ELEOUSA magazine
Agosto '17

L'icona miracolosa di Nicola II e l'anniversario dei Romanov


L'icona miracolosa di Nicola II, imperatore martire e grande portatore della Passione, è conservata a San Pietroburgo ed è diventata meta di pellegrinaggi da parte dei cristiani ortodossi.
È una copia dell’originale, scritta negli Stati Uniti nel 1997 e ritenuta «miracolosa» in quanto secerne mirra! Raffigura l’ultimo zar ucciso dai bolscevichi dopo la rivoluzione del 1917. L’icona è stata portata in Russia nel 1998 e con la benedizione dell’allora Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’ Alessio II, di venerata memoria, è stata collocata su un aereo per sorvolare lungo i confini della Russia.
La Chiesa, utilizzando il talento di chi scrive l’icona, manifesta la sua fede, così come gli autori dei testi dogmatici sono gli strumenti scelti da Dio per esprimere in parole la fede della Chiesa.
Ai tempi dell’Unione Sovietica, lo zar e la sua famiglia erano segretamente venerati dai credenti ortodossi, e il luogo della loro uccisione richiama numerosi pellegrini ogni anno.
Nicola II, sua moglie Alexandra e i loro cinque figli furono uccisi nella città di Ekaterinburg, negli Urali, il 17 luglio 1918.
I loro resti sono stati inumati nel 1998 a San Pietroburgo, nella fortezza Pietro e Paolo, nella tomba di famiglia dei Romanov.
La Chiesa ortodossa russa li ha glorificati come santi martiri nel 2000.
In occasione delle celebrazioni per il 400° anniversario della dinastia dei Romanov, si è svolta a New York il 9 aprile, presso il Consolato Generale della Russia, la cerimonia di consegna dell’archivio della famiglia Romanov-Ilyinskikh al museo-riserva «Carskoe Selo» di San Pietroburgo, residenza estiva degli imperatori russi. Alla cerimonia hanno preso parte il console generale I.L. Golubovskii, il principe Mikhail Romanov-Ilyinsky, il clero della cattedrale patriarcale di San Nicola: il rappresentante del Consiglio del Popolo del mondo russo presso le Nazioni Unite, arciprete Georgij Roschin, e l’igumeno Nikodim (Balyasnikov), i rappresentanti delle organizzazioni culturali e sociali di New York, e i giornalisti.
Il 28 aprile, nel giorno della festa dell’entrata del Signore in Gerusalemme, l’arcivescovo Mark di Egorievsk, responsabile del distretto nord-orientale del Vicariato di Mosca, responsabile della Direzione delle istituzioni estere del Patriarcato di Mosca, ha celebrato il rito di benedizione della posa della «prima pietra» del tempio in onore dei Santi Martiri Reali.
Questa è la prima chiesa in costruzione nel distretto nord-orientale del Vicariato di Mosca come parte del «Programma 200» per la costruzione di duecento chiese a Mosca, nonché la prima ad essere dedicata all’imperatore Nicola II e alla sua famiglia nella capitale moscovita. Non è un caso che la costruzione del tempio coincida con il 400° anniversario della dinastia dei Romanov.
Nelle fondamenta della chiesa è stata posta una capsula contenente la terra prelevata nel luogo dove nel 1918 i rivoluzionari bolscevichi distrussero i preziosi resti della famiglia reale. Questo dono memorabile è stato inviato dal monastero dei Santi Martiri Reali di Ganina Yama, nella regione di Sverdlovsk, sorto sul luogo dove furono gettati i resti della famiglia reali.
Al termine del servizio, al quale hanno partecipato oltre quattrocento fedeli, l’arcivescovo Mark ha piantato nel terreno della parrocchia un albero di mele in ricordo dell’evento.



<< Torna Indietro

New York - Il principe Mikhail Romanov-Ilyinsky e il console generale Golubovskii
Agosto '17


Costi abbonamento

Abb. annuale € 30,00
Abb. benemerito € 50,00



Da versare su c/c postale n° 91231985
IBAN IT 11 E 07601 15500 0000912385
intestato a Eleousa di Fernanda Santobuono