14/07/2018
Russia - Visita alla Chiesa sul Sangue


Ekaterinburg, 13 luglio 2018 - Sua Santità il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’ Kirill, che è arrivato in visita primaziale nella metropolia di Ekaterinburg, ha visitato la Chiesa memoriale sul Sangue in onore di Tutti i Santi che hanno illuminato la terra russa a Ekaterinburg.
Nel tempio è stata portata l’arca con una particella delle reliquie della granduchessa Elisabetta dal Monastero stavropigiale di Marta e Maria di Mosca. L'arca è stata installata nel centro del tempio, dinanzi alla quale Sua Santità Vladyka ha glorificato la santa martire Elisabetta.

Nella chiesa erano presenti: il direttore del Dipartimento amministrativo del Patriarcato di Mosca, metropolita Varsonofij di San Pietroburgo e Ladoga; il metropolita Vikentij di Tashkent e Uzbekistan; il metropolita Kirill di Ekaterinburg e Verkhoturye; il capo della Segreteria amministrativa del Patriarcato di Mosca, arcivescovo Sergij di Solnechnogorsk; il vescovo Mefodij di Kamensk e Alapaevsk; il vescovo Evgenij di Nizhny Tagil e Nev’jansk; il vescovo Aleksej di Serov e Krasnoturinsk; la priora del Monastero stavropigiale di Marta e Maria della Casa della Misericordia di Mosca, igumena Elizaveta (Pozdnyakov); il clero della metropolia di Ekaterinburg; numerosi abitanti della città e pellegrini arrivati a Ekaterinburg per il festival internazionale «I giorni reali».

Nel tempio c’erano anche: il rappresentante plenipotenziario del Presidente nel Distretto federale degli Urali N.N. Tsukanov; il governatore della regione di Sverdlovsk E.V. Kujvashev; il direttore esecutivo e rappresentante ufficiale dell'Associazione dei membri della famiglia Romanov in Russia, pronipote dell'imperatore Alessandro III P.E. Kulikovskij-Romanov.

Il metropolita Kirill di Ekaterinburg ha dato il benvenuto a Sua Santità Vladyka e ha presentato in dono a Sua Santità l'immagine dei santi portatori della Passione Reale, realizzata in pietra e metallo.







Il Primate della Chiesa ortodossa russa si è rivolto ai presenti con la parola primaziale:«Con particolare sentimento di riverenza ho varcato la soglia di questo tempio e mi sono immerso nei ricordi di quando piacque al Signore farmi consacrare questo luogo per servire qui la Divina Eucaristia. Ma a parte questo giorno memorabile per me, ogni visita a Ekaterinburg è associata ai pensieri sull'eroismo dei martiri reali. C'è stato un tempo in cui il tema del martirio dell'imperatore Nicola II e della sua famiglia era vietato. Ricordo bene come negli anni '70 uscì il libro «23 gradini in giù». Come hanno fatto le persone a finire l'intera tiratura! Come sono state lette le copie di questo libro! Lo storico sovietico, sebbene in un'interpretazione soggettiva, trasmetteva la tragica storia di questo luogo. E oggi possiamo dire con gioia che la maggioranza assoluta delle persone ha familiarità con l'interpretazione di questo evento, che corrisponde alla realtà, e quindi la venerazione dei santi martiri reali ha così rapidamente messo radici nel nostro popolo credente. Oggi nessuno dubita del fatto che qui davvero tutta la famiglia reale si sia sottoposta al martirio.

Nell'anno in cui celebriamo il 150° anniversario della nascita dell'imperatore Nicola II e nell'anno della memoria della tragica morte dell'imperatore insieme a tutta la famiglia, dovremmo offrire preghiere speciali ai martiri reali, in modo che di fronte a Dio intercedano per la nostra Patria, per il nostro popolo, che mai e in nessun caso i disordini civili, le contraddizioni, gli scontri distruggeranno la nostra Patria, come fu distrutta nella terribile epoca rivoluzionaria del XX secolo.
Con le loro preghiere il Signore custodisca la terra russa, Dio benedica questa città e tutti voi, miei cari fratelli e sorelle, riuniti qui oggi per incontrare le reliquie della santa martire Elisabetta Feodorovna, che anche vicino a Ekaterinburg ha concluso il suo percorso di vita con il martirio».

In considerazione dell’aiuto alla diocesi di Ekaterinburg e in connessione con il 100° anniversario dell’impresa dei santi portatori della Passione Reale Sua Santità il Patriarca Kirill ha conferito al direttore generale della società «Fabbrica di macchine utensili intitolata a M.I. Kalinin» di Ekaterinburg, N.V. Klejn, l’Ordine di San Serafino di Sarov, III grado, al direttore della compagnia «Uralavtomatika-engineering», G.Ju. Cherepanov, l’Ordine di San Serafino di Sarov, III grado, al presidente del consiglio di amministrazione del gruppo di società «Sima-Land», A.M. Simanovskij, la medaglia patriarcale di costruttore del tempio.

Ai credenti sono state consegnate piccole icone della santa martire Elisaveta Feodorovna con la benedizione del Patriarca.

Poi Sua Santità il Patriarca Kirill è sceso nella chiesa inferiore, consacrata in onore dei Nuovi Martiri e Confessori della Chiesa Russa. Nella cappella reale in onore dei santi portatori della Passione Reale il Primate ha eseguito la glorificazione e ha letto una preghiera ai santi portatori della Passione Reale.

Nella chiesa inferiore c'è stato un incontro di Sua Santità il Patriarca con la famiglia Beljakov della città di Kemerovo. Ha ringraziato Sua Santità Vladyka a nome dei residenti della città per il suo sostegno e le sue preghiere in relazione alla terribile tragedia nel centro commerciale «Winter Cherry», a seguito della quale decine di persone sono state uccise e ferite: «Molte grazie dalla città di Kemerovo, dalle persone che hanno sofferto tanto dolore. Ci avete supportato con il Vostro cuore gentile e siete venuto da noi. Siamo lieti di avere un pastore così gentile e premuroso».

In risposta, Sua Santità il Patriarca Kirill, invocando la benedizione di Dio sulle vittime, sui loro parenti, i propri cari e tutti i residenti di Kemerovo, ha chiesto di conservare la fede ortodossa.

_______________


Per i giorni dedicati alla famiglia imperiale del 2018 nella Chiesa sul Sangue è stata completata l'opera di decorazione della «Stanza imperiale» - con la benedizione del metropolita Kirill di Ekaterinburg e Verkhotury è stato decorato l'altare della cappella in onore dei santi portatori della Passione Reale, eretto sul luogo dell'omicidio della famiglia reale.

I santi martiri reali - l’imperatore Nicola Alexandrovich, l’imperatrice Alexandra Fedorovna, lo zarevich Alessio, le granduchesse Olga, Tatiana, Maria, Anastasia furono martirizzati 100 anni fa, nella notte tra il 16 il 17 luglio 1918 nel seminterrato della casa Ipatiev. Nei primi anni 2000 in questa cantina fu costruito un tempio.

Nella parte orientale del tempio vi è una rappresentazione a mosaico dei santi portatori della Passione Reale e dei fedeli sudditi: san Evgeny Botkin, così come la servitù dello zar Aloisia Yegorovich Trupp, la cuoca Ivan Kharitonov e la cameriera Anna Demidova. Sopra di loro c'è l'icona della Madre di Dio di San Teodoro.

Nella volta occidentale sono raffigurati l’icona della Madre di Dio «Sovrana», che fu scoperta lo stesso giorno in cui l'Imperatore fu costretto a lasciare il trono, e i santi glorificati durante il regno dell'imperatore Nicola Aleksandrovic: San Teodosio di Chernigov, San Serafino di Sarov, la santa principessa Anna di Kashin, i santi Joasaf di Belgorod, Ermogene di Mosca, Pitirim di Tambov e Ioann di Tobolsk.

La creazione dei dipinti e dei mosaici è durata quasi un anno. Particolare complessità ha richiesto il lavoro a mosaico, poiché l'iconografia di tutti i membri della famiglia reale e dei loro fedeli sudditi è stata completamente rielaborata.
A destra del trono, in un reliquiario speciale ci sono i frammenti della casa Ipatiev: mattoni e balaustre.

Le pareti e il pavimento intorno all'altare sono rivestiti di onice rosso, il che è molto simbolico, perché il colore rosso da un lato simboleggia il sangue del martirio versato dalla famiglia imperiale e dai suoi sudditi, e dall'altro il colore della porpora reale e del porfido, sottolineando il carattere della prodezza dei portatori della Passione Reale, che sia nella regale maestà che nell'umiliazione mostravano rara pietà e straordinarie vette spirituali.

(Fonte: Servizio stampa del Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’; www.patriarhiya.ru)



<<Torna Indietro

 Visita patriarcale nella metropolia di Ekaterinburg. Visita alla Chiesa-memoriale sul Sangue in onore di Tutti i Santi che hanno illuminato la terra russa. Foto di Oleg Varov.
 Visita patriarcale nella metropolia di Ekaterinburg. Visita alla Chiesa-memoriale sul Sangue in onore di Tutti i Santi che hanno illuminato la terra russa. Foto di Oleg Varov.
 Visita patriarcale nella metropolia di Ekaterinburg. Visita alla Chiesa-memoriale sul Sangue in onore di Tutti i Santi che hanno illuminato la terra russa. Foto di Oleg Varov.
 Visita patriarcale nella metropolia di Ekaterinburg. Visita alla Chiesa-memoriale sul Sangue in onore di Tutti i Santi che hanno illuminato la terra russa. Foto di Oleg Varov.
 Visita patriarcale nella metropolia di Ekaterinburg. Visita alla Chiesa-memoriale sul Sangue in onore di Tutti i Santi che hanno illuminato la terra russa. Foto di Oleg Varov.
 Visita patriarcale nella metropolia di Ekaterinburg. Visita alla Chiesa-memoriale sul Sangue in onore di Tutti i Santi che hanno illuminato la terra russa. Foto di Oleg Varov.
 Visita patriarcale nella metropolia di Ekaterinburg. Visita alla Chiesa-memoriale sul Sangue in onore di Tutti i Santi che hanno illuminato la terra russa. Foto di Oleg Varov.
 Visita patriarcale nella metropolia di Ekaterinburg. Visita alla Chiesa-memoriale sul Sangue in onore di Tutti i Santi che hanno illuminato la terra russa. Foto di Oleg Varov.
 Visita patriarcale nella metropolia di Ekaterinburg. Visita alla Chiesa-memoriale sul Sangue in onore di Tutti i Santi che hanno illuminato la terra russa. Foto di Oleg Varov.
 Visita patriarcale nella metropolia di Ekaterinburg. Visita alla Chiesa-memoriale sul Sangue in onore di Tutti i Santi che hanno illuminato la terra russa. Foto di Oleg Varov.
 Visita patriarcale nella metropolia di Ekaterinburg. Visita alla Chiesa-memoriale sul Sangue in onore di Tutti i Santi che hanno illuminato la terra russa. Foto di Oleg Varov.
 Visita patriarcale nella metropolia di Ekaterinburg. Visita alla Chiesa-memoriale sul Sangue in onore di Tutti i Santi che hanno illuminato la terra russa. Foto di Oleg Varov.
 Visita patriarcale nella metropolia di Ekaterinburg. Visita alla Chiesa-memoriale sul Sangue in onore di Tutti i Santi che hanno illuminato la terra russa. Foto di Oleg Varov.
 Visita patriarcale nella metropolia di Ekaterinburg. Visita alla Chiesa-memoriale sul Sangue in onore di Tutti i Santi che hanno illuminato la terra russa. Foto di Oleg Varov.
 Visita patriarcale nella metropolia di Ekaterinburg. Visita alla Chiesa-memoriale sul Sangue in onore di Tutti i Santi che hanno illuminato la terra russa. Foto di Oleg Varov.
 Visita patriarcale nella metropolia di Ekaterinburg. Visita alla Chiesa-memoriale sul Sangue in onore di Tutti i Santi che hanno illuminato la terra russa. Foto di Oleg Varov.
 Visita patriarcale nella metropolia di Ekaterinburg. Visita alla Chiesa-memoriale sul Sangue in onore di Tutti i Santi che hanno illuminato la terra russa. Foto di Oleg Varov.
 Visita patriarcale nella metropolia di Ekaterinburg. Visita alla Chiesa-memoriale sul Sangue in onore di Tutti i Santi che hanno illuminato la terra russa. Foto di Oleg Varov.
 Visita patriarcale nella metropolia di Ekaterinburg. Visita alla Chiesa-memoriale sul Sangue in onore di Tutti i Santi che hanno illuminato la terra russa. Foto di Oleg Varov.
 Visita patriarcale nella metropolia di Ekaterinburg. Visita alla Chiesa-memoriale sul Sangue in onore di Tutti i Santi che hanno illuminato la terra russa. Foto di Oleg Varov.
 Visita patriarcale nella metropolia di Ekaterinburg. Visita alla Chiesa-memoriale sul Sangue in onore di Tutti i Santi che hanno illuminato la terra russa. Foto di Oleg Varov.
 Visita patriarcale nella metropolia di Ekaterinburg. Visita alla Chiesa-memoriale sul Sangue in onore di Tutti i Santi che hanno illuminato la terra russa. Foto di Oleg Varov.
 Visita patriarcale nella metropolia di Ekaterinburg. Visita alla Chiesa-memoriale sul Sangue in onore di Tutti i Santi che hanno illuminato la terra russa. Foto di Oleg Varov.
 Visita patriarcale nella metropolia di Ekaterinburg. Visita alla Chiesa-memoriale sul Sangue in onore di Tutti i Santi che hanno illuminato la terra russa. Foto di Oleg Varov.
 Visita patriarcale nella metropolia di Ekaterinburg. Visita alla Chiesa-memoriale sul Sangue in onore di Tutti i Santi che hanno illuminato la terra russa. Foto di Oleg Varov.
 Visita patriarcale nella metropolia di Ekaterinburg. Visita alla Chiesa-memoriale sul Sangue in onore di Tutti i Santi che hanno illuminato la terra russa. Foto di Oleg Varov.
 Visita patriarcale nella metropolia di Ekaterinburg. Visita alla Chiesa-memoriale sul Sangue in onore di Tutti i Santi che hanno illuminato la terra russa. Foto di Oleg Varov.
 Visita patriarcale nella metropolia di Ekaterinburg. Visita alla Chiesa-memoriale sul Sangue in onore di Tutti i Santi che hanno illuminato la terra russa. Foto di Oleg Varov.
 Visita patriarcale nella metropolia di Ekaterinburg. Visita alla Chiesa-memoriale sul Sangue in onore di Tutti i Santi che hanno illuminato la terra russa. Foto di Oleg Varov.
 Visita patriarcale nella metropolia di Ekaterinburg. Visita alla Chiesa-memoriale sul Sangue in onore di Tutti i Santi che hanno illuminato la terra russa. Foto di Oleg Varov.
 Visita patriarcale nella metropolia di Ekaterinburg. Visita alla Chiesa-memoriale sul Sangue in onore di Tutti i Santi che hanno illuminato la terra russa. Foto di Oleg Varov.
 Visita patriarcale nella metropolia di Ekaterinburg. Visita alla Chiesa-memoriale sul Sangue in onore di Tutti i Santi che hanno illuminato la terra russa. Foto di Oleg Varov.
 Visita patriarcale nella metropolia di Ekaterinburg. Visita alla Chiesa-memoriale sul Sangue in onore di Tutti i Santi che hanno illuminato la terra russa. Foto di Oleg Varov.
Agosto '17


Costi abbonamento

Abb. annuale € 30,00
Abb. benemerito € 50,00



Da versare su c/c postale n° 91231985
IBAN IT 11 E 07601 15500 0000912385
intestato a Eleousa di Fernanda Santobuono