15/05/2018
Russia - Visita del Patriarca di Etiopia


Mosca, 15 maggio 2018 - Su invito di Sua Santità il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’ Kirill, il Patriarca-Catholicos di Etiopia Abuna Mathias è arrivato in Russia in visita ufficiale. Sua Santità visita la Chiesa ortodossa russa per la prima volta dalla sua elezione alla sede patriarcale nel marzo 2013.
In precedenza, l'ultimo Primate della Chiesa etiope a visitare la Russia nel luglio 1996 è stato il Patriarca Abuna Paulos.

La delegazione che accompagna il Patriarca Abuna Mathias comprende: Abuna Antons, arcivescovo di Harar occidentale; Abuna Filipos, vescovo di Omo meridionale; Abuna Aregavi, vescovo di Gondar meridionale; lo ieromonaco Khidane Mariam, segretario personale del Patriarca; il sacerdote Kyros Woldeab, capo del Servizio di comunicazione del Patriarcato etiope; Muzi Khajlu, capo del Servizio di protocollo del Patriarca.

All’incontro hanno partecipato anche l'ambasciatore straordinario e plenipotenziario della Repubblica Federale Democratica d'Etiopia nella Federazione Russa Grum Abay Teshome, il vicecapo della missione diplomatica etiope, Cassa Gebreyohannes Gebremikael, l'esperto dell'Ambasciata per gli affari economici Bellete Sisai Aragau, il capo del settore protocollo del Decr, igumeno Feofan (Lukyanov), il segretario del Decr per le relazioni intercristiane, ieromonaco Stefan (Igumnov), i dipendenti del Decr S.G. Alferov, K.V. Ermolaev, R.A. Akhmatkhanov, V.A. Kuznetsov e R.D. Ruban, i rappresentanti della diaspora etiope, il clero della città di Mosca.

Accogliendo il Patriarca Abuna Matthias, il metropolita Hilarion ha espresso la speranza che la visita di Sua Santità presso il Patriarcato di Mosca sarà fruttuosa e rafforzerà ulteriormente le relazioni tra la Chiesa ortodossa russa e la Chiesa etiope, la cui storia risale a molti secoli fa.

«Siamo arrivati a Mosca per proseguire il rilancio della storica amicizia della Russia e dei popoli dell'Abissinia. Ringraziamo Dio per questa splendida opportunità di visitare la Chiesa ortodossa russa e il vostro grande Paese», - ha rilevato da parte sua il capo della Chiesa etiope.

Durante la visita, che durerà fino al 20 maggio, sono previsti incontri con Sua Santità il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’ Kirill, con i rappresentanti della leadership dello Stato della Federazione Russa, visite a istituti di istruzione superiore della Chiesa ortodossa russa, alle chiese e ai monasteri a Mosca e nella sua regione.

____________


La Chiesa etiope è inclusa nella famiglia delle Chiese dell'Antico Oriente, o «pre-Calcedonesi», insieme alle Chiese copte, eritree, armene apostoliche, siriane ortodosse e malankaresi. Ricevette l'autocefalia nel 1959, prima era una parte autonoma del Patriarcato copto.

Oggi la Chiesa etiope non è solo la più grande delle Chiese della tradizione pre-calcedonese, ma anche una delle comunità cristiane più numerose del mondo: il numero dei suoi fedeli supera i 65 milioni di persone, vivono sia in Etiopia che nella diaspora (principalmente negli Stati Uniti e in Canada).

Il cristianesimo arrivò in Etiopia nel I secolo, quando l'apostolo Filippo predicava su queste terre.

L'instaurazione di relazioni tra la Chiesa ortodossa russa e la Chiesa etiopica nella seconda metà del XX secolo è in gran parte legata al nome dell’archimandrita Porfirij (Uspenskij, capo della Missione ecclesiastica russa a Gerusalemme, che ha raccolto il materiale più ricco sulla storia, la fede, il culto e le usanze dei cristiani etiopi. Nel 1888, un’alta delegazione della Chiesa arrivò dall'Abissinia a Kiev per partecipare alla celebrazione del 900° anniversario del Battesimo della Rus’. Nel 1895 l'imperatore d'Etiopia Menelik II ricevette una missione spirituale dalla Russia presso la sua corte. Nel 1896, una delegazione di Addis Abeba, che comprendeva gerarchi e chierici della Chiesa etiope, assistette alla cerimonia di incoronazione a Mosca dell'ultimo imperatore russo Nicola II.

I contatti inter-religiosi più intensi si sono verificati in modo decisivo negli anni '50 -'80 grazie agli sforzi del metropolita Nikodim di Leningrado e Novgorod, presidente del Dipartimento per le relazioni ecclesiastiche esterne del Patriarcato di Mosca. Durante questo periodo, lo scambio di delegazioni ufficiali, anche al più alto livello, è stato attivamente praticato, così come l’invio di studenti etiopi nelle istituzioni educative del Patriarcato di Mosca.

Oggi questi collegamenti sono ripresi. Nel settembre 2011, il metropolita Hilarion di Volokolamsk ha incontrato il predecessore del Patriarca Mathias, Sua Santità Abuna Paulos, ad Addis Abeba. Nel mese di novembre 2017, una delegazione della Chiesa etiope ha visitato Mosca e nel marzo 2018 una delegazione del Patriarcato di Mosca è arrivata in Etiopia per ricambiare la visita e ha preso parte alla celebrazione del quinto anniversario dell'incoronazione del Patriarca Abuna Mathias.

(Fonte: Servizio di comunicazione del Decr; www.mospat.ru/Patriarhiya.ru)




<<Torna Indietro

Mosca – Visita del Patriarca della Chiesa ortodossa di Etiopia Abuna Mathias.
Mosca – Visita del Patriarca della Chiesa ortodossa di Etiopia Abuna Mathias.
Mosca – Visita del Patriarca della Chiesa ortodossa di Etiopia Abuna Mathias.
Mosca – Visita del Patriarca della Chiesa ortodossa di Etiopia Abuna Mathias.
Mosca – Visita del Patriarca della Chiesa ortodossa di Etiopia Abuna Mathias.
Mosca – Visita del Patriarca della Chiesa ortodossa di Etiopia Abuna Mathias.
Mosca – Visita del Patriarca della Chiesa ortodossa di Etiopia Abuna Mathias.
Aprile '17


Costi abbonamento

Abb. annuale € 30,00
Abb. benemerito € 50,00



Da versare su c/c postale n° 91231985
IBAN IT 11 E 07601 15500 0000912385
intestato a Eleousa di Fernanda Santobuono