ELEOUSA magazine
Agosto '17

Commemorazione a Sebastopoli


Nel 2015 la Russia celebra il 1000° anniversario del riposo del santo principe Vladimir, il Battista della Rus’ († 1015).
Il 18 gennaio, vigilia della Santa Teofania, Battesimo del Signore Dio e Salvatore Gesù Cristo, la città di Sebastopoli ha voluto ricordare la memoria del «Battista» della Rus’.
La città di Sebastopoli si trova in Crimea. Con il referendum del 16 marzo 2014 la Crimea è tornata a far parte della Federazione Russa dopo il voto unanime del popolo. Nel 988, nell'antica Kherson', l'attuale Sebastopoli, il santo principe Vladimir è stato battezzato nella fede cristiana ortodossa. E dopo di lui, a Kiev, in Ucraina, il popolo dell'antica Rus' ha ricevuto il battesimo sulle rive del fiume Dnepr. Pertanto, a Sebastopoli e a Kiev ci sono le radici spirituali della Santa Rus', che comprende la Russia, la Bielorussia, l'Ucraina e tutti i Paesi dove è presente la Chiesa russa.
Alla cerimonia commemorativa hanno partecipato ospiti illustri, quali il principe Dmitrij Mikhailovič Shakhovsky, discen-dente diretto del santo principe Vladimir, della dinastia Rurik, così come personalità del mondo della cultura come i registi russi Svetlana Druzhinina e Vladimir Bortko.
Il principe Dmitrij appartiene alla prima generazione di immigrati russi che sono nati in Francia (1934). È dottore in Scienze Storiche e Filologiche, presidente del consiglio accademico del Seminario di Parigi e segretario della diocesi di Korsun' della Chiesa ortodossa russa. Ha studiato la genealogia russa, è autore di numerose monografie ed editore dell'opera «Società russa e nobiltà».
Per i co-organizzatori dell'iniziativa, l’antica Kherson’ (odierna Sebastopoli) è il punto di unione tra il passato e il futuro, è associata allo Stato russo e all'unità del popolo russo.
«Mi auguro che nell'anno dedicato al principe Vladimir noi potremo fare molto per la Chiesa ortodossa, educare il nostro popolo, che con tutto il suo cuore ama l’Ortodossia. Come diceva Dostoevskij, - «Se sei russo, sei ortodosso, se sei ortodosso, sei russo», - ha detto il decano di Sebastopoli, padre Sergej.
Svetlana Druzhinina, Artista del Popolo della Federazione Russa, ha espresso i suoi umili rispetti a Kherson’, ai suoi antenati e a tutti i presenti lì riuniti. Ella ha detto di credere che non c’è nulla di casuale nella storia.
Il celebre regista russo Vladimir Bortko, Artista del Popolo della Russia, dal canto suo ha sottolineato l’importanza di quello che è avvenuto a Sebastopoli: «Al principe Vladimir è dovuto non solo il battesimo della Rus ', ma anche la nascita del nostro Paese, che riunisce molti popoli, che dopo il battesimo si sono riuniti in un’unica terra. E speriamo che presto tutte le terre russe possano essere unite».
Il decano di Sebastopoli ha ricordato le parole di San Lorenzo di Černigov, che aveva previsto che il popolo russo si sarebbe disperso e diviso in tre parti. «E attraverso le lacrime, il sangue, le prove e le sofferenze avrebbe raggiunto l’unità. Come la Santa Trinità non può essere divisa, così il nostro popolo russo non può essere diviso, quindi crediamo fermamente che l'iniziativa di oggi qui a Kherson’ sia benedetta da Dio e darà i suoi risultati», - ha detto padre Sergej.
Quest'anno, in concomitanza con il 1000° anniversario del riposo del santo principe Vladimir, il comitato organizzatore della XXIII edizione delle «Letture di Natale» ha individuato come tema del forum «Il principe Vladimir. Scelta di civiltà della Rus'», mentre la Federazione Russa ha proclamato il 2015 l'«Anno della letteratura».



<< Torna Indietro

Sebastopoli - Il principe Shakhovsky, al centro, discendente diretto di san Vladimir
Agosto '17


Costi abbonamento

Abb. annuale € 30,00
Abb. benemerito € 50,00



Da versare su c/c postale n° 91231985
IBAN IT 11 E 07601 15500 0000912385
intestato a Eleousa di Fernanda Santobuono