ELEOUSA magazine
Agosto '17

Capaci di un ministero profetico. L'Arcivescovo di Canterbury in visita a Mosca


Si è svolto a Mosca presso la residenza patriarcale e sinodale nel Monastero stavropigiale di San Daniele, l’incontro tra Sua Santità il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’ Kirill e l’Arcivescovo di Canterbury Justin Welby. Il capo della Comunione anglicana ha visitato per la prima volta la Russia dopo la riunione avuta con lo stesso Primate della Chiesa ortodossa russa a Londra in occasione delle celebrazioni per il 300° anniversario della presenza russa nel Regno Unito. Al termine dei colloqui è stata adottata una Dichiarazione congiunta sul sostegno dei cristiani in Medio Oriente e in Africa.


Ad accompagnare l’Arcivescovo di Canterbury a Mosca c’erano il vescovo di Ebbsfleet Jonathan Goodall, il vescovo di Gibilterra in Europa Robert Innes, il sacerdote William Adam, consigliere dell'Arcivescovo di Canterbury per le relazioni ecumeniche, il sacerdote Malcolm Rogers, rettore della Chiesa anglicana di Sant'Andrea a Mosca, il canonico David Porter e la signora Ailsa Anderson-Cole, consigliere dell'Arcivescovo di Canterbury per le relazioni esterne.
Per la Chiesa ortodossa russa hanno partecipato all’incontro il presidente del Dipartimento per le relazioni ecclesiastiche esterne (Decr) del Patriarcato di Mosca, metropolita Hilarion di Volokolamsk, l'arcivescovo Elisej di Surozh, l’archimandrita Filaret (Bulekov), vicepresidente del Decr, e lo ieromonaco Stefan (Igumnov), segretario del Decr per le relazioni intercristiane.
ll Primate della Chiesa ortodossa russa si è detto felice di continuare la significativa conversazione con l'Arcivescovo di Canterbury, iniziata a Londra, durante la sua visita nel Regno Unito.
Sottolineando che la Chiesa ortodossa russa e la Comunione anglicana mantengono contatti dal XVI secolo, Sua Santità ha affermato: «Già in quei secoli lontani, molto prima che i cristiani entrassero in un dialogo e cooperazione intensi, i russi e gli inglesi, appartenenti a diverse confessioni, hanno avuto l'opportunità di incontrarsi e conoscersi».
Come ha ricordato Sua Santità il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’ Kirill, il Comitato di coordinamento per la cooperazione tra la Chiesa ortodossa russa e la Chiesa d'Inghilterra ha lavorato con successo negli ultimi vent’anni. «Vorrei anche notare con soddisfazione che, con l'assistenza dell'Ambasciata russa in Gran Bretagna e dell'Ambasciata britannica a Mosca, si sono svolti vari incontri, compresi i simposi sul futuro del cristianesimo in Europa. Trovo che tali incontri siano particolarmente utili in questo momento difficile», ha aggiunto il Primate della Chiesa ortodossa russa.
Uno degli ambiti, in cui la cooperazione tra le due Chiese è stata promossa con successo, è lo scambio di studenti. «Alcuni dei nostri studenti continuano la loro istruzione in Gran Bretagna, - ha detto Sua Santità. - E in Russia abbiamo organizzato la Scuola di dottorato e alti studi teologici dei Ss. Cirillo e Metodio e l'Istituto estivo per il personale della Chiesa d'Inghilterra. Questo progetto permette al clero della Chiesa anglicana di saperne di più sulla vita della Chiesa ortodossa russa, sulla nostra liturgia, spiritualità e pastorale sociale».
Nel corso della conversazione Sua Santità il Patriarca ha anche toccato il tema dei fenomeni di crisi nella società di oggi. «L'umanità è ora entrata, non ho paura di dire, in una crisi globale molto difficile, - ha sottolineato. - Non si tratta solo delle difficoltà economiche che hanno colpito quasi tutto il mondo, ma anche il numero delle guerre è aumentato. Dopo la fine della guerra fredda, tutti abbiamo sognato che sarebbe arrivato il tempo per la pace e la cooperazione, ma il numero dei conflitti locali sta aumentando e assumono proporzioni molto serie, le grandi potenze vengono attirate in queste situazioni di conflitto. Allo stesso tempo, i problemi sociali stanno diventando più complicati. La disuguaglianza sociale sta crescendo su scala globale. Politici, economisti e culturologi stanno cercando di trovare le risposte al perché tutto questo sta accadendo oggi. Ma penso che noi cristiani dovremmo avere la nostra risposta: tutta la cattiva vita delle persone viene dal peccato umano. Se la crisi globale cresce, se il male assume una dimensione globale, diventa molto radicale, allora qualcosa accade nelle anime delle persone, e questo è accompagnato dall’allontanamento di una persona da Dio. Abbiamo sperimentato gli stessi sentimenti in Unione Sovietica e abbiamo capito come l'ateismo della società abbia avuto un impatto negativo su tutta la vita. Ma la debolezza di quell'ateismo era la conseguenza della volontà di instaurare un’ideologia. Le ideologie non vivono a lungo. L'ideologia è scomparsa e l'ateismo è finito».
Quello che sta accadendo oggi nel mondo, specialmente nei Paesi occidentali, è molto più spaventoso di quello che era successo alla religione nell'Unione Sovietica, ha sottolineato il Primate della Chiesa ortodossa russa. «Dio viene espulso dalla vita delle persone, e la legge morale divina viene ignorata. Ciò che è particolarmente distruttivo è il fatto che ignorare la legge morale divina assume la forma della legge dello Stato. Questa è una tendenza molto pericolosa. Se le persone costringono la legge dello Stato a cercare di commettere un peccato o ad associarsi con il peccato, allora entreremo in una sorta di realtà apocalittica», ha sottolineato Sua Santità.
Sua Santità il Patriarca Kirill ha posto una domanda: le comunità cristiane sono in grado di fermare questo processo oggi, sono capaci di un ministero profetico? «Una volta, durante l'era sovietica, in un dialogo con i nostri partner occidentali, siamo stati messi in una posizione scomoda da una domanda: potete criticare il vostro governo, potete criticare la sua politica? È stato difficile per noi rispondere a questa domanda, perché vivevamo sotto il totalitarismo, - il Primate della Chiesa ortodossa russa ha condiviso i suoi ricordi. - Ma ora chiediamo ai cristiani occidentali che non vivono in una società totalitaria: potete criticare il vostro governo, potete criticare i mezzi di comunicazione di massa, i potenti di questo mondo? Insieme dobbiamo riflettere su questi argomenti. Pertanto, nell’attuale disagio, specialmente per i cristiani occidentali, noi nella Chiesa ortodossa russa non siamo pronti a rinunciare ai nostri contatti storici con i cristiani occidentali. Ci sforziamo in una conversazione aperta e onesta l'uno con l'altro per dichiarare le nostre posizioni e, per quanto possibile, raggiungere una comprensione comune, anche sugli eventi che accadono in particolare nel mondo di oggi».
Esprimendo profonda preoccupazione per la situazione dei cristiani in Medio Oriente e in Nord Africa, Sua Santità il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’ Kirill ha detto che la Chiesa russa è stata tra le prime a parlare al mondo circa l'oppressione dei cristiani nella regione del Medio Oriente, specialmente in connessione con il sequestro dei territori siriani da parte di gruppi terroristici. «Abbiamo assistito alla distruzione dei templi da parte dei terroristi, alla profanazione dei monasteri, al modo in cui i credenti in Cristo sono stati espulsi dalla “Valle dei cristiani” in Siria, - ha sottolineato Sua Santità. - Ben consapevoli della situazione in questa regione, ci siamo resi conto che l'esistenza stessa dei cristiani è in bilico. Ecco perché accogliamo con favore la vera vittoria sui gruppi terroristici in Siria, raggiunta anche con la partecipazione della Federazione Russa».
Nel 2016, il tema della situazione dei cristiani in Medio Oriente è stato al centro della conversazione tra il Patriarca di Mosca e tutta la Rus’ Kirill e Papa Francesco all'Avana.
«Ringrazio il Signore che è stato durante quell'incontro che la situazione è stata descritta come un genocidio della minoranza cristiana, - ha detto il Primate della Chiesa ortodossa russa. - Questa parola è stata evitata nell'establishment politico, ma in seguito è stata ampiamente utilizzata a vari livelli, incluso il Congresso degli Stati Uniti. Credo che l'incontro bilaterale abbia dato il suo importante contributo in termini di cambiamento dell’atteggiamento della comunità mondiale nei confronti del problema delle minoranze cristiane».
Ma il problema di preservare la presenza cristiana in Medio Oriente non è stato esaurito, e la sua acutezza rimane, ha detto Sua Santità il Patriarca Kirill. Il numero della popolazione cristiana in vari Paesi della regione è fortemente diminuito. Ad esempio, in Iraq ci sono ora circa 150mila cristiani, mentre prima dell'inizio degli eventi drammatici in questo Paese viveva un milione e mezzo circa di cristiani. Una situazione simile si osserva sul suolo siriano.
Il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus' ha condiviso con il suo interlocutore il dolore in relazione a ciò che sta accadendo nella vita religiosa dell'Ucraina. «Sfortunatamente, ci sono forze che stanno cercando di trasferire il profondo conflitto civile nella sfera religiosa, - ha detto il Primate della Chiesa ortodossa russa. - Con piena responsabilità parlo delle gravi violazioni dei diritti umani e della libertà religiosa in Ucraina oggi: gli edifici ecclesiastici della Chiesa ortodossa canonica, contro cui viene condotta una propaganda assolutamente sfrenata, vengono sequestrati. Sembra che le autorità ucraine vogliano dividere il loro popolo anche su base religiosa. È difficile capire da cosa sono guidati, ma, forse, la cosa più terribile che possa accadere all'Ucraina nel suo stato attuale è un profondo conflitto religioso».
Come ha ricordato Sua Santità il Patriarca, i deputati nazionalisti radicali hanno anche proposto di adottare diverse leggi nella Verkhovna Rada che legalizzerebbero il sequestro delle chiese e la discriminazione della Chiesa ortodossa ucraina, che ha 12.000 parrocchie e unisce la stragrande maggioranza degli ortodossi in Ucraina. Notando che una delle leggi considerate presuppone un controllo speciale dello Stato su tutte le nomine del personale in questa Chiesa, Sua Santità ha ricordato che questo non c’era nemmeno in epoca sovietica.
«Ringrazio molte persone che hanno risposto alla mia richiesta di opporsi a queste leggi. Un ringraziamento speciale va a Sua Santità il Papa Francesco e al Segretario Generale del Consiglio Ecumenico delle Chiese, il pastore Olaf Fuks Tveit, così come ai miei confratelli, i Primati delle Chiese ortodosse locali. Insieme, questi disegni di legge sono stati fermati, ma non abbiamo la garanzia che non compariranno più nell'agenda del parlamento ucraino».
Sua Santità ha consegnato al capo della Comunione anglicana un documento sulla posizione della Chiesa ortodossa in Ucraina oggi.
Durante l'incontro, il Primate della Chiesa ortodossa russa ha citato la visita dell'Arcivescovo di Canterbury Justin Welby alla Chiesa anglicana di Sant'Andrea apostolo a Mosca.
Come ha raccontato Sua Santità il Patriarca, la storia del ritorno di questo tempio non è stato facile: «Nel 1994 Sua Maestà la Regina Elisabetta, in visita in Russia, sollevò la questione di concedere questo tempio alla comunità anglicana in un incontro con il presidente Boris Eltsin. Per varie ragioni e anche a causa di problemi interni nella stessa comunità anglicana, la decisione non è stata presa. Ho ricevuto richieste anche dalla stessa comunità anglicana. E nell'estate 2016 ho chiesto al governo di trasferire il complesso degli edifici della Chiesa di Sant'Andrea in uso gratuito alla comunità anglicana per 49 anni. Accolgo con favore i cambiamenti che si stanno verificando oggi nella vita di questa comunità, tra cui la nomina del nuovo rettore. Spero che la comunità si sviluppi e il tempio sarà restaurato».
Sua Santità ha anche ricordato che la Chiesa ortodossa russa ha rivolto un appello alle autorità di Mosca per includere la Chiesa anglicana di Sant'Andrea nel programma generale di restauro dei monumenti architettonici a Mosca. Il Dipartimento per le relazioni ecclesiastiche esterne e il suo presidente, il metropolita Hilarion di Volokolamsk, partecipano attivamente alla realizzazione di questo programma. «Anche se, come sapete, la situazione economica è difficile in tutto il mondo, e anche in Russia, cercheremo di aiutare la comunità anglicana nella soluzione di questo problema», ha detto Sua Santità il Patriarca di Mosca e tutta la Rus’ Kirill rivolgendosi all’illustre ospite.
Da parte sua, l'Arcivescovo di Canterbury ha dichiarato: «È un grande onore e un piacere essere qui, come parte della mia prima visita in questo Paese, e vorrei ringraziare di cuore per la calorosa accoglienza». Egli ha anche condiviso i ricordi della visita di Sua Santità il Patriarca Kirill nel Regno Unito, nel corso della quale, in particolare, hanno avuto luogo la consacrazione della Cattedrale della Dormizione dopo la ricostruzione, l’incontro con la regina di Gran Bretagna Elisabetta II, la conversazione del Primate della Chiesa russa con l'Arcivescovo Justin Welby a Lambeth Palace.
«Voi avete sollevato questioni sia specifiche che di rilevanza mondiale, e giustamente avete fatto notare che molti di questi problemi sono legati all'antropologia, con la natura dell'essere umano», ha detto il capo della Comunione anglicana. Egli ha affermato di essere d'accordo con Sua Santità il Patriarca Kirill che «l’egemonia dell'ateismo e il secolarismo rappresentano una sfida alla libera espressione delle opinioni religiose e specialmente di quelle cristiane».
Tra le questioni che il capo della Chiesa anglicana ritiene importante discutere con il Primate della Chiesa ortodossa russa ci sono il problema dell'estremismo e del terrorismo in Medio Oriente e in altre parti del mondo, la situazione dei cristiani e di altre minoranze religiose in queste regioni e il problema dei rifugiati. Secondo diverse stime, ci sono 65 milioni di rifugiati nel mondo, ha sottolineato.
«La persecuzione dei cristiani in Medio Oriente è una questione di crisi globale», ha detto l'Arcivescovo Justin Welby rivolgendosi a Sua Santità il Patriarca Kirill. - Avete anche notato la pressione sulla libertà di espressione che i cristiani affrontano negli Stati occidentali. Vorrei porre un'attenzione speciale sui legami fraterni delle nostre Chiese, perché attraverso il dialogo siamo in grado di rafforzarci a vicenda. E venendo qui in Russia, tenendo conto della storia che questo Paese ha vissuto dopo il 1917, ammiro l'esempio di coraggio e fedeltà dimostrato dalla Chiesa ortodossa russa. Questo coraggio è un esempio per molti Paesi e per molte Chiese in tutto il mondo che hanno vissuto o stanno vivendo momenti difficili».
A seguito dell'incontro di Sua Santità il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’ Kirill con l’Arcivescovo di Canterbury Justin Welby, è stata adottata la Dichiarazione congiunta sul sostegno dei cristiani in Medio Oriente e dell'Africa.
Poi le parti si sono scambiate i doni.


«Noi, il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus' Kirill e l'Arcivescovo di Canterbury Justin Welby, Primate di tutta l'Inghilterra e Metropolita, rendiamo grazie a Dio per l’opportunità di incontrarci a Mosca per rendere testimonianza con una sola voce dinanzi al mondo intero ai nostri fratelli e sorelle perseguitati per la loro fede in Cristo. Non possiamo rimanere indifferenti dinanzi alle afflizioni dei nostri fratelli, perché "se un membro soffre, tutte le membra soffrono insieme; e se un membro è onorato, tutte le membra gioiscono con lui (1 Cor 12, 26).
In molti Paesi del Medio Oriente e dell'Africa i cristiani sono perseguitati con uccisioni di massa, con la barbara distruzione
di chiese, con la profanazione di luoghi santi e l'espulsione di milioni di persone dalle loro case. I nostri cuori sono addolorati dall'esodo di massa della popolazione cristiana da quei luoghi in cui la Buona Novella ha iniziato ad essere diffusa in tutto il mondo. I cristiani soffrono anche forme più sottili di discriminazione, dove la vita è resa così difficile che è più facile per loro lasciare la loro antica Patria che rimanere.
Ormai, la guerra ha portato via decine di migliaia di vite e ha lasciato milioni di persone senza casa e senza mezzi di sostentamento.
La necessità di mantenere una presenza cristiana in Medio Oriente e il ritorno dei rifugiati richiede sicurezza, il ripristino delle infrastrutture sociali e degli alloggi, il ristabilimento delle condizioni in cui clero possa svolgere il ministero e il restauro delle chiese distrutte.
Facciamo appello alla comunità internazionale affinché intraprenda un'azione immediata per sostenere i cristiani e altri gruppi in Medio Oriente. Servono assistenza umanitaria su vasta scala per le persone sofferenti e i numerosi rifugiati, compresi quelli che ora si trovano nei Paesi dell'Europa e dell'America. La Sacra Scrittura dice che "il misericordioso fa del bene alla sua anima, ma il crudele tortura la sua propria" (Prv 11, 17).
La ricostruzione postbellica della Siria e dell'Iraq è un argomento della massima importanza per la cooperazione pratica tra i cristiani nei prossimi anni. "Portate i pesi gli uni degli altri, e in questo modo adempirete la legge di Cristo", dice l'apostolo Paolo (Gal 6, 2).
Non dovremmo dimenticare la prevenzione dell'ideologia dell'estremismo, che sotto l'influenza di militanti si è diffusa in tutto il mondo come un'epidemia. Chiediamo ai leader religiosi e politici di tutto il mondo di unire le forze per trovare un modo efficace per contrastare l'estremismo. Un aspetto importante di questa cooperazione è il dialogo interreligioso. Le differenze nella dottrina non dovrebbero impedire ai rappresentanti delle diverse religioni di vivere in pace e armonia, pegno di un futuro di bene per il mondo intero.
Nell'esprimere solidarietà ai cristiani del Medio Oriente, ci rivolgiamo a loro con le parole apostoliche: "Dobbiamo sempre rendere grazie a Dio per voi, fratelli, come è giusto, perché la vostra fede fa grandi progressi e l’amore di ciascuno di voi verso gli altri va crescendo. Così noi possiamo gloriarci di voi nelle Chiese di Dio, per la vostra perseveranza e la vostra fede in tutte le vostre persecuzioni e tribolazioni che sopportate. È questo un segno del giusto giudizio di Dio, perché siate fatti degni del regno di Dio, per il quale soffrite" (2 Ts 1, 3-5)».



<< Torna Indietro

Chiesa dei Santi Padri dei Sette Concili Ecumenici del Monastero di San Daniele, uno dei più antichi monasteri della Russia (1282)
Firma della Dichiarazione congiunta
Mosca
Stretta di mano tra l'Arcivescovo di Canterbury e il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus'
Agosto '17


Costi abbonamento

Abb. annuale € 30,00
Abb. benemerito € 50,00



Da versare su c/c postale n° 91231985
IBAN IT 11 E 07601 15500 0000912385
intestato a Eleousa di Fernanda Santobuono