato creato per l’interazione delle flotte degli Stati del Mar Nero», ha aggiunto.

(Fonte: it.sputniknews.com)


<<Torna Indietro

Aleksandr Grushko. © Sputnik. Sergej Subbotin.
Agosto '17


Costi abbonamento

Abb. annuale € 30,00
Abb. benemerito € 50,00



Da versare su c/c postale n° 91231985
IBAN IT 11 E 07601 15500 0000912385
intestato a Eleousa di Fernanda Santobuono