ELEOUSA magazine
Agosto '17

Sarà ricostruita una delle più belle cattedrali russe


Prima della rivoluzione russa, la Chiesa della Dormizione del Monastero di Sarov era considerata una delle più belle cattedrali russe, un vero e proprio gioiello. La cattedrale è stata il primo edificio in pietra del monastero, il suo tempio principale. Fu qui che dal 1903, anno della canonizzazione di san Serafino di Sarov, fino alla sua chiusura nel 1925 sono state conservate le reliquie del santo.
Inizialmente, la cupola della chiesa, costruita negli anni 1730-1744 a spese del mercante di Mosca Demidov, era di dimensioni piuttosto modeste, era alta meno di 15 metri. Il 25 agosto 1744 il tempio fu consacrato in onore della Dormizione della Madre di Dio.
Nel 1777, su progetto del novizio dell’eremo di Sarov, architetto Ivan Fedorov, la cattedrale fu costruita più grande: 55,7 x 27,2 metri, con un’altezza fino alla sommità della croce di 60 metri. Il tempio fu consacrato nell’agosto del 1778. Una caratteristica distintiva del suo interno era l’iconostasi dorata intagliata a cinque livelli con le icone bizantine, alta 19 metri al centro e 27 ai lati. Secondo la tradizione, il disegno dell’iconostasi fu realizzato dall’architetto Rastrelli.
All'interno, le pareti della cattedrale sono state riccamente decorate con affreschi sul tema del Vecchio e del Nuovo Testamento. Nella mura della chiesa sono stati sepolti molti abati di Sarov. Sul lato sud-orientale del tempio, presso l'altare, erano sepolti due famosi eremiti del monastero, san Serafino di Sarov e lo schimonaco Mark il silenzioso.
Nel 1925 il Monastero di Sarov fu chiuso. La Cattedrale della Dormizione divenne fatiscente e nel 1951 fu fatta saltare in aria. La ragione formale era abbastanza plausibile: le scosse sismiche causate dalle esplosioni nei siti di produzione del Centro nucleare avrebbero causato il crollo. Sono state distrutte quasi tutte le fondamenta e successivamente, solo grazie alla conoscenza e all’esperienza di archeologi della società di Mosca «Simargl», sotto la direzione di Elena Khvorostova, che ha supervisionato gli scavi, è stato possibile determinare la posizione della cattedrale, nonché chiarire la posizione della sepoltura di san Serafino di Sarov e dello schimonaco Mark il silenzioso.
Nel 1991, i membri dell'associazione storica «Eremo di Sarov» posero sul sito della chiesa una pietra commemorativa e nel 2002 una croce. Nel 2004, è stata restaurata la cappella sopra la tomba di san Serafino, costruita alla fine del XIX secolo. Nel 2006 il Sacro Sinodo ha deciso di ripristinare la vita monastica.
Nella primavera del 2016 sono iniziati i lavori di ricostruzione della Cattedrale della Dormizione. Il progetto di ricreare il tempio principale dell’eremo di Sarov è stato realizzato dalla società «Centro regionale di ingegneria». Durante la progettazione è stato tenuto conto di tutte le caratteristiche del sottosuolo, associate all’elevata area carsica, alla vicinanza della grotta e all’attività sismica.
Il Centro nucleare federale russo, presente nell'eremo dal 1946, ha creato lo scudo nucleare per la difesa del Paese. Secondo il Patriarca Kirill, l'unione della scienza con il potere spirituale è l'unica forza che può garantire il progressivo sviluppo della civiltà umana e proteggere la razza umana dall'estinzione.



<< Torna Indietro

Cattedrale della Dormizione di Sarov (1903)
Agosto '17


Costi abbonamento

Abb. annuale € 30,00
Abb. benemerito € 50,00



Da versare su c/c postale n° 91231985
IBAN IT 11 E 07601 15500 0000912385
intestato a Eleousa di Fernanda Santobuono