ELEOUSA magazine
Agosto '17

Nel centenario della diocesi di Tallinn. Ricordata la memoria di san Pietro di Mosca


Nel giorno in cui si fa memoria del trasferimento delle reliquie di san Pietro il taumaturgo, metropolita di Kiev, di Mosca e di tutta la Rus’, il 6 settembre, Sua Santità il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’ Kirill ha celebrato la Divina Liturgia nella Cattedrale patriarcale della Dormizione del Cremlino di Mosca, dove riposano le reliquie del santo. Nel 2019 ricorre il 540° anniversario di questo evento e della consacrazione della cattedrale della Dormizione del Cremlino di Mosca, insieme al 430° anniversario dell’elezione del primo Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’ Giobbe (1589) e al 10° anniversario dell’elezione al trono patriarcale di Sua Santità il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’ Kirill e della sua intronizzazione il 1 febbraio 2009.


Con la benedizione di Sua Santità il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’ Kirill, nell'autunno 2017 si celebra il 100° anniversario della costituzione della cattedra estone come vicariato della metropolia di San Pietroburgo. Pertanto, alla Liturgia patriarcale nella cattedrale della Dormizione del Cremlino di Mosca ha partecipato una delegazione della Chiesa ortodossa estone del Patriarcato di Mosca. La delegazione comprendeva i membri del Sinodo della Chiesa ortodossa estone del Patriarcato di Mosca, così come un certo numero di rettori delle chiese delle diocesi di Tallinn e di Narva.
Hanno concelebrato con Sua Santità: il metropolita Arsenij di Istra, primo vicario del Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’ a Mosca; l'arcivescovo Evgenij di Vereja, presidente del Comitato per l’istruzione della Chiesa ortodossa russa; il vescovo Lazar di Narva e Prichudje; il vescovo Sergij di Maardu, vicario della diocesi di Tallinn; il protopresbitero Vladimir Divakov, segretario del Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’ a Mosca; l’archimandrita Aleksej (Polikarpov), vicario del monastero stavropigiale di san Daniele a Mosca; l’arciprete Georgij Studenov, decano del distretto ecclesiastico di san Michele, rettore della chiesa dell’Arcangelo Michele nel distretto Troparevo di Mosca; l’arciprete Serafim Nedosekin, decano del distretto ecclesiastico di san Giorgio, rettore della chiesa-memoriale di san Giorgio sulla collina Poklonnaya a Mosca; l’arciprete Vyacheslav Shestakov, rettore dei templi del podvorje patriarcale di Zaryad'e a Mosca; l’arciprete Andrej Marushchak, chierico della cattedrale di Cristo Salvatore a Mosca; l’arciprete Igor Yakimchuk, segretario per le relazioni inter-ortodosse del Dipartimento per le relazioni ecclesiastiche esterne.
Hanno partecipato al servizio divino i membri della delegazione della Chiesa ortodossa estone: l’arciprete Oleg Vrona, membro del Santo Sinodo della Chiesa ortodossa estone, decano del distretto di Tallinn, rettore della chiesa di san Nicola il Taumaturgo a Tallinn; l’arciprete Aleksandr Ruchkin, sacerdote della cattedrale di sant’Alexander Nevsky a Tallinn; lo ieromonaco Iona (Golovastikov), membro del Santo Sinodo della Chiesa ortodossa estone del Patriarcato di Mosca, rettore della chiesa di santa Caterina la grande martire a Pärnu; l’arciprete Vitalij Gavrilov, membro del Santo Sinodo della Chiesa ortodossa estone, rettore della chiesa dell'icona di Narva della Madre di Dio a Narva; l’arciprete Foma Khirvoja, rettore della chiesa di san Giovanni Battista a Tallinn; lo ieromonacoo Ilija (Sorokatij), rettore della chiesa di san Nicola il taumaturgo a Mustvee; lo ieromonaco Aleksej (Vishnevsky), sacerdote della cattedrale della Risurrezione di Cristo a Narva; il sacerdote Vyacheslav Dmitriev, rettore della Chiesa dell'Intercessione della Madre di Dio nel villaggio di Nina; il sacerdote Artemij Bondarev, chierico della cattedrale della Risurrezione di Cristo a Narva; l’arciprete Jacov Metsalu, chierico della cattedrale della Risurrezione di Cristo nella città di Narva.
Erano presenti nel tempio i membri del Santo Sinodo della Chiesa ortodossa estone, l’arciprete Daniel Lepisk, rettore della chiesa del santo principe Alexander Nevskij a Haapsalu, Sergej Mjannik, Oleg Burdejnyj, e altri membri della delegazione della Chiesa ortodossa estone del Patriarcato di Mosca.
Erano presenti al servizio divino il rappresentante plenipotenziario del Presidente della Federazione Russa nel Distretto federale centrale, Aleksandr Beglov, e il presidente della Commissione della Duma di Stato per gli Affari esteri del Consiglio federale dell'Assemblea federale della Federazione Russa, Leonid Slutsky.
Nel corso della Liturgia Sua Santità il Patriarca Kirill ha consacrato al sacerdozio il diacono Viktor Jankauskas, chierico della cattedrale in costruzione dei Nuovi martiri e confessori della Chiesa ortodossa russa nel quartiere Novokosino di Mosca, che fa parte del vicariato orientale.
Al termine della Liturgia è stato compiuto un servizio di glorificazione in onore del santo metropolita Pietro di Kiev, di Mosca e di tutta la Rus' dinanzi all'arca contenente le sue reliquie.

Il vescovo Lazar di Narva e Prichudje della Chiesa estone ha letto il messaggio del metropolita Kornilij di Tallinn e di tutta l'Estonia:

«Sono molto lieto che ho l'occasione di salutarVi in questo tempio sacro, testimonianza di importanti avvenimenti nella storia della Chiesa ortodossa russa; ma allo stesso tempo nella mia anima c’è dolore, perché in virtù della mia età non posso salutarVi personalmente. Prima di tutto, vorrei ringraziarVi per l'aiuto e il sostegno che mi avete dato, e attraverso me a tutta la Chiesa ortodossa estone, per la nomina di un assistente affidabile nella persona del vescovo vicario, con il quale effettuiamo la gestione della nostra Chiesa, facendo spesso il culto insieme.
Un grande evento sta per arrivare, nel 2020 ricorrono 100 anni da quando Sua Santità il Patriarca Tikhon ha concesso l’autonomia alla Chiesa ortodossa in Estonia. La decisione del Santo Sinodo della Chiesa ortodossa russa il 10 maggio 1920 afferma: "... In considerazione del fatto che la Chiesa estone è presente in uno Stato indipendente, gode già di autonomia in tutte le questioni ecclesiali, di amministrazione della Chiesa e di istruzione <...> si concede l’autonomia alla Chiesa ortodossa estone...", per questo cento anni fa è stato ordinato il primo vescovo estone. Fu consacrato dal futuro martire metropolita Venjamin di Pietrogrado. Un anno dopo, il vescovo Platon divenne martire della nostra Chiesa ortodossa. Così, il pastorale del santo martire metropolita Venjamin di Pietrogrado e Ladoga, colpito dal verdetto del Tribunale Rivoluzionario di Pietrogrado nel 1922 e poi glorificato tra i santi, è passato nelle mani del futuro santo martire Platon, vescovo di Revel. Questo pastorale è conservato dalla Chiesa ortodossa estone come simbolo dell'autorità della Chiesa in Estonia ed è passato da un gerarca all'altro della nostra Chiesa.
Vostra Santità, guido la Chiesa autonoma secondo la Vostra benedizione. Accetto. Grazie... Sono molto felice, Vostra Santità, per il servizio comune e per la possibilità del clero della Chiesa ortodossa estone di concelebrare con il Primo Gerarca della Chiesa Madre, sono contento che Voi potete conoscere meglio il clero dell’Estonia, tra i quali ci sono russi ed estoni.
Molti di loro hanno una notevole esperienza spirituale, l'esperienza di servire nella sacra dignità o nella buona formazione. Nella nostra Chiesa ortodossa estone del Patriarcato di Mosca stiamo vivendo molte difficoltà: molti dei nostri templi, dove svolgiamo il servizio, non appartengono a noi ma allo Stato estone, e li usiamo in prestito. Ma il Signore non ci lascia senza il Suo aiuto: tutti i templi sono attrezzati, la vita parrocchiale è organizzata, l’attività dei dipartimenti della Chiesa si stanno sviluppando, la costruzione dei templi è in corso. Negli ultimi anni, il nostro clero è stato ricostituito da giovani sacerdoti, che si sono laureati nelle scuole teologiche russe nel nuovo programma di studi. In ciò vedo anche la cura della Chiesa Madre per noi, perché la Chiesa ortodossa estone non ha una propria istituzione teologica.
Questo nella nostra Chiesa è motivo di consolazione, tra noi ha servito un sacerdote santo che la Chiesa ortodossa estone vorrebbe fosse annoverato tra i santi venerati a livello locale, si tratta dell’arciprete Valerij Povedskij, un discepolo di san Sergio Alekseevich Mechev, segretamente ordinato sacerdote dal vescovo Manuel (Lemeshevsky). Tutta la vita di padre Valerij è stata piena di sofferenze e di prove. Il luogo della sua sepoltura è visitato da persone ortodosse con una speciale devozione.
Vostra Santità, sono molto grato per il Vostro sostegno e Vi chiedo di ricordare la Chiesa ortodossa estone nelle Vostre preghiere».
Il vescovo Lazar ha presentato al Primate della Chiesa ortodossa russa l'icona del santo martire Platon, vescovo di Revel. Quindi Sua Santità il Patriarca Kirill si è rivolto ai partecipanti al culto divino con la parola primaziale.

«Vostre Eminenze e Grazie, confratelli arcipastori amati nel Signore! Reverendi padri! Madre Filareta, igumena del monastero di Pühtitsa! Cari fratelli e sorelle!
Oggi la santa Chiesa onora devotamente la memoria di san Pietro, metropolita di Kiev, di Mosca e di tutta la Rus’. L'epoca lontana, in cui ha avuto la possibilità di svolgere il suo servizio come Primate, non era facile, era un tempo di pentimento e comprensione degli errori del passato, di difficile ricerca di armonia e modi per superare la discordia interna, di un supplemento di forze per la rinascita spirituale e l'unità dei popoli della Rus’. I risultati di questo processo sono noti a tutti: il paese è diventato più forte, liberato dal giogo straniero e ha intrapreso il suo percorso di sviluppo storico. È importante sottolineare che la nostra libertà e le nostre vittorie sono state costruite sulla pietra della fede ortodossa, sulle opere vigili dei leader spirituali della Santa Rus’, sulle loro preghiere, sulla fede incrollabile nel potere della Provvidenza di Dio e la cura per il suo popolo.
La storia della Chiesa è la storia dell'azione di questa Provvidenza, che viene svolta attraverso le persone e le circostanze; è realizzata con la pazienza e la fiducia delle persone in Dio, con la lealtà e la devozione verso di Lui. Questo vale anche per l'importante data commemorativa che celebriamo oggi, il centenario dell’istituzione della cattedra di Revel, secondo l’uso corrente, il vicariato di Tallinn. Oggi, un secolo dopo, è chiamata la diocesi di Tallinn e costituisce la base della Chiesa ortodossa estone autonoma del Patriarcato di Mosca.
Mentre eseguiamo il servizio nel tempio principale della nostra Chiesa, dedicata alla Dormizione della Santissima Madre di Dio, ricordiamo il nome storico dell'Estonia - Maarjamaa, cioè la "terra di Maria". Il monastero di Pühtitsa, creato nel luogo in cui la Vergine Maria apparve ai pastori sul monte Kuremäe, è anche dedicato alla Dormizione della Madre di Dio. La nostra Chiesa ricorda l'immagine miracolosa della Madre di Dio trovata in quel luogo, la Sua apparizione al santo giusto Giovanni di Kronshtadt. Questo grande santo era il padre spirituale delle sorelle del monastero e lì ha consigliato a molte persone: "Vai a Pühtitsa, ci sono tre passi per il Regno dei Cieli".
Protetta dal patrocinio della Madre di Dio, l’Ortodossia, piantata nelle terre estoni dai missionari russi e testimoniata dal sangue dei santi martiri di Yuriev, nonostante le numerose difficoltà e prove, è cresciuta, si è rafforzata e ha portato buoni frutti. Veramente l'impresa dei martiri è il seme del cristianesimo. E mentre celebriamo oggi il 100° anniversario del vicariato di Revel, ci rendiamo conto di quanto dobbiamo al coraggio e alla fermezza degli arcipastori e dei pastori, che, durante il difficile periodo di persecuzione, hanno confessato il Signore Gesù Cristo con la parola della loro testimonianza e hanno sacrificato la loro vita fino alla morte (Ap 12,11). Tra questi santi di Dio c'è il primo santo dei nativi della terra estone, il santo vescovo martire di Revel Platon, e insieme a lui gli arcipreti Nikolaj Bezhanitskij e Mikhail Blejve, venerati anche dalla nostra Chiesa come martiri, che hanno accettato una morte crudele dagli atei che sono entrati nella loro terra.
Ai pastori che lavorarono nella terra estone durante gli anni del governo ateo, fu dato, per amore di Cristo, non solo di credere in Lui, ma anche di soffrire per Lui (Fil 1,29). Questo è stato il modo di vivere del Primate della Chiesa ortodossa estone del Patriarcato di Mosca, Sua Eminenza il metropolita Kornilij di Tallinn ed Estonia, che è anche un esempio di lealtà a Dio in quei tempi difficili, quando seguire Cristo Salvatore per ogni credente era un rischio.
Vladyka Kornilij, dopo essere sopravvissuto a molte persecuzioni da parte del governo ateo, ebbe la possibilità di difendere la Chiesa nelle nuove condizioni che sostituirono l'era della persecuzione. Giorno dopo giorno, con pazienza ha portato la difficile croce della cura arcipastorale per preservare l'unità della Chiesa. Ha anche sofferto l'amarezza delle accuse infondate e il dolore per la perdita dei luoghi sacri, che sono stati costruiti nella terra d'Estonia da molte generazioni dei nostri pii antenati.
Grazie a Dio che, nonostante tutte le prove, la Chiesa ortodossa estone del Patriarcato di Mosca oggi unisce la stragrande maggioranza dei residenti ortodossi del Paese. È la custode della fede e delle tradizioni per centinaia di migliaia di persone. Ricordo il giorno in cui ho consacrato un meraviglioso nuovo tempio in onore dell'icona della Madre di Dio «Colei che risponde prontamente» a Tallinn. Quanti erano i fedeli a questo servizio, quale stato d'animo prevaleva tra noi! Si può parlare delle persone riunite con le parole della Scrittura: avevano un solo cuore e un'anima sola (At 4,32).
Ringrazio Vladyka Kornilij per il messaggio che ci ha inviato e che è stato appena annunciato da Sua Grazia Lazar, vescovo di Narva.
Rivolgendomi a voi, confratelli arcipastori, e al clero della Chiesa estone qui presente, vorrei esortare tutti voi a conservare e ad accrescere con cura questo dono prezioso, la santa fede dei Padri, e ad osservare rigorosamente l'ordine canonico e l'unità della nostra santa Chiesa martire, a cui appartenevano i primi martiri dell'Estonia, i martiri di Revel, guidati dal sempre memorabile san Platon, morto in condizioni particolarmente difficili. Come insegna l'apostolo Paolo, siate gioiosi, tendete alla perfezione, fatevi coraggio a vicenda, abbiate gli stessi sentimenti, vivete in pace e il Dio dell'amore e della pace sarà con voi (2 Cor 13,11).
Possa il Signore Gesù Cristo mandare sempre operai alla Sua messe (Mt 9,38), mediante il potere dello Spirito Santo, edificando per la Chiesa estone persone di alta vocazione pastorale, che possano imitare il santo virtuoso Giovanni di Kronshtadt, zelante sostenitore della vita ecclesiastica tra gli ortodossi estoni, e il santo martire Platon, vescovo di Revel, e dirigire, come loro, il loro fervido lavoro per il perfezionamento dei santi, per l’opera del ministero, per l'edificazione del Corpo di Cristo (Ef 4,12)».

In ricordo del ministero congiunto con il clero della Chiesa ortodossa estone,
Sua Santità il Patriarca Kirill ha presentato in dono l'immagine di Cristo Salvatore per la cattedrale del santo principe Alexander Nevsky di Tallinn, costruita nel 1900 in memoria del miracoloso salvataggio dell'imperatore Alessandro III e della sua famiglia in un incidente ferroviario il 17/29 ottobre 1888 nella stazione di Borki, vicino alla città di Kharkov, mentre viaggiavano lungo il tragitto Kursk, Kharkov, Azov. La solenne consacrazione del tempio fu eseguita il 30 aprile 1900 da Sua Grazia Agafangel, vescovo di Riga e Mitau. Partecipò al rito san Giovanni di Kronshdat.
Il Primate della Chiesa ortodossa russa ha presentato le onorificenze della Chiesa in considerazione delle opere per il bene della santa Chiesa e in relazione al 100° anniversario dell'istituzione della cattedra estone:

• l’arciprete Juvenalij Kaarma, sacerdote della cattedrale stavropigiale del santo principe Alexander Nevskij a Tallinn, è stato insignito dell'Ordine di san Serafino di Sarov, III grado;
• Sergej Mjannik, membro del Sinodo della Chiesa ortodossa estone del Patriarcato di Mosca, è stato onorato dell’Ordine del santo principe Daniele di Mosca, III grado;
• Evgenij Tomberg, presidente del Consiglio della ong «Casa russa», ha ricevuto l'Ordine di san Serafino di Sarov, III grado;
• Natalja Lille, tesoriere della cattedrale del santo principe Alexander Nevsky a Tallinn, è stata premiata con l'Ordine di sant’Eufrosina, granduchessa di Mosca, III grado.

Sua Santità il Patriarca Kirill ha assegnato al rettore della chiesa del grande martire san Giorgio il vittorioso di Tartu, arciprete Aleksandr Aim, il diritto di indossare la mitra.

Nelle camere patriarcali del Palazzo delle Faccette del Cremlino di Mosca, Sua Santità il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus' Kirill ha incontrato i membri della delegazione della Chiesa ortodossa estone del Patriarcato di Mosca. Il Primate della Chiesa ortodossa russa si è nuovamente congratulato con il vescovo Lazar di Narva, il vescovo Sergij di Maardu e i membri della delegazione della Chiesa ortodossa autonoma di Estonia per il 100° anniversario della costituzione della diocesi di Tallinn.



<< Torna Indietro

Cattedrale patriarcale della Dormizione del Cremlino di Mosca, fondata nel 1326
Liturgia patriarcale nella cattedrale della Dormizione del Cremlino di Mosca
Servizio di preghiera dinanzi all'arca con le reliquie di san Pietro di Mosca
Agosto '17


Costi abbonamento

Abb. annuale € 30,00
Abb. benemerito € 50,00



Da versare su c/c postale n° 91231985
IBAN IT 11 E 07601 15500 0000912385
intestato a Eleousa di Fernanda Santobuono