ELEOUSA magazine
Agosto '17

Ai confini occidentali del Paese. Testimoni della bellezza e del trionfo dell'Ortodossia


Il 31 agosto Sua Santità il Patriarca di Mosca e tutta la Rus’ Kirill ha visitato la diocesi di Kaliningrad. Dopo l’elezione al trono patriarcale Sua Santità è rimasto vescovo di Kaliningrad. Il 21 ottobre 2016 il Santo Sinodo della Chiesa ortodossa russa ha deciso di stabilire nei confini amministrativi di un certo numero di distretti della regione di Kaliningrad l'eparchia di Chernyakhovsk, separandola dalla diocesi di Kaliningrad. All'interno della regione è stata costituita la metropolia di Kaliningrad, che comprende entrambe le diocesi. Titolare della diocesi di Kaliningrad è stato nominato il vescovo vicario della diocesi del Baltico Serafim (20 novembre 2016, elevato al grado di arcivescovo). Il Sinodo ha inoltre preso atto ed ha approvato la richiesta espressa dai residenti di Kaliningrad di lasciare l'Amministrazione provvisoria della metropolia di Kaliningrad a Sua Santità il Patriarca Kirill.
All'aeroporto «Khrabrovo» di Kaliningrad il Primate della Chiesa ortodossa russa ha incontrato il governatore della regione di Kaliningrad Anton Alikhanov, l’arcivescovo Serafim di Kaliningrad e del Baltico, il presidente della Duma regionale di Kaliningrad Marina Orgeeva, l’ispettore federale della regione di Kaliningrad Sergej Eliseyev, il sindaco di Kaliningrad Aleksandr Yaroshuk, il clero della diocesi. Durante il viaggio il Primate della Chiesa ortodossa russa è stato accompagnato dal capo della Segreteria amministrativa del Patriarcato di Mosca, arcivescovo Sergej di Solnechnogorsk, e dal capo del Servizio stampa del Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’, sacerdote Aleksandr Volkov. Venerdì 1 settembre, Sua Santità il Patriarca Kirill ha celebrato la Divina Liturgia nella Cattedrale di Cristo Salvatore e ha presieduto la cerimonia di apertura del terzo edificio del liceo ortodosso di Kaliningrad.


Nel giorno della festa dell’icona della Madre di Dio del Don, simbolo della vittoria e dell'unità della Russia nella battaglia di Kulikovo l’8 settembre 1380, Sua Santità il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’ Kirill ha celebrato la Liturgia nella cattedrale di Cristo Salvatore a Kaliningrad, sull'antimension da lui consacrato durante la visita primaziale in Kamchatka.
Hanno concelebrato con Sua Santità: l'arcivescovo Serafim di Kaliningrad e del Baltico; l’arcivescovo Sergej di Solnechnogorsk, capo della Segreteria amministrativa del Patriarcato di Mosca; il vescovo Nikolaj di Chernyakhovsk e Slavsk; l’arciprete Marjan Pozun, segretario della diocesi di Kaliningrad; l’arciprete Mikhail Seleznev, portavoce della Cattedrale di Cristo Salvatore di Kaliningrad; il clero della metropolia di Kaliningrad.
Al servizio erano presenti il governatore ad interim della regione di Kaliningrad Anton Alikhanov, il sindaco di Kaliningrad Aleksandr Yaroshuk, il presidente del Consiglio di amministrazione della società russa di assemblaggio auto «Autotor» Vladimir Shcherbakov.
Al termine della Liturgia, l'arcivescovo Serafim di Kaliningrad e del Baltico ha rivolto parole di benvenuto a Sua Santità il Patriarca e ha presentato in dono una copia dell'icona della Madre di Dio di Iviron, detta anche «Portaitissa», Colei che difende i confini della Patria.
Sua Santità il Patriarca Kirill si è rivolto ai fedeli con la parola primaziale. Ringraziando l'arcivescovo Serafim per la cura pastorale della diocesi di Kaliningrad, il Primate della Chiesa ortodossa russa ha detto in particolare:

«Sono lieto che il restauro della cattedrale è in fase di completamento. Oggi, quando ho esaminato questi bei dipinti, mi sono ricordato di come siamo partiti nel 1996. E quando molte persone non avevano la certezza che qualcosa sarebbe stato costruito in questo posto, ho creduto che il Signore avrebbe dato il Suo aiuto in risposta alla nostra preghiera. Abbiamo attraversato grandi difficoltà, tra cui la crisi del 1998, quando la costruzione era stata quasi interrotta, ma anche allora un piccolo gruppo di operai ha lavorato qui e io ho detto: "Nessuno ci aiuterà, ma non possiamo smettere di costruire".
Quando gli abitanti di Kaliningrad visitavano questo luogo rimanevano sorpresi nel vedere come mattone dopo mattone questa cattedrale sorgeva, quando nulla era stato costruito intorno. Ed oggi possiamo dire che stiamo quasi arrivando alla fine, ancora molto poco e la cattedrale sarà completamente terminata. Ma già adesso, guardando queste mura, chiunque guardando ciò che sta accadendo può capire che tali grandi realizzazioni non possono essere compiute senza l'aiuto di Dio. Molti hanno aiutato, molti hanno contribuito con i loro soldi, il numero di tali persone non può essere contato. Ma se mi chiedete: "Chi ha realmente costruito la cattedrale?", non risponderò a questa domanda. Non lo so. E sono sicuro che il potere di Dio ha ispirato le persone, coloro che hanno donato, quelli che hanno lavorato e con la grazia di Dio hanno creato queste splendide mura sul confine occidentale della Russia come testimonianza della bellezza e del trionfo dell'Ortodossia».

In ricordo del servizio, Sua Santità il Patriarca Kirill ha presentato in dono l’icona di san Nilo di Stolobny con una particella delle reliquie.
«Quest'anno abbiamo celebrato il 350° anniversario del ritrovamento delle reliquie del santo. Ho eseguito un servizio solenne nel deserto di san Nilo di Stolobny, nella regione di Tver, in uno dei monasteri più maestosi della Russia. È stato lì che ho preso questa immagine con una particella delle sue reliquie e vorrei che fosse presente in questo tempio santo. Attraverso le preghiere di san Nilo lasciate che il Signore benedica la terra di Kaliningrad», ha concluso Sua Santità il Patriarca Kirill.



<< Torna Indietro

Cattedrale dei Cristo Salvatore a Kaliningrad
Sua Santità il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus' a Kaliningrad
Divina Liturgia nella cattedrale di Cristo Salvatore
Agosto '17


Costi abbonamento

Abb. annuale € 30,00
Abb. benemerito € 50,00



Da versare su c/c postale n° 91231985
IBAN IT 11 E 07601 15500 0000912385
intestato a Eleousa di Fernanda Santobuono