ELEOUSA magazine
Agosto '17

I nuovi santi del XXI secolo. «Preservare l'unità della Chiesa ortodossa»


Il 18 ottobre Sua Santità il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus' Kirill ha celebrato la Divina Liturgia nella cattedrale patriarcale della Dormizione del Cremlino di Mosca, nel giorno in cui si fa memoria dei primi santi Gerarchi di Mosca Pietro, Alessio, Giona, Macario, Filippo, Giobbe, Ermogene, Tikhon, Pietro, Filarete, Innocenzo e Macario. Al termine del servizio divino, il Primate della Chiesa ortodossa russa si è rivolto ai fedeli con la parola primaziale.
Nel corso dei secoli la Chiesa ortodossa russa ha subito persecuzioni di ogni sorta, che possono essere paragonate alla barbara occupazione nazista del Gran Palazzo di Peterhof nel 1941-1944, residenza estiva imperiale russa, che al processo di Norimberga fu definita un crimine contro l'umanità. L'occupazione iniziò il 22 giugno, proprio nel giorno in cui le splendide fontane di Peterhof vengono accese in sontuosi e dinamici giochi d’acqua, di cui i colori e gli ornamenti del Palazzo fanno da contorno e sfondo: azzurro, bianco e dorato, il tutto di fronte alla spettacolare vista sul golfo di Finlandia, respirando la brezza proveniente dal mar Baltico... La successiva rinascita della Chiesa ortodossa russa ha accompagnato il restauro di questa residenza, che ha ospitato nel 2013, nel 400° anniversario dell'inizio della dinastia dei Romanov, i leader mondiali del G20 per una cena di lavoro per discutere, tra gli altri argomenti, il processo di pace siriano. Ad ottobre, le 144 fontane e le tre cascate, insieme ai sei palazzi-museo, vengono chiusi per il lungo inverno.


«Nel giorno della memoria dei santi Gerarchi di Mosca abbiamo celebrato la Divina Liturgia come di consueto nel cuore della Santa Rus’ , nella cattedrale della Dormizione del Cremlino di Mosca. Questo tempio era per la maggior parte dei santi la chiesa patronale, la chiesa cattedrale, e quindi con sentimenti speciali abbiamo oggi offerto le nostre preghiere ai santi.
Sono lieto che oggi hanno servito trentasette vescovi recentemente ordinati, che sono chiamati ad essere i santi della nostra terra nel XXI secolo. La nostra generazione se ne andrà e questi giovani gerarchi continueranno a fare quello che stiamo facendo oggi. Pertanto, a loro è affidata l'enorme responsabilità del diritto di dispensare rettamente la parola della verità del Signore (2 Tim 2,15), di preservare la fede ortodossa, l'unità della nostra Chiesa, senza essere esposti ad alcuna tentazione, peccato e incitamento agli scismi e alle divisioni. Il futuro del nostro Paese, di tutta la Rus’ e forse il futuro della razza umana dipende da quanto spiritualmente forte sarà il nostro popolo, nutrito dalla grazia di Dio attraverso la nostra Chiesa. Perché la nostra Patria, come la Rus’ storica, è uno spazio enorme, non solo geografico, ma anche spirituale, e noi abbiamo una responsabilità speciale per il nostro popolo, per i popoli della Santa Rus’ e per il futuro della razza umana.
Per capire come svolgere il ministero, è sufficiente ricordare le opere dei santi di Mosca.
San Pietro (1308-1326), indubbiamente, per ispirazione dall'alto, trasferì la cattedra episcopale di tutta la Rus’ prima da Kiev a Vladimir, e poi da Vladimir a Mosca. Rimase il primate di tutta la Rus’ e vigilò sempre sull'unità della nostra Chiesa nelle vaste distese della Rus’.
Sant’Alessio (1354-1378) salì al trono di Mosca in un momento in cui le forze, che cercavano di dividere la Rus’, iniziarono ad agire, e la Rus’ sud-occidentale fu soggetta a tentazioni e pressioni dall’esterno, volte a rompere l'unità della Chiesa ortodossa russa. Sant'Alessio credeva in tutte le sue forze per mantenere questa unità, ma a quel tempo forze politiche hanno lottato contro il Primate della Chiesa ortodossa russa e non volevano che visitasse le diocesi occidentali e sud-occidentali per rafforzare l'unità della nostra Chiesa. A quel tempo c'era anche un attacco da Oriente, il giogo tartaro-mongolo, e bisognava assicurarsi che questi stranieri non avrebbero distrutto la terra russa. Pertanto, la grande missione di servizio spirituale e politico per il nostro popolo cadde sulle spalle di sant'Alessio.
San Giona (1448-1461), dopo molti anni di presenza della nostra Chiesa nel Patriarcato di Costantinopoli, fu il primo ad essere eletto alla cattedra dei primi santi Gerarchi di Mosca e dal cui ministero la nostra Chiesa iniziò a considerare la sua esistenza autocefala. Salì alla cattedra di Mosca in un periodo difficile, quando Costantinopoli fu tentata dall'Unione di Ferrara-Firenze e firmò l'unione con Roma contro la volontà del popolo ortodosso. E in questo momento la Chiesa russa ha compreso il bisogno di essere autocefala, completamente indipendente da qualsiasi altra Chiesa, al fine di mantenere intatta la fede ortodossa.
Ma presto san Filippo (1464-1473) non poté godere pienamente della stabilità politica e del sostegno del sovrano, e quando lo stesso Ivan Vasilyevich iniziò a fare cose indegne per uno zar russo, fermando le divisioni con il sangue e con la spada, san Filippo denunciò lo zar - dal luogo in cui mi trovo, non ha impartito a Ivan Vasilyevich il Terribile la sua benedizione. Questo è stato un atto del ministero profetico della Chiesa, la proclamazione della giustizia di Dio, per la quale il santo ha pagato con la sua vita.
Inoltre, non possiamo non ricordare san Giobbe (1586-1589), che divenne il primo Patriarca di Mosca. Salì al trono patriarcale durante i tempi del benessere della Chiesa. Un governo forte, che ha contribuito molto alla leadership del Patriarca a capo della Chiesa russa, ha sostenuto le iniziative della Chiesa. Ma molto presto il nostro Paese crollò nel Periodo dei torpidi, e poi la voce profetica del Primate della Chiesa risuonò di nuovo in tutto il Paese, rifiutando ogni opportunità di sostenere il Falso Dimitrij e i nemici esterni della nostra Patria dietro di lui. E come lo hanno persuaso, come hanno chiesto sostegno! Ma rimase fermamente nella posizione in cui il Patriarca da solo deve resistere, sostenendo l'unità della Patria, impedendo l'intervento straniero negli affari del popolo. Fu rovesciato dal Falso Dimitrij e mandato in un monastero a Staritsa, vicino a Tver, dove finì i suoi giorni.
Al suo posto arrivò un altro santo, che riposa qui con le sue reliquie, sant’Ermogene (1606-1612), che nel Periodo dei torpidi languiva qui nei sotterranei del monastero di Chudov, morendo di fame, sete e freddo, sotto la terribile pressione degli invasori polacchi e di alcuni boiardi russi che servivano loro, non ha firmato l’appello a favore dell'approvazione dell'autorità di stranieri ed è morto martire rimanendo fedele al suo popolo, al suo Paese e alla Chiesa.
San Tikhon (1917-1925) è il primo Patriarca dopo una pausa di duecento anni. Il suo patriarcato è coinciso con anni di terribili disordini, il completo collasso di tutte le fondazioni nazionali dello Stato e del nostro popolo. Allo stesso tempo, sorse una divisione nella Chiesa, che fu provocata dalle autorità, in modo tale che dividendo la Chiesa potevano affrontarla più rapidamente. San Tikhon, proclamato Patriarca in una solenne atmosfera del Concilio di tutta la Rus’, fu costretto a cooperare ogni giorno con il nostro popolo e la nostra Chiesa. Morì in circostanze ancora inspiegabili, rimanendo fedele a Cristo e in nessun modo disonorando la sua dignità patriarcale.
Oggi ricordiamo anche i grandi santi Filarete, Innocenzo, Macario, teologi e missionari, che, essendo sulla cattedra di Mosca, erano grandi autorità e ministri della Chiesa russa. Ed è importante che i giovani gerarchi della nostra Chiesa in questo giorno preghino il Signore nella cattedrale della Dormizione.
Cari fratelli, la straordinaria storia dei santi di Mosca dovrebbe insegnarci che non ci sono tempi facili per la Chiesa, perché la Chiesa è sempre in guardia sulla verità divina. Ci sono condizioni più favorevoli o meno favorevoli, ci sono periodi di persecuzioni e divisioni, ma la Chiesa sempre e in ogni circostanza è chiamata a proclamare la verità di Dio, a educare il popolo in essa, a pregare per lui, per il Paese, per le autorità e per il suo esercito, affinché il Signore rivolga la Sua misericordia sulla nostra Patria...
Possano le preghiere dei santi di Mosca rafforzare la mente, il cuore, la volontà e i sentimenti di quei gerarchi della nostra Chiesa, che oggi sono chiamati a dispensare la parola di verità di Cristo. Congratulazioni per la festa!».



<< Torna Indietro

Icona dei santi Gerarchi di Mosca Pietro, Giona, Ermogene e Alessio
Gerarchi della Chiesa ortodossa russa
Le fontane del Museo-riserva di Peterhof
Agosto '17


Costi abbonamento

Abb. annuale € 30,00
Abb. benemerito € 50,00



Da versare su c/c postale n° 91231985
IBAN IT 11 E 07601 15500 0000912385
intestato a Eleousa di Fernanda Santobuono