ELEOUSA magazine
Agosto '17

Chiesa ortodossa russa. Il 65° anniversario del Dipartimento per le relazioni esterne


Nella sesta settimana dopo la Pentecoste, nel giorno della festa della Santa Principessa Olga, il 24 luglio 2011 il Patriarca di Mosca e di tutta la Russia Kirill ha celebrato la Divina Liturgia nella Cattedrale dei Santi Padri dei Sette Concili Ecumenici del Monastero stavropegico di San Daniele a Mosca.
La Liturgia patriarcale è stata dedicata al 65° anniversario del Dipartimento per le relazioni ecclesiastiche esterne del Patriarcato di Mosca.
Hanno raggiunto Sua Santità il metropolita Filarete, Esarca Patriarcale di tutta la Bielorussia, il metropolita di Krutitsy e Kolomna Giovenale, il metropolita di Saransk e Mordovia Varsanofij, responsabile della gestione centrale del Patriarcato di Mosca, il metropolita Hilarion, presidente del Dipartimento per le relazioni esterne, l’archimandrita Alessio (Polikarpov), vicario del monastero San Daniele, l’arciprete Nikolaj Balashov, vicepresidente del Decr, il superiore Filarete (Bulekov), vice presidente del Decr, l’arciprete Igor Yakimchuk, segretario del Decr per i rapporti inter-ortodossi, il sacerdote Sergio Zvonarev, segretario del Decr per l’estero e il sacerdote Demetrio Sizonenko, segretario del Decr per i rapporti tra i cristiani, i membri dello staff del Decr negli ordini sacri.
Hanno pregato durante il servizio la gerarchia della Chiesa ortodossa russa e i rappresentanti delle Chiese ortodosse locali del Patriarcato di Costantinopoli, della Chiesa ortodossa d’Antiochia, delle Chiese ortodosse di Romania, Cipro, Albania, del Patriarcato di Gerusalemme e della Chiesa ortodossa di Terre Ceche e Slovacchia, arrivati a Mosca per la celebrazione.
Tra i fedeli c’erano il presidente del Dipartimento sinodale per l’informazione VR Legoida, il presidente della Duma di Stato Commissione per gli Enti e le organizzazioni religiose SA Popov. Erano presenti altresì i rappresentanti delle organizzazioni religiose non-ortodosse.
Durante la Liturgia ha cantato il coro del Monastero San Daniele (reggente GL Safonov) e il Coro sinodale di Mosca (diretto da Alexander Puzakov).
Al piccolo ingresso Sua Santità ha conferito una serie di premi al clero del personale del Decr. Al superiore Filarete (Bulekov) è stato aggiudicato il diritto di indossare la croce con decorazioni. I sacerdoti Demetrio Sizonenko e Sergio Zvonarev sono stati elevati al rango di arcipreti. I sacerdoti Demetrio Ageev e Arsenio Chernikin hanno ricevuto la croce pettorale. Al sacerdote Sergio Dudin è stato concesso il diritto di indossare la Kamilavka e allo ieromonaco Stefano (Igumnov) il diritto di indossare l’epigonatio.
Durante la liturgia, il Primate della Chiesa ortodossa russa ha pregato per il riposo delle anime dei presidenti del Dipartimento per le relazioni esterne della Chiesa, il metropolita Nicola (Yarushevich) ed il metropolita Nikodim (Rotov), di venerata memoria.
Al termine della liturgia, il Patriarca ha accolto il metropolita Hilarion. “Vi ringrazio di cuore per la celebrazione della Divina Liturgia, - ha detto il presidente del Decr - per la preghiera per i predecessori di venerata memoria, per il servizio liturgico insieme ai vescovi che hanno guidato il Dipartimento per le relazioni ecclesiastiche esterne, e per la preghiera per i dipendenti dell’istituzione sinodale.
La Chiesa di Cristo può essere paragonata ad una nave che si muove sulle onde del mare della vita. Su questa nave c’è il capitano, ci sono i navigatori ed i marinai. Tutti svolgono un servizio importante e responsabile. Ma se questa nave non comunica con il mondo esterno, se non vi è alcun contatto diretto con i servizi della costa, con i fari, può succedere un incidente, la nave può entrare in collisione con un iceberg o con una scogliera. Per questo, è importante che la Chiesa abbia un servizio che comunica con il mondo esterno, che ci sia una divisione, che si erge a guardia dei confini della Chiesa, contribuendo a preservare e a consolidare la sua unità interna e allo stesso tempo assicurare che mai venga interrotto il suo rapporto con il mondo esterno.
Per molti anni, siete stato a capo del Dipartimento per le relazioni esterne, e da questo siete stato chiamato per obbedienza al ministero patriarcale. Quando vi è stato dato il pastorale di San Pietro, metropolita di Mosca, avete detto che è una priorità della Chiesa mantenere e rafforzare l’unità. E in questo lavoro apostolico, nella vostra santa missione il Dipartimento per le relazioni esterne rimarrà per voi un sostegno affidabile”.
Al termine del discorso, il metropolita Hilarion ha presentato al Patriarca di Mosca e di tutta la Russia l’Icona di San Pietro e i paramenti episcopali.
Quindi Sua Santità si è rivolto all’assemblea con la parola primaziale.
“Con trepidazione ho celebrato oggi la Divina Liturgia, perché per venti anni della mia vita ho servito come presidente il Dipartimento per le relazioni esterne. In realtà, è dal marzo 1968, quando con la benedizione della Gerarchia ho dovuto rappresentare la gioventù ortodossa russa al congresso di Praga, e tuttora continua il mio coinvolgimento nelle relazioni esterne della Chiesa ortodossa russa.
Caro vescovo Hilarion, avete fatto molto bene a citare come esempio l’immagine della nave che ha bisogno di una comunicazione a lunga distanza. Spesso il Dipartimento per le relazioni esterne opera in aree in cui la Chiesa ortodossa russa non esiste. Questo riguarda soprattutto il mondo della politica, il dialogo con i governi stranieri, le organizzazioni internazionali, che spesso sono lontani da tali norme, i loro modelli di comportamento sono in profonda contraddizione con ciò che Cristo ci ha insegnato. Di fronte a queste, come dire, sfide formidabili ci sono diversi modi di operare. Un modo è dire: “non è nostro, questo non lo faremo, tutto questo è peccato” e ci si fa da parte. Ma se si adotta una certa posizione, se si entra in contatto, quei modelli di comportamento diventano molto popolari nel nostro paese e forse anche nelle nostre famiglie. E poi è troppo tardi, tutte le linee saranno distrutte, tutto il sistema di difesa è rovesciato…
Questo è il motivo per cui questo ministero è sempre stato associato a molte difficoltà e tentazioni. Perché è possibile pensare che, sostenuti dai potenti mezzi di comunicazione, si pensa di poter avere un riconoscimento pubblico, e nel potere politico sfidare o semplicemente esprimere disaccordo è molto, molto difficile. Non sto parlando delle difficoltà delle relazioni che affliggono tutti, ma dell’ enorme arena internazionale. Spesso non si è ascoltati, a volte non capiscono quello che si dice. Una diffusione del genere è un rischio enorme - puoi essere applaudito, fischiato, ma soprattutto, è possibile che non prestino attenzione a ciò che si dice. Cosa ci vuole insegnare quello strano uomo con la barba, vestito di nero? Chi saranno mai questi strani uomini con la barba, con i lunghi abiti neri, a cui la Chiesa ha affidato la grande responsabilità di dire la verità di Dio, di difendere la verità sacra, tramandata dagli Apostoli e conservata nella Chiesa da allora? Questo è un grande lavoro, che richiede una seria preparazione teologica, fondata sulla convinzione interiore, sulla forza di carattere e sulla forza di volontà, sulla capacità di convincere la gente quando, apparentemente, non ci sono parole ragionevoli, convincenti. Non si può persuadere con le bugie, con le tentazioni, non si possono offrire argomentazioni false, per convincere basta la verità di Cristo.
Quando in questo mare di incredulità e di eterodossia, improvvisamente c’è il nostro sacerdote, molti all’interno del paese dicono: ‘Che ci fa lì? E se lui tradisce l’Ortodossia? O più in generale, perché è lì?”. Così ci viene chiesto di non cedere al primo combattimento anche in territorio neutrale, e di non attendere che ciò che è contrario al nostro spirito, alla nostra tradizione, entri nelle nostre città e nei nostri villaggi. Perché allora la battaglia sarà persa.
Spero davvero che le persone non mettano in discussione l’utilità di questo servizio. Tutte le azioni del Dipartimento per le relazioni esterne sono in linea con le decisioni che prendono i Vescovi, i Consigli locali e il Santo Sinodo. Queste sono azioni che vengono benedette dalla Chiesa, per proteggere le frontiere esterne.
Ma c’è un altro aspetto molto importante del ministero del Dipartimento per le relazioni esterne. Non si riferisce al mondo esterno, ma alla pienezza dell’Ortodossia.
Oggi, tutte le Chiese ortodosse stanno vivendo un momento difficile. Da un lato, hanno bisogno di consolidare l’interazione, di collaborare. Dall’altra sono presenti ancora le incomprensioni del passato, diversi punti di vista e approcci diversi.
Come si può rafforzare l’unità della Chiesa ortodossa universale, garantire la validità del suo ministero nel mondo moderno e non deludere, non offendere nessuna delle Chiese locali fraterne, ma dare a tutte la possibilità di realizzare il proprio servizio - grande o piccolo, non importa?
Le enormi sfide a cui è chiamato il Dipartimento per le relazioni esterne è combattere fino alla morte per mantenere l’unità dell’Ortodossia universale, sbarrare la strada agli scismatici, agli eretici, alle persone pseudo intellettuali, contribuendo a garantire che tutta la Chiesa ortodossa in tutto il mondo mantenga la sua unità, la sua purezza, la comunione fraterna, lavori per la pace affinché il mondo sia diverso”.
Congratulandosi con il personale del Decr per l’importante anniversario, il Primate della Chiesa ortodossa russa ha detto ancora al metropolita Hilarion: “Nonostante il breve periodo a capo del Dipartimento per le relazioni esterne, avete già fatto molto. Vi siete assunto una responsabilità molto alta nella Chiesa. Spero che in questo giorno in cui celebriamo il 65° anniversario del Dipartimento, preghiamo il Signore perché rivolga la sua misericordia su tutti coloro che lavorano nel campo delle relazioni esterne, e possano ricevere il dono speciale della grazia, e un particolare sostegno da parte del Signore”.
Sua Santità ha rivolto gli auguri al metropolita Hilarion per il suo 45° compleanno e ha dato al presidente del Decr una Panagia con un’iscrizione commemorativa.
Poi il Patriarca, il presidente del Decr e i suoi collaboratori hanno accolto l’archimandrita Alessio (Polikarpov). Il vicario del monastero stavropegico di San Daniele ha dato a Sua Santità l’Icona del Santo Principe Daniele di Mosca.
Al termine del servizio, il Patriarca ha tenuto un incontro con i membri della delegazione del IV Congresso Internazionale “Comunità della gioventù ortodossa”, che si è svolto contemporaneamente a Kursk.
I membri della delegazione hanno espresso la loro gratitudine per la cura paterna e l’accoglienza e hanno presentato a Sua Santità l’Icona del Signore.
La delegazione del Congresso era composta da giovani provenienti da Russia, Bielorussia, Ucraina, Australia, e da rappresentanti della Chiesa ortodossa serba, della Polonia, della Chiesa ortodossa della Repubblica di Terre Ceche e Slovacchia, della Chiesa Russa all’Estero.
Poi, nell’ufficio del presidente del Dipartimento per le relazioni esterne, Sua Santità ha avuto un colloquio con il metropolita Hilarion di Volokolasmk.
Lo stesso giorno, presso la sala conferenze dell’hotel “Danilov”, si è svolta la solenne cerimonia per il 65° anniversario della fondazione del Dipartimento.
Le celebrazioni, per tradizione, si tengono dopo Pasqua. Il 50° anniversario della Divisione è stato celebrato il 27 maggio 1996, a cui hanno partecipato il Patriarca Alessio II, il Patriarca Maxim di Bulgaria e i membri del Santo Sinodo.
I 60 anni del Dipartimento sono stati ricordati il 6 giugno 2006. La celebrazione si è svolta al monastero di San Daniele presieduta dal Patriarca Alessio II.




<< Torna Indietro

Icona della Principessa Olga di Kiev
Mosca - Monastero di San Daniele
Mosca - Il Patriarca Kirill prega dinanzi alle reliquie del Santo Principe Daniele
Mosca - Il Patriarca Kirill si congratula con il metropolita Hilarion
Agosto '17


Costi abbonamento

Abb. annuale € 30,00
Abb. benemerito € 50,00



Da versare su c/c postale n° 91231985
IBAN IT 11 E 07601 15500 0000912385
intestato a Eleousa di Fernanda Santobuono