ELEOUSA magazine
Agosto '17

Il Patriarca Kyrill a San Pietroburgo. Appello alla dimensione estetica della vita


Si è svolta dal 28 al 30 maggio 2011 la visita primaziale di Sua Santità il Patriarca di Mosca e di tutta la Russia Kyrill nella diocesi di San Pietroburgo e Ladoga. Nel suo viaggio, il Patriarca è stato accompagnato dal direttore della Segreteria amministrativa del Patriarcato di Mosca, il vescovo Sergio di Solnechnogorsk, dal presidente del Dipartimento sinodale per l’Informazione VR Legoyda, dallo shiarhimandrita Eli (Nozdrin).
All’aeroporto Pulkovo-1 il Primate della Chiesa ortodossa russa ha incontrato il metropolita di San Pietroburgo e Ladoga Vladimir, i vescovi vicari della diocesi di San Pietroburgo: Ambrogio di Gatchina, rettore dell’Accademia Teologica e Seminario di San Pietroburgo, Marcello di Peterhof, Nazario di Vyborg, vicario del monastero della Santa Trinità di Alexander Nevskij, nonché il clero della diocesi di San Pietroburgo. Sua Santità ha ricevuto i saluti del vice governatore di San Pietroburgo IM Metelsky.
Dall’aeroporto, il Patriarca si è diretto alla tenuta “Sophia”, situata nel quartiere Tosno, regione di Leningrado, dove ha visitato il tempio della Madre di Dio di Smolensk, e ha incontrato suo fratello, il rettore della Cattedrale della Trasfigurazione di San Pietroburgo, arciprete Nikolai Gundyaev.
Domenica 29 maggio, il Patriarca Kyrill ha benedetto il restauro della Chiesa di San Giovanni Evangelista presso l’Accademia Teologica e Seminario di San Pietroburgo, e ha celebrato la Divina Liturgia nel tempio restaurato. Lo stesso giorno, ha tenuto un incontro sul restauro della Cattedrale di San Nicola di Kronstadt e ha visitato il monastero della Santa Trinità di Alexander Nevskij, dove si è inchinato dinanzi alle reliquie di Alexander Nevskij e all’Icona della Madre di Dio Gorgoepikoos. Poi, nel cimitero Tickvin il Patriarca ha fatto una litania dolente dinanzi alla tomba del suo mentore, il metropolita di Leningrado Nicodemo (Rotova). Al termine della visita, il Patriarca si è diretto al Cimitero San Giorgio, dove ha effettuato una litania sulla tomba dei genitori - arciprete Michail e Raisa Gundyaev.
Padre Gundyaev era molto conosciuto e amato dal popolo fedele della “capitale del nord”. Il suo ministero nelle parrocchie della diocesi di Leningrado ha sempre riunito molti fedeli. È morto il 13 ottobre 1974, come rettore della chiesa di San Nicola sul Grande Okhta. Raisa Gundyaev ha insegnato tedesco a scuola. Si è addormentata nel Signore nel 1984.
Alla Divina Liturgia nella chiesa di San Giovanni evangelista hanno partecipato il vice capo dell’amministrazione presidenziale AD Beglov, il ministro dei trasporti IE Levitin, il governatore di San Pietroburgo VI Matvienko, il vice governatore IM Metelsky, il presidente della Fondazione della Cattedrale di San Nicola a Kronstadt LE Slutsky, il Console Generale del Giappone a San Pietroburgo Ichiro Kawabata, il presidente del Dipartimento sinodale per l’Informazione VR Legoyda, i membri del consiglio di amministrazione della fondazione della Cattedrale di Kronstadt.
Durante la liturgia hanno cantato tre cori di San Pietroburgo, quello maschile dell’Accademia Teologica e Seminario, diretto dal monaco Matteo, quello femminile diretto dalla suora Xenia (Kanshinoy), e quello misto sotto la direzione di Irina Khmelevskoy.
Al termine del culto, il vescovo Ambrogio di Gatchina si è rivolto al Patriarca Kyrill mettendo in evidenza che il restauro della chiesa di San Giovanni il Teologo è avvenuto nel 65° anniversario della rinascita dell’Accademia Teologica, nel 170° anniversario del tempio e nel 290° anniversario della fondazione dell’Accademia Teologica. Il vescovo ha dato in dono a Sua Santità una copia della principale reliquia del tempio, l’Icona della Madre di Dio del Segno.
Quindi, Sua Santità ha rivolto ai fedeli la parola primaziale.
“Oggi ho fatto una speciale consacrazione del tempio restaurato. In effetti, il suo interno attualmente è molto simile a quello di 65 anni fa, quando è rinata la scuola teologica.
Ricordo la prima visita in questo tempio nel 1955. Sono stato qui per la tonsura di Michael (Chub), futuro Vescovo di Tambov. I templi nel dopoguerra a Leningrado non erano sufficienti, erano solo quattordici ed erano sempre pieni, perché la guerra aveva suscitato una grande ondata di sentimento religioso. Ricordo che era quasi impossibile entrare nel tempio, ma anche in quel caso mi colpì la sua bellezza. Persone sagge si erano assunta la responsabilità di ricostruire il tempio nel dopoguerra, e l’interno fu decorato nello stile del palazzo, secondo la tradizione di San Pietroburgo.
Sono lieto che con gli sforzi del rettore, grazie al notevole contributo dei nostri benefattori, che sono presenti qui oggi, la chiesa ha riacquistato l’aspetto originario. Anzi, direi che è stato restaurato secondo lo stile originario, ma, ovviamente, qualitativamente nuovo. La tinteggiatura interna, secondo lo stile di San Pietroburgo, è il risultato dell’ottimo lavoro dei nostri artisti contemporanei.
È importante la bellezza esteriore, l’armonia esteriore presente nella vita delle persone, soprattutto bambini, adolescenti, perché l'armonia forma la personalità umana. Non bisogna trascurare la dimensione estetica della vita. Sappiamo che la bruttezza, che è manifesta da decenni nelle nostre città e villaggi, ha devastato la bellezza originale russa, ha influenzato la psicologia e il pensiero delle persone. Ora è il momento di cambiare questa mentalità e questo mondo. Lavorando su questa chiesa, abbiamo cercato di fare qualcosa che potesse aiutare la nostra gente a rinascere. E in questo processo l’estetica è molto importante, perché la bellezza, come ho detto, costruisce lo stato interiore della persona. Ecco perché ho sempre attribuito grande importanza alla bellezza esterna, dei monasteri, dei templi, dell’habitat degli studenti di teologia, dei sacerdoti, dei monaci e delle monache. Con la gioia nel cuore prendo atto dei cambiamenti positivi nella vita delle nostre città e villaggi e con dolore dichiaro che vi rimangono molte ferite del passato, tra cui l’apparente mancanza di armonia e bellezza nella vita umana.
Quindi, quello che avete fatto, non ha solo valore esteriore. L’ambiente “domestico” non può essere dissociato da quello esterno – perché è un campo che l’uomo solca tutta la vita. L’ambiente esterno aiuta quello interno e quello interno forma quello esterno.
Sono particolarmente felice di essere qui, tra queste mura, tra i docenti, che ho conosciuto e amato, con cui ho lavorato molti anni insieme in tempi difficili, che l’attuale generazione non conosce. Sono lieto, inoltre, che la nostra Accademia stia guadagnando terreno, stia diventando una scuola più spirituale e più potente. Siamo di fronte a sfide enormi.
Ho parlato finora dell’estetica che aiuta a costruire l’armonia, la vita spirituale e la pace. Ma ora facciamo attenzione alle parole dell’apostolo Paolo che abbiamo appena letto: “Credi nel Signore e sarai salvo” (Atti 16, 16-34). Tutto ciò che fa la Chiesa è una lotta contro lo spirito maligno, che spesso non dice la verità, che invita a dar retta a credenze nocive, ai cosiddetti valori di questo mondo. E le parole che si pronunciano in questo caso, sono sempre molto convincenti! Hanno qualche fondamento logico, una sorta di motivazione che spesso è attraente per le persone. Bisogna capire che questo è lo spirito del diavolo! E molte persone entrano in contatto con questo spirito attraverso le opere d’arte, lo spazio dei media, e formano una civiltà senza la legge di Dio. E quando la Chiesa dice che è pericoloso, è necessario modificare i punti di riferimento della propria vita, quando la Chiesa chiama, invita le persone a non staccarsi da ciò che Dio insegna all’uomo, a non soffocare la voce della coscienza.
Ogni sacerdote è quindi chiamato a dare alle persone la verità di Dio. Coloro che studiano qui devono capire che non avranno una vita comoda e facile. Ci saranno sempre quelli a cui tu non piacerai, ci saranno sempre quelli che daranno la colpa a te e alla Chiesa. Oggi non sono richieste grandi gesta, come quelle che i nostri padri e i nostri nonni hanno compiuto nei momenti difficili, quando la fede in Dio e la vita potevano essere perse. Oggi, tuttavia, si richiede ugualmente fermezza, sapienza, cura pastorale, amore, pazienza, umiltà, chiarezza per aiutare le persone a capire dov’è la verità di Dio. Senza questa verità non si raggiunge la pienezza della vita umana e né i soldi, né il lusso, né la comodità, né alcun potere sono in grado di portare la pace del Signore, che noi chiamiamo con una parola semplice: “felicità”.
Auguro a tutto voi di capire le parole dell’apostolo Paolo: “La nostra battaglia non è contro creature fatte di sangue e di carne, ma contro i Principati e le Potestà, contro i dominatori di questo mondo di tenebra, contro gli spiriti del male che abitano nelle regioni celesti” (Ef 6,12).
Possa Dio dare a tutti la forza e la saggezza spirituale, la fede forte e la profonda convinzione che nulla può scuotere la nostra fede e il nostro desiderio di servire la chiesa di Dio. Lasciate che la benedizione di Dio dimori sulla nostra scuola, soprattutto sugli insegnanti e gli studenti. E in memoria di oggi, di questa storica giornata, vorrei presentare questa icona raffigurante la discesa all’inferno e la Resurrezione del Salvatore. È un’Icona molto rara, realizzata dai nostri maestri di Palekh, e lasciate che l’immagine con una iscrizione celebrativa sia sempre in questa Accademia.
Oggi ho un’altra grande gioia - dare la croce come segno del mio amore allo shiarhimandrita Elia. Quando sono entrato nel primo anno di seminario, il padre Elia stava finendo l’Accademia. Noi tutti lo amavano allora - come ora. Allora era una persona laica, umile. Ho preso parte alla sua tonsura - sono venuto qui, in questo luogo, e ora sono passati 45 anni dalla data della sua ordinazione. Sono felice di darvi il mio umile dono nel luogo dove avete preso i voti monastici, e dove avete formato la vostra ricca vita spirituale, che aiuta tante persone a trovare la fede e la pace nel cuore. Dio vi benedica, mio caro padre Elia”.
In considerazione dell’aiuto alla Chiesa ortodossa russa e in connessione con il 55° compleanno, il vice capo dell’amministrazione presidenziale AD Beglov è stato insignito dell’Ordine del Santo Principe Daniele di Mosca, I grado. Sua Santità ha inoltre espresso la sua gratitudine al governatore Matvienko per aver facilitato il ritorno dell’Accademia nella sua sede.
Ai fedeli sono state distribuite icone di San Giovanni il Teologo con la benedizione patriarcale.



<< Torna Indietro

Patriarca di Mosca e di tutta la Russia Kyrill
Chiesa di San Giovanni Evangelista
Reliquie di Alexander Nevskij
Icona della Madre di Dio Gorgoepikoos
Tomba del metropolita Nicodemo (Rotov)
Tomba di Michail Gundyaev
Agosto '17


Costi abbonamento

Abb. annuale € 30,00
Abb. benemerito € 50,00



Da versare su c/c postale n° 91231985
IBAN IT 11 E 07601 15500 0000912385
intestato a Eleousa di Fernanda Santobuono